Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Terapie
  4. La Crioterapia

Crioterapia

Crioterapia
Curatore scientifico
Prof. Marcello Monti
Specialità del contenuto
Dermatologia

Cos'è

La crioterapia è una terapia utilizzata in vari ambiti medici per il trattamento di diverse patologie per via delle proprietà antinfiammatorie, analgesiche, antidolorifiche, antimetaboliche e antidepressive di questa procedura.

La crioterapia (composto di krios, "freddo", letteralmente "terapia del freddo") si avvale infatti di un metodo completamento naturale basato sul congelamento della zona interessata: le basse temperature vengono raggiunte tramite il gas allo stato liquido come l'azoto. 

La lesione viene quindi distrutta dal freddo poiché le cellule congelate non sopravvivono allo scongelamento.

Crioterapia dermatologica

la crioterapia viene utilizzata per il trattamento di svariate condizioni della pelle, come le lesioni cutanee superficiali, affezioni benigne e diversi tumori maligni del derma.

In questi casi è pertanto corretto parlare di crioterapia dermatologica.

Le lesioni cutanee curabili con la terapia del freddo sono:

Come funziona

Nel campo della salute l’esposizione del corpo al freddo estremo è utilizzata come tecnica terapeutica con proprietà antinfiammatorie, analgesiche, antidolorifiche, antimetaboliche.
 
Questo trattamento, detto crioterapia sistemica (Whole Body Cryotherapy o WBC), consiste nell'esposizione dell’intero organismo a bassissime temperature,  per una durata non superiore ai 3 minuti e sotto stretto controllo medico.
 
Le sedute di crioterapia sistemica si effettuano all’interno della cosiddetta criocamera o “cabina del freddo”: dopo una sosta di circa un minuto in una stanza a -60 °C si passa ad un’altra stanza, dove il freddo si fa ancora più intenso e la temperatura può arrivare fino a -160 °C secondo le indicazioni cliniche. 
La criocamera è un ambiente caratterizzato da un’atmosfera estremamente secca e asciutta, ottenuta attraverso l’evaporazione e l’utilizzo dell’azoto liquido.
 
Il meccanismo di difesa innescato dal freddo estremo è in grado di stimolare:
Numerosi studi scientifici dimostrano che la crioterapia sistemica può essere utilizzata nel trattamento di molteplici condizioni, traumatiche o croniche, che possono beneficiare degli effetti provocati dall’esposizione al freddo, innescando un’azione benefica generale che interessa tutto l’organismo.

Vantaggi

I benefici della crioterapia sono legati agli effetti dello shock termico che la temperatura bassissima provoca nell’organismo.

In presenza di una temperatura di gran lunga al di sotto dello zero, il cervello agisce infatti come se si trovasse in una situazione di pericolo: il sangue viene affluisce così dalla periferia verso gli organi vitali e si verifica una brusca vasocostrizione superficiale che non riguarda tuttavia cuore, cervello e polmoni, proprio perché lo shock termico è breve e controllato.

Terminata la seduta, si ha una vasodilatazione superficiale intensa, durante la quale il sangue torna a fluire nei vasi in modo energico ed elimina così le tossine presenti in tessuti, muscoli e articolazioni. Inoltre si ha un effetto antiedemigeno molto evidente, ovvero, si riduce il gonfiore delle articolazioni e dei tessuti molli.

A livello generale la crioterapia aumenta, inoltre, la produzione di sostanze antidolorifiche naturali nel nostro organismo. In particolare, il freddo intenso stimola la sintesi di molecole (beta-endorfine e citochine antinfiammatorie) che contrastano i processi infiammatori nei tessuti. Ma non solo: dopo circa trenta secondi di esposizione dell’organismo a temperature tanto rigide, si registra una notevole riduzione della percezione del dolore. Questo effetto analgesico permane per circa 6 ore dopo una sola seduta, per poi sommarsi pian piano durante le sedute che compongono l’intero trattamento. Ciò permette di ridurre notevolmente l’assunzione di antinfiammatori-antidolorifici.

Le temperature bassissime aiutano poi ad accelerare il rinnovamento cellulare e migliorare così le condizioni della pelle.

Infine, si registrano anche dei benefici a livello psicologico: nel sistema nervoso, la crioterapia stimola il rilascio di neurotrasmettitori che migliorano la sensazione di benessere. Per questo, la crioterapia viene utilizzata anche come coadiuvante nel trattamento di disturbi, quali ansia e depressione.


Ricapitolando, i vantaggi della crioterapia sono numerosissimi dato che:
  •  previene e cura gli infortuni;
  •  migliora il benessere fisico;
  • contribuisce a recuperare l’affaticamento muscolare e a smaltire l’acido lattico;
  • generale effetto analgesico;
  • diminuisce il dolore e migliora la circolazione sanguigna, grazie all’effetto vasocostrittivo (durante l'esposizione a basse temperature) e vasodilatatorio (successivo al trattamento, quando il corpo si trova nuovamente esposto a temperature al di sopra dello 0).
Questi trattamenti consentono di ridurre l'infiammazione e il periodo di recupero dopo i traumi, allo stesso tempo aumentando la soglia del dolore.

Con la crioterapia sistemica, si possono trattare:
  • lesioni muscolari come contratture, strappi muscolari, o contusioni;
  •  sindromi dolorose da affaticamento o miofasciali;
  •  tendinopatie acute o da sovraccarico;
  •  lesioni a capsule/legamenti e della cartilagine articolare dei giocatori.

I vantaggi della crioterapia includono:
  • Il trattamento di lesioni multiple in un'unica seduta
  • L'assenza di incisione e punti di sutura
  • La mancanza di anestesia: il freddo è già di per sé anestetizzante

Criogeni utilizzati

I criogeni usati per la crioterapia sono:
  • azoto liquido;
  • neve carbonica  (diossido di carbonio);
  • dimetil-etere e propano.

Lesioni trattabili

Le neoformazioni cutanee che più si adattano al trattamento con la crioterapia includono:
  • cheratosi solari;
  • verruche virali;
  • fibromi penduli;
  • cheratosi seborroiche;
  • epiteliomi basocellulari superficiali.

Svantaggi

Gli svantaggi della crioterapia sistemica sono i seguenti:
  • guarigione lenta;
  • possibile esito in cicatrice bianca;
  • possibili recidive.

Costi

I costi della crioterapia si aggirano intorno ai 90-150 euro a seduta per la crioterapia dermatologica, e intorno ai 250-800 euro per la crioterapia effettuata per scopi estetici.

Il costo della crioterapia per le verruche oscilla intorno agli 80 euro. 
Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Terapia fotodinamica
La fototerapia dinamica è una tecnica impiegata sia in oncologia sia in dermatologia, e che recentemente sta trovando ulteriori applicazi...
Medicazioni ulcere cutanee
Alcune patologie croniche causano la comparsa delle ulcere cutanee, che interessano in particolar modo pazienti in età avanzata. Il tratt...
Emollienti
Gli emollienti aiutano a mantenere la pelle umida ed elastica, riducendo la perdita di acqua dall'epidermide, lo strato esterno della pel...