Sei un professionista sanitario? Iscriviti
Medicina Termale Ortognatodonzia Agopuntura Allergologia Anatomia ed istologia patologica Andrologia Anestesia Angiologia Audiologia Auxologia Biochimica clinica Cardiochirurgia Cardiochirurgia pediatrica Cardiologia Check-up Chinesiologia Chiropratica Chirurgia ambulatoriale Chirurgia d'urgenza Chirurgia del piede Chirurgia dell'apparato digestivo Chirurgia dell'obesità Chirurgia della mano Chirurgia della spalla Chirurgia endoscopica Chirurgia epato biliare Chirurgia generale Chirurgia laparoscopica Chirurgia maxillo facciale Chirurgia mininvasiva Chirurgia oncologica Chirurgia orale Chirurgia pediatrica Chirurgia plastica Chirurgia refrattiva Chirurgia senologica Chirurgia toracica Chirurgia toracico-vascolare Chirurgia vascolare Consulente Olistico Consulente Professionale in Allattamento Materno Counseling Criminologia Cure termali Day hospital Day surgery Dermatologia Dermosifilopatia Detenuti Diabetologia Diagnostica per immagini Dietologia Educatore Professionale Ematologia Emodialisi Emodinamica e chirurgia endoluminale Endocrinologia Endodonzia Endoscopia Epatologia Farmacia Farmacologia clinica Fisiatria Fisiokinesiterapia Fisiopatologia della riproduzione Fisioterapia Flebologia Foniatria Gastroenterologia Genetica Geriatria Ginecologia Gnatologia Grafologia Grandi ustioni Grandi ustioni pediatriche Hospice Igiene dentale Igiene e medicina preventiva Immunologia Implantologia Infermieristica Iridologia Laboratorio analisi Logopedia Lungodegenti Malattie infettive e tropicali Medicazioni Medicina complementare Medicina del dolore Medicina del lavoro Medicina dello sport Medicina di comunità Medicina estetica Medicina fisica e riabilitativa Medicina generale Medicina interna Medicina iperbarica Medicina legale Medicina metabolica Medicina molecolare Medicina nucleare Medicina psicosomatica Medicina subacquea Medicina tropicale Microbiologia e virologia Microchirurgia Musicoterapia Naturopatia Nefrologia Nefrologia (abilitaz. al trapianto) Nefrologia pediatrica Neonatologia Neuro-riabilitazione Neurochirurgia Neurochirurgia pediatrica Neurofisiopatologia Neurologia Neuropsichiatria Neuropsichiatria infantile Neuropsicologia Neuropsicomotricità Nido Nutrizione Nutrizione e dietistica Nutrizione Olistica Oculistica Odontoiatria conservativa Odontoiatria e stomatologia Odontostomatologia Omeopatia Omotossicologia Oncoematologia Oncoematologia pediatrica Oncologia Optometria Ortodonzia Ortopedia e traumatologia Ortopedia-chirurgia della colonna vertebrale Ortottica OSA - Operatore Socio Assistenziale OSS - Operatore Socio Sanitario Ossigenoterapia Osteopatia Ostetricia Otologia Otorinolaringoiatria Parodontologia Patologia Clinica Pedagogia Clinica Pediatria Pedodonzia - odontoiatria pediatrica Pensionanti Pneumologia Podologia Posturologia Proctologia Pronto Soccorso Protesi dentaria Psichiatria Psicologia Psicoterapia Radiologia Radioterapia Radioterapia oncologica Recupero e riabilitazione funzionale Recupero e riabilitazione posturale Reumatologia Riabilitazione Riabilitazione cardiologica Riabilitazione neuromotoria e ortopedica Riabilitazione ortopedica Riabilitazione psiconeurogeriatrica Rianimazione RSA - Case di Riposo Salute mentale Scienza dell'Alimentazione Senologia Sessuologia Shiatsu Stroke unit Tecniche di radiologia medica Tecnico Audioprotesista Tecnico Ortopedia Tecnico sanitario di neurofisiopatologia Terapia del dolore Terapia intensiva Terapia intensiva neonatale Tossicologia Unità coronarica Unità spinale Urologia Urologia pediatrica Vulnologia Week surgery

