Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Risposte
  3. Tiroide Apnee Cmp 012

Cosa fare per prevenire l'insorgere dell'OSAS?

Buongiorno, sono una ragazza di 25 anni e ho appena scoperto di soffrire di ipotiroidismo. Ho iniziato così a informarmi, soprattutto perché dovrò seguire quasi certamente una terapia a base di Levotiroxina sodica e questo un po' mi spaventa. Ho letto che chi manifesta il disturbo alla tiroide potrebbe avere anche le apnee notturne e compromettere così la qualità del sonno. Se seguo le terapie ormonali, è da escludere che si manifesti l'OSAS, vero?

Risposta a cura della dr.ssa Chiara Tuccilli, biologa e dottoressa di ricerca in Endocrinologia. 

Buongiorno, 
sono certa che l’endocrinologo che ti segue saprà indicarti la terapia più adatta, togliendoti ogni timore.

Le cure, infatti, sono sempre mirate a migliorare la qualità della vita dei pazienti, quindi, niente paura, affronterai il tuo disturbo con serenità e vedrai che andrà bene. 

Per rispondere alla tua domanda, è stato suggerito un legame tra OSAS e ipotiroidismo, ma tale relazione sembra essere maggiormente legata all’obesità (che si può sviluppare se non si tratta l’ipotiroidismo) più che all’ipotiroidismo di per sé. 

L’ipotiroidismo e il gozzo tiroideo, così come la sindrome dell’ovaio policistico e l’acromegalia, infatti, possono essere considerati dei fattori di rischio per le apnee notturne, poiché l’accumulo di grasso o l’ingrossamento in sede centrale sul collo possono ostacolare la respirazione.  

Inoltre, studi clinici hanno mostrato