Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Risposte
  3. Acalasia Idiopatica Terapia

Qual è la migliore terapia per l’acalasia idiopatica?

Soffro di acalasia idiopatica. Faccio molta fatica ad ingerire il cibo durante i pasti. In attesa di sottopormi ad una visita specialistica, vorrei sapere qual è la terapia consigliata in questi casi.

Se soffri di acalasia idiopatica puoi affidarti, a seconda delle specificità del tuo caso, alla terapia medica o alla terapia chirurgica.

La terapia medica si basa sulla prescrizione di nitrati e calcio antagonisti, farmaci di impiego prevalentemente cardiologico. Questi farmaci sono utili per l’acalasia, poiché facilitano il rilasciamento delle cellule della muscolatura esofagea e quindi il passaggio del bolo alimentare nello stomaco.

Tuttavia, questi farmaci hanno degli effetti terapeutici limitati e, in alcuni casi, collaterali (cefalea, abbassamento della pressione arteriosa).

Puoi effettuare la terapia endoscopica durante l’esofago-gastroscopia operativa. Questa terapia, che si avvale della dilatazione pneumatica del tratto di esofago acalasico e dell’iniezione di tossina botulinica, ha dei risultati migliori rispetto alla terapia medica, ma potresti presentare possibili recidive anche dopo soli 6 mesi; dopo terapia endoscopica, potresti presentare reflusso gastroesofageo, anche grave.

La terapia chirurgica è videolaparoscopica: attraverso 4 o 5 minincisioni sull’addome si esegue la cardiomiotomia extramucosa secondo Heller. Si sezionano verticalmente gli strati muscolari dell’esofago terminale e del cardias per la lunghezza di circa 9 cm.

Alla miotomia, si associa un intervento di plastica antireflusso (fundoplicatio secondo Dor). La chirurgia è risolutiva definitivamente nel 70-90% dei pazienti con elevate percentuali di buona qualità di vita a distanza di 10-20 anni dall’intervento.

Hai trovato questa risposta utile?
Risposta a cura di:
Altre risposte di questo specialista
Rigonfiamento post intervento ernia inguinale: cosa potrebbe essere?
Gentile Paziente, generalmente dopo gli interventi di alloplastica inguinale (plastica con rete protesica), come quello secondo Liechtenstein, il liquido sieroematico che si produce durante l'intervento...
Bendaggio gastrico: provoca debolezza?
Gentile Paziente,il comune senso di debolezza (astenia), dopo gli interventi di chirurgia dell'obesità, si verifica tipicamente per il drastico cambiamento dello stile alimentare, soprattutto...
Intervento riduzione stomaco: quanto costa?
Gentile Paziente, devi sapere che il Sistema Sanitario Nazionale (SSN) riconosce l'obesità come vera e propria patologia, a sua volta causa di malattie strettamente...
Ernia inguinale: che cosa fare?
Gentile Paziente, per il trattamento dell'ernia inguinale, non esistono alternative alla chirurgia. Peraltro, le dimensioni sono un criterio piuttosto relativo,...
Intervento di chirurgia bariatrica: quando è consigliato?
Gentile Paziente, il tuo BMI (body mass index) ti classifica nella fascia dei pazienti che possono avvalersi della chirurgia bariatrica. La chirurgia bariatrica segna l'inzio...
Vedi tutte
Risposte simili
Asportazione di polipi durante la gastroscopia: è possibile?
La gastroscopia è fondamentalmente un esame diagnostico endoscopico attraverso il quale il medico osserva il tratto superiore dell'apparato digerente per valutare se esistano...
Chirurgia ortogantica: che cos'è?
Caro paziente,  la chirurgia ortognatica è una branca della chirurgia maxillo facciale che serve a correggere le deformità del mascellare superiore e della mandibola....
Calcoli alla colecisti senza coliche: com'è possibile?
I calcoli alla colecisti, detta anche cistifellea, non sono sempre sintomatici, però possono causarti dolore se si spostano fino ad ostruire il deflusso biliare procurando...