Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Terapie
  4. Spazzolino Da Denti

Spazzolino da denti

Spazzolino da denti
Curatore scientifico
Dr. Davide Andrea Macario
Specialità del contenuto
Odontoiatria e stomatologia

Cos'è lo spazzolino da denti

Lo spazzolino da denti è il principale alleato per mantenere una sana igiene orale. Assieme al dentifricio e al filo interdentale, svolge l’importante funzione di rimozione della placca dentale e gengivale, evitando la formazione di carie e di malattie del cavo orale, come la gengivite.

Un buon spazzolino manuale o elettrico deve avere alcune caratteristiche particolari affinché svolga la sua funzione in modo efficace, tra cui:

  • Grandezza - La testina dello spazzolino deve essere della misura giusta per poter aver accesso a tutta la superficie dei denti, anche di quelli più difficilmente accessibili (come i molari). Il manico deve essere lungo abbastanza per agevolare l’impugnatura e lo svolgimento di un movimento corretto per assicurare la pulizia della bocca.
  • Setole - Queste possono essere di morbidezza diversa: la maggior parte delle persone sceglie la variante morbida che non rischia di danneggiare lo smalto dei denti o le gengive. A questo scopo, sarebbe bene scegliere setole dalla punta arrotondata.
Quando si sceglie lo spazzolino per bambini, è importante assicurarsi che venga utilizzato in modo regolare e adeguatamente. Tante sono le opzioni a disposizione e, come per gli adulti, è possibile scegliere tra uno spazzolino elettrico per bambini o uno manuale.

Breve storia dello spazzolino da denti

Gli spazzolini da denti fanno la loro prima apparizione nel 3500-3000 a.C. quando i Babilonesi e gli Egiziani crearono un oggetto per la pulizia della bocca sfilacciando la sommità di un ramo. A testimonianza di ciò, abbiamo le tombe degli Antichi Egizi, dove sono stati trovati questi oggetti.

Intorno al 1600 a.C., i cinesi inventarono invece un ramo da masticare, derivato da piante aromatiche per rinfrescare l’alito. Si pensa che proprio i cinesi, nel 15° secolo, abbiano inventato il primo spazzolino da denti con setole naturali di pelo di maiale attaccate a un osso o canna di bambù.

Quando venne importato in Europa, le setole dello spazzolino vennero realizzate con la chioma del cavallo o con delle piume poiché erano più morbide della variante precedente.
Il primo spazzolino dal design moderno venne realizzato in Inghilterra da William Addis intorno al 1780: il manico era formato da un osso e la testina da setole naturali (peli di suino).

Fu nel 1844 che venne ideato il primo spazzolino con setole disposte su tre linee. Dopo l’invenzione del nylon, le setole naturali vennero rimpiazzate da questo materiale e nel 1939 venne prodotto il primo spazzolino elettrico.

Oggi spazzolini elettrici e manuali sono disponibili in varie forme e misure e sono solitamente composti da un manico di plastica e setole di nylon. I modelli più recenti includono manici dritti, angolati, curvi e contornati da aree in plastica morbida e antiscivolo per renderli più facili da manovrare.

Le setole sono solitamente realizzate in materiale sintetico e possono essere di durezza variabile. Anche la grandezza generale dello spazzolino è diversa a seconda che sia destinata ad un adulto o ad un bambino.

Sebbene lo spazzolino sia evoluto nel tempo, le basi fondamentali di questo strumento sono rimaste quello dello spazzolino costruito di legno utilizzato dagli Egiziani e dai Babilonesi.

Spazzolino elettrico

Molte persone preferiscono utilizzare lo spazzolino elettrico invece di quello manuale perché il movimento di spazzolatura è svolto tutto dallo strumento stesso e, quindi, è più facile da utilizzare di uno spazzolino regolare.

Al giorno d’oggi sono disponibili spazzolini elettrici con molteplici funzioni, quindi non sarà difficile trovare il migliore spazzolino adatto alle proprie esigenze.