Cerca

Chiudi
Specialità
Città
Medicina Termale Ortognatodonzia Agopuntura Allergologia Anatomia ed istologia patologica Andrologia Anestesia Angiologia Audiologia Auxologia Biochimica clinica Cardiochirurgia Cardiochirurgia pediatrica Cardiologia Check-up Chinesiologia Chiropratica Chirurgia ambulatoriale Chirurgia d'urgenza Chirurgia del piede Chirurgia dell'apparato digestivo Chirurgia dell'obesità Chirurgia della mano Chirurgia della spalla Chirurgia endoscopica Chirurgia epato biliare Chirurgia generale Chirurgia laparoscopica Chirurgia maxillo facciale Chirurgia mininvasiva Chirurgia oncologica Chirurgia orale Chirurgia pediatrica Chirurgia plastica Chirurgia refrattiva Chirurgia senologica Chirurgia toracica Chirurgia toracico-vascolare Chirurgia vascolare Consulente Olistico Consulente Professionale in Allattamento Materno Counseling Criminologia Cure termali Day hospital Day surgery Dermatologia Dermosifilopatia Detenuti Diabetologia Diagnostica per immagini Dietologia Educatore Professionale Ematologia Emodialisi Emodinamica e chirurgia endoluminale Endocrinologia Endodonzia Endoscopia Epatologia Farmacia Farmacologia clinica Fisiatria Fisiokinesiterapia Fisiopatologia della riproduzione Fisioterapia Flebologia Foniatria Gastroenterologia Genetica Geriatria Ginecologia Gnatologia Grafologia Grandi ustioni Grandi ustioni pediatriche Hospice Igiene dentale Igiene e medicina preventiva Immunologia Implantologia Infermieristica Iridologia Laboratorio analisi Logopedia Lungodegenti Malattie infettive e tropicali Medicazioni Medicina complementare Medicina del dolore Medicina del lavoro Medicina dello sport Medicina di comunità Medicina estetica Medicina fisica e riabilitativa Medicina generale Medicina interna Medicina iperbarica Medicina legale Medicina metabolica Medicina molecolare Medicina nucleare Medicina psicosomatica Medicina subacquea Medicina tropicale Microbiologia e virologia Microchirurgia Musicoterapia Naturopatia Nefrologia Nefrologia (abilitaz. al trapianto) Nefrologia pediatrica Neonatologia Neuro-riabilitazione Neurochirurgia Neurochirurgia pediatrica Neurofisiopatologia Neurologia Neuropsichiatria Neuropsichiatria infantile Neuropsicologia Neuropsicomotricità Nido Nutrizione Nutrizione e dietistica Nutrizione Olistica Oculistica Odontoiatria conservativa Odontoiatria e stomatologia Odontostomatologia Omeopatia Omotossicologia Oncoematologia Oncoematologia pediatrica Oncologia Optometria Ortodonzia Ortopedia e traumatologia Ortopedia-chirurgia della colonna vertebrale Ortottica OSA - Operatore Socio Assistenziale OSS - Operatore Socio Sanitario Ossigenoterapia Osteopatia Ostetricia Otologia Otorinolaringoiatria Parodontologia Patologia Clinica Pedagogia Clinica Pediatria Pedodonzia - odontoiatria pediatrica Pensionanti Pneumologia Podologia Posturologia Proctologia Pronto Soccorso Protesi dentaria Psichiatria Psicologia Psicoterapia Radiologia Radioterapia Radioterapia oncologica Recupero e riabilitazione funzionale Recupero e riabilitazione posturale Reumatologia Riabilitazione Riabilitazione cardiologica Riabilitazione neuromotoria e ortopedica Riabilitazione ortopedica Riabilitazione psiconeurogeriatrica Rianimazione RSA - Case di Riposo Salute mentale Scienza dell'Alimentazione Senologia Sessuologia Shiatsu Stroke unit Tecniche di radiologia medica Tecnico Audioprotesista Tecnico Ortopedia Tecnico sanitario di neurofisiopatologia Terapia del dolore Terapia intensiva Terapia intensiva neonatale Tossicologia Unità coronarica Unità spinale Urologia Urologia pediatrica Vulnologia Week surgery
Sei un professionista sanitario? Iscriviti

Acidità di stomaco

Contenuto di:
Curatore scientifico: Dr. Natale Saccà , Medico Chirurgo
Indice contenuto:
  1. Che cosa è l’acidità di stomaco?
  2. Quali sono i sintomi?
  3. Quali sono le cause dell’acidità di stomaco?
  4. Come si cura il bruciore di stomaco?
  5. Quali sono i rimedi?
  6. Acidità di stomaco: cosa mangiare?
  7. Acidità di stomaco: quali farmaci assumere?

Che cosa è l’acidità di stomaco?

L’acidità di stomaco o iperacidità gastrica è una condizione che si verifica quando il volume dei succhi gastrici è più alto del normale, tanto da abbassare fortemente il pH dello stomaco. Se lo stomaco e gli altri organi annessi come l’esofago e l’intestino riescono a tollerare le alterazioni del pH, allora la condizione non genera alcun tipo di sintomo. 

Quali sono i sintomi?

In genere, quando stomaco, esofago e duodeno sono in grado di gestire i cambiamenti nella secrezione degli acidi, tale patologia passa inosservata. Altre volte, invece, i sintomi che avverte il paziente sono identificabili come un forte bruciore di stomaco, che include:

Tutti questi sintomi sono tipici di gastriti, ulcere peptiche e reflusso acido.

