Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Malattie
  4. Gastrite

Gastrite

Gastrite
Curatore scientifico
Dr. Enrico Tempèra
Specialità del contenuto
Gastroenterologia

Che cos'è la gastrite

La gastrite è un termine generico che indica un'infiammazione della mucosa dello stomaco. Un'alimentazione irregolare, invariata, l'abuso di alcol, il fumo e lo stress causano un indebolimento delle difese immunitarie e possono provocare l'insorgere della gastrite.

La gastrite può essere di due tipi: gastrite acuta e gastrite cronica. La prima insorge all'improvviso, la seconda invece compare lentamente nel tempo.

L'infezione che causa la gastrite presenta lo stesso batterio che causa la maggior parte delle ulcere dello stomaco. In alcuni casi, infatti, non è infrequente che la gastrite possa portare alla formazione di ulcere e un aumento del rischio di cancro allo stomaco. Per la maggior parte delle persone, tuttavia, la gastrite non costituisce un problema grave e migliora rapidamente con il trattamento. 

Forme di gastrite

A seconda delle cause è possibile individuare diverse forme di gastrite. I criteri in base ai quali si classificano le gastriti sono:

  • Esami endoscopici (gastroscopia)
  • Valutazione delle cause
  • Grado della lesione.
Gastrite acuta

La gastrite acuta si manifesta all'improvviso provocando, in alcuni casi, brevi emorragie della mucosa causate dal danneggiamento dei tessuti da parte degli acidi gastrici che attaccano le pareti dello stomaco.

Gastrite cronica

La gastrite cronica compare lentamente e colpisce soprattutto le persone anziane nelle quali la mucosa dello stomaco rimane infiammata a lungo nel tempo. Nella gastrite cronica si individuano diverse forme di infiammazione:

  • Gastrite di tipo A – Ereditaria, definita anche gastrite antrale, coinvolge il corpo gastrico e il fondo gastrico. Le cellule ossintiche, la cui funzione è quella di produrre acidi gastrici, sono danneggiate causando nel tempo la completa regressione della mucosa dello stomaco. In alcuni casi la gastrite antrale porta ad una carenza di vitamina B12 poiché le cellule ossintiche non sono in grado di assorbire la vitamina.
  • Gastrite di tipo B – Si tratta della forma più comune. Essa è causata da batteri, virus o da abuso di alcol.
  • Gastrite di tipo C – Le sue cause possono essere individuate nel corpo stesso, come ad esempio in componenti del succo biliare. Questa forma di gastrite può essere causata anche da agenti chimici esterni, come medicinali, alimenti, alcol e fumo.
  • Gastrite di tipo D – Si suddivide in Morbo di Crohn e gastrite collagenosa.
  • Gastrite di tipo R – Causa frequenti bruciori di stomaco e possono insorgere complicazioni.

Gastrite: sintomi

I principali sintomi della gastrite includono:

  • Dolori allo stomaco
  • Bruciore alla parte superiore dell'addome, che peggiora con i pasti
  • Dolori retrosternali
  • Inappetenza
  • Sensazione di estrema pienezza nella parte superiore dell'addome dopo aver mangiato
  • Nausea
  • Vomito.
Talvolta, però, la gastrite non presenta segni e sintomi specifici. Contattare un medico se si notano segni e sintomi di gastrite per circa una settimana. Ricordarsi inoltre di informare il medico se il dolore allo stomaco si verifica dopo l'assunzione di farmaci da banco o da prescrizione, in particolare in caso di analgesici o antidolorifici.

Infine, in caso di vomito di sangue, sangue nelle feci o feci nere, consultare il medico immediatamente per indagarne le cause.

Cause della gastrite

Le principali cause della gastrite possono dipendere da debolezze o lesioni alla barriera che foderar protegge la parete dello stomaco: in un contesto del genere, infatti, i succhi gastrici sono in grado danneggiare e infiammare il rivestimento dello stomaco.

La causa della gastrite può anche dipendere da alcune condizioni e malattie. Tra queste si ricordano la malattia di Crohn e la sarcoidosi.

Diagnosi della gastrite

Dopo una valutazione della storia medica e dopo aver individuato i sintomi di gastrite, i per diagnosticare la gastrite correttamente il medico potrà anche prescrivere uno dei seguenti esami: 