In particolare, vi sono due modelli disponibili:

  • Elettrico ricaricabile - Questo spazzolino è dotato di una base su cui viene posto il manico per essere ricaricato. La testa è rimovibile e deve essere sostituita ogni tre mesi. La tecnologia utilizzata può essere oscillante-rotante o sonica.
  • Elettrico a batteria - Questa tipologia funziona a pile e basta sostituirle quando lo spazzolino è scarico. Sebbene funzionino in modo similare a quelli ricaricabili, gli spazzolini a batteria aggiungono solo una quantità limitata di vibrazione e, quindi, la loro funzione pulente è minore rispetto a alla controparte elettrica.
I modelli più avanzati hanno numerose funzioni aggiuntive, quali:

  • Sensori di pressione - Emettono un segnale quando ci si spazzola i denti in modo troppo vigoroso. 
  • Timer - Utile per capire per quanto tempo si spazzola il singolo quadrante dell’arcata dentale.
  • Promemoria digitale - Necessario per la sostituzione della testina.
  • Tecnologia sonica o oscillante-rotatoria.
  • Compatibilità con diverse teste - È possibile scegliere la forma preferita (rotonda o rettangolare) e il tipo di setole (morbide, semi-morbide o dure).

Spazzolino con penna sbiancante

Alcuni spazzolini sono dotati di penne sbiancanti, cioè di un tubicino con all'interno un gel sbiancante dotato di applicatore. La funzione della penna sbiancante è quella di rimuovere le macchie sul singolo dente e, solitamente, questo tipo di prodotto da risultati visibili sin dalla prima applicazione.

L’ingrediente principale del gel ad azione sbiancante è il perossido che, scomponendosi, permette all'ossigeno di raggiungere lo smalto dei denti.

Spazzolino elettrico prezzi

I modelli elettrici tendono ad avere un prezzo maggiore di quelli azionati a pile o manuali, sebbene se ne possano trovare per la modica cifra di circa €20.

Bisogna tenere presente che gli spazzolini elettrici hanno molte più funzioni rispetto alla controparte manuale o a pile e, sebbene abbiano un prezzo maggiore, più alti sono anche i loro benefici.

Come spazzolare i denti

Spazzolare i denti e utilizzare il filo interdentale vanno di pari passo per mantenere una buona igiene orale. Molto importante è anche la tecnica con cui ci si lava i denti.

È facile assumere delle cattive abitudini con l’andare del tempo, come non usare sempre il filo interdentale, spazzolare i denti troppo vigorosamente o non concentrare l'attenzione sui molari. Ecco alcuni consigli su come spazzolare i denti che aiuteranno a migliorare la salute della bocca:

  • Spazzolare i denti per almeno due minuti, tre volte al giorno o dopo aver mangiato.
  • Tenere lo spazzolino ad un angolo di 45 gradi rispetto alle gengive.
  • Muovere lo spazzolino con un movimento circolare, in modo non troppo energico, su tutta la superficie dentale, senza dimenticare la parte posteriore della bocca.
  • Pulire la lingua con lo spazzolino per rimuovere i batteri.
  • Utilizzare il filo interdentale.
  • Sciacquare la bocca con il collutorio.

Per quanto tempo spazzolare i denti

La maggior parte dei dentisti consigliano di spazzolare i denti per almeno due minuti. Oltre al tempo impiegato durante la pulizia dei denti, bisogna prestare particolare attenzione a come lo si fa e assicurarsi di aver pulito tutta la superficie dentale.

Passare il filo interdentale è importante quanto utilizzare lo spazzolino e non ci si dovrebbe mai dimenticare di farlo.

Non curare la pulizia dei denti potrebbe portare a serie conseguenze, non solo all'insorgere della carie, ma a gengiviti o parodontiti.

Spazzolare i denti troppo a lungo fa male? Secondo i dentisti non vi è nessuna conseguenza negativa nello spazzolare i denti per più di due minuti. L’importante è non applicare troppa forza, perché in questo modo potremmo rovinare lo smalto dentale e irritare le gengive.
Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Apparecchio trasparente
L'apparecchio trasparente è un tipo di apparecchio formato da due mascherine rimovibili e poco visibili da un punto di vista estetico. Il...
Filo Interdentale
Il filo interdentale è utilizzato per pulire la superficie tra un dente e l’altro, nelle zone in cui lo spazzolino non riesce ad arrivare...
Pulisci Lingua
Il pulisci lingua è utile per rimuovere le particelle in eccesso dalla superficie della lingua. La sua forma ricorda quella di uno spazzo...