Quali sono le cause dell’acidità di stomaco?

L’acidità di stomaco è di solito causata dalla sindrome da reflusso gastroesofageo, sindrome che potrebbe anche essere asintomatica e che deve, comunque, essere diagnosticata da uno specialista gastroenterologo.

L’acidità di stomaco e il conseguente bruciore non hanno nulla a che fare con il cuore anche se il disagio dell’acidità di stomaco può essere confuso con il dolore del cuore e viceversa. Acidità di stomaco è un termine popolare per indicare ciò che in medicina viene chiamato pirosi.

Come si cura il bruciore di stomaco?

I farmaci antiacido aiutano a neutralizzare l'acido gastrico e sono utili rimedi per alleviare i sintomi del bruciore di stomaco. Altri farmaci, come gli inibitori della pompa protonica e gli antagonisti dei recettori H2 sono impiegati per ridurre le secrezioni dei succhi gastrici.

Infine, i farmaci procinetici aiutano a velocizzare lo svuotamento gastrico e sono dei rimedi particolarmente utilizzati per il mal di stomaco, nei casi di reflusso acido. 

Quali sono i rimedi?

Un regime dietetico può regolare la produzione di acido gastrico solo in maniera moderata. Tuttavia, attraverso la dieta è possibile ridurre i sintomi e prevenire il principio di eccesso di acido gastrico. Inoltre, è necessario apportare dei cambiamenti nello stile di vita per poter gestire al meglio l'insorgenza di gastriti, ulcere peptiche e reflusso acido:

  • evitare cibi complessi che tendono a far insorgere l'acidità, come per esempio alcol, bevande a base di caffeina, bevande gassate, cibi speziati e ad alto contenuto di conservanti;
  • evitare i cibi grassi, che aumentano le secrezioni degli acidi gastrici;
  • evitare gomme da masticare e tabacco;
  • fare diversi pasti durante l'arco della giornata, a piccole dosi;
  • evitare di sdraiarsi subito dopo aver mangiato;
  • praticare una moderata attività, come una camminata, può aiutare a ridurre i sintomi del bruciore di stomaco, tuttavia esercizi estremamente faticosi devono essere evitati;
  • smettere di fumare.

Acidità di stomaco: cosa mangiare?

Quando l’acidità di stomaco inizia a manifestarsi di frequente, può diventare un disturbo molto fastidioso. Tuttavia è possibile riuscire a ridurne i sintomi cambiando le proprie abitudini alimentari e il proprio stile di vita.

I cibi da evitare o da mangiare con moderazione sono:

  • bevande alcoliche: l’alcol può irritare la parete dello stomaco e provocare una maggiore produzione di succhi gastrici;
  • latte: è un elemento fondamentale della dieta quotidiana, ma può provocare disturbi allo stomaco con un aumento della produzione dei succhi gastrici, causando porosi notturna;
  • caffè: la caffeina è un’altra sostanza che stimola la produzione gastrica;
  • cibi grassi e fritti: si tratta di alimenti che tendenzialmente aumentano la secrezione gastrica.

Ci sono tuttavia alcuni cibi che invece possono aiutare ad alleviare i sintomi associati ad una sovrapproduzione di succhi gastrici:

  • basilico: le foglie di basilico sono utilizzate come rimedi per diversi disturbi. Masticato o aggiunto in acqua calda può lenire i disturbi intestinali, alleviando sintomi come nausea e flatulenza;
  • banana: è notoriamente ricca di potassio e contrasta l’acidità di stomaco. Le banane favoriscono nello stomaco la produzione di muco, così da proteggere la parete dello stomaco dall’azione dei succhi gastrici;
  • zenzero: può aiutare a prevenire le ulcere allo stomaco poiché stimola la secrezione di muco che ne protegge la parete. In più favorisce la naturale digestione e l’assorbimento di nutrienti essenziali, provvedendo alla salute dell’intero sistema digerente;
  • cannella: sciolta in una tazza di acqua calda, aiuta a ridurre il senso di gonfiore e flatulenza e funge da antiacido naturale.

Acidità di stomaco: quali farmaci assumere?

Per contrastare l’eccessiva produzione di succhi gastrici, è possibile assumere farmaci antiacidi, che aiutano a neutralizzare l’acidità gastrica. Altri farmaci come gli inibitori della pompa protonica (IPP) e gli antagonisti dei recettori H2 sono assunti per ridurre la secrezione di succo gastrico. Questi farmaci possono essere impiegati anche nei casi di gastrite, ulcera peptica e reflusso gastro-esofageo.

Se l’acidità di stomaco è causata da un’infezione da H. pylori, allora è consigliabile una terapia a base antibiotici.

Gli effetti dell’acidità di stomaco possono essere molto fastidiosi. E’ quindi importante riconoscerne i vari sintomi e rivolgersi ad un medico se la condizione persiste.