  • Endoscopia – Durante l'endoscopia, il medico passa un tubo flessibile dotato di una lente (endoscopio) attraverso esofago, stomaco e intestino tenue. Utilizzando l'endoscopio, il medico ricerca segni di infiammazione. Se si trova una zona sospetta, il medico può rimuovere piccoli campioni di tessuto (biopsia) per l'esame di laboratorio. Una biopsia può anche identificare la presenza di Helicobacter Pylori nel rivestimento dello stomaco.
  • Radiografia all'apparato digerente superiore – Questa serie di raggi X ricrea immagini di esofago, stomaco e intestino tenue per cercarne anomalie. Per rendere l'ulcera più visibile, si può deglutire un liquido metallico (contenente bario) che ricopre il tratto digestivo.
  • Test per H. pylori – Il medico può raccomandare test per determinare la presenza del batterio H. pylori. H. pylori può essere rilevato tramite un esame del sangue, in un test delle feci o da un test del respiro o breath test. Durante il test del respiro, si ingerisce un piccolo bicchiere di liquido chiaro e insapore che contiene carbonio radioattivo. Il batterio H. pylori, se presente, ha la capacità di abbattere il liquido di prova nello stomaco. Più tardi, si soffia in un sacchetto, che viene poi sigillato. Se si risulta infettati con il batterio H. pylori, il campione di respiro conterrà dunque il carbonio radioattivo. 

Come si cura la gastrite

La terapia per la cura della gastrite prevede la somministrazione di antibiotici mirati per H. Pylori e farmaci antiacidi e protettori della mucosa gastrica.

I farmaci usati per trattare la gastrite includono:

  • Antibiotici – Per H. pylori nel tratto digestivo, il medico può raccomandare una combinazione di antibiotici, come claritromicina e amoxicillina, o metronidazolo, per uccidere il batterio. Assicurati di ricevere la prescrizione completa di antibiotici, che di solito dura da 7 a 14 giorni.
  • Farmaci Antiacidi  – Il medico può includere un farmaco antiacido. Gli antiacidi neutralizzano l'acido gastrico e sono in grado di fornire un rapido sollievo dal dolore. Gli effetti collaterali possono includere stitichezza o diarrea, a seconda degli ingredienti principali. Gli inibitori della pompa protonica riducono invece l'acido bloccando l'azione delle parti delle cellule che lo producono. Questi farmaci includono la prescrizione e farmaci da banco come omeprazolo, lansoprazolo, rabeprazolo, esomeprazolo, dexlansoprazolo e pantoprazolo. L'utilizzo a lungo termine di inibitori della pompa protonica, in particolare a dosi elevate, può però aumentare il rischio di fratture dell'anca, del polso e della colonna vertebrale. Dunque è sempre bene consultare il vostro medico in relazione alla loro assunzione. Infine, gli acidobloccanti, noti anche come bloccanti di istamina (H-2), riducono la quantità di acido rilasciato nel tratto digestivo, che allevia il dolore gastrite e stimola la guarigione. Disponibili su prescrizione o da banco, gli acidi bloccanti includono la famotidina, la cimetidina e la nizatidina.

Dieta per la gastrite

Molti pazienti si chiedono quale sia la migliore dieta per chi soffre di gastrite. A questo proposito bisogna tenere a mente che mangiare alcuni alimenti può peggiorare i sintomi. Si tratta, più nello specifico di cibi fritti e piccanti. Alcune forme di gastrite sono causate da bere alcol troppo spesso o bere troppo in un breve periodo. Gli alimenti che possono irritare lo stomaco, quindi peggiorare la gastrite, sono:

  • alcool;
  • caffè;
  • alimenti acidi, come pomodori e alcuni frutti;
  • succhi di frutta;
  • alimenti grassi;
  • fritture;
  • bevande gassate;
  • cibi piccanti.
Invece, altri cibi possono aiutare a gestire e contenere i sintomi di gastrite. come per esempio:

  • alimenti ricchi di fibre, come cereali integrali, frutta, verdura e fagioli;
  • alimenti a basso contenuto di grassi, come pesce, carni magre e verdure;
  • alimenti a bassa acidità, comprese verdure e fagioli;
  • bevande non gassate;
  • bevande senza caffeina.
Anche i cibi probiotici potrebbero aiutare con i problemi causati da Helicobacter Pylori. Gli alimenti probiotici includono: 

  • kombucha;
  • yogurt;
  • kimchi;
  • crauti. 
Mangiare pasti più piccoli e più frequenti può inoltre aiutare ad alleviare i sintomi. Alcuni tipi di gastrite possono rendere più difficile per il corpo assorbire ferro o vitamina B12, portando a delle carenze. Parlate con il vostro medico circa l'assunzione di integratori per prevenire le carenze.

Gli alimenti ricchi di grassi possono invece peggiorare l'infiammazione nel rivestimento dello stomaco. Per alcune persone, le allergie alimentari possono innescare gastrite. In questi casi, identificare ed evitare questi alimenti può trattare e prevenire la gastrite.
Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Diarrea
La diarrea è un disturbo dell'intestino consistente nell’aumento della frequenza giornaliera dell’evacuazione.
Ernia
Un'ernia si verifica quando gli organi interni spingono verso l'esterno, su parete muscolare e tessuti, producendo il caratteristico rigo...
Nausea
La nausea indica una sensazione di malessere a livello dello stomaco può essere acuta, di breve durata o prolungata. Spesso anticipa l'em...