Cos'è l'isteroscopia diagnostica?

"Dovrò sottopormi ad un'isteroscopia diagnostica: che tipo di esame è?"

L'isteroscopia è un esame endoscopico che permette di osservare la cavità uterina tramite una sonda ottica: un piccolo telescopio collegato ad un monitor mediante una microtelecamera. L'isteroscopia può essere diagnostica o operativa. Nel primo caso, lo scopo è individuare eventuali problemi che possano essere causa di infertilità, come malformazioni dell'utero, polipi o fibromi. Nel secondo caso, lo scopo è correggere chirurgicamente le patologie evidenziate. Come l'isterosalpingografia, anche l'isteroscopia si può eseguire entro il 121° giorno del ciclo, quando il collo uterino è più morbido e non vi sono probabilità che vi sia fecondazione in atto. Si inserisce nella cervice uterina una sottile sonda, tramite la quale si introduce nell'utero un mezzo di distensione, cioè una sostanza che serve a "distendere" l'utero, in modo da poterne visualizzare l’interno. Mentre l'isteroscopia operativa è un intervento chirurgico vero e proprio, che richiede un'anestesia e che presenta tutte le controindicazioni e le possibili complicanze di un atto chirurgico, l'isteroscopia diagnostica è un esame relativamente semplice, anche se invasivo. Per sottoporti a questo esame, non avrai bisogno di alcun tipo di sedazione. Nella maggior parte delle donne, il disagio provocato non dura molto più un paio di minuti, con fastidio simile a quello mestruale. Spesso, subito, dopo l'esame, sentirai un dolore alla spalla (quasi sempre la destra), dovuto al fatto che il mezzo iniettato stimola il nervo frenico “collegato” alla spalla.

Hai trovato questa risposta utile:

Ho ancora dubbi

*Le opinioni su argomenti di salute espresse dai professionisti all'interno delle loro risposte non rappresentano necessariamente la posizione di Pazienti. Leggi il disclaimer

Risposte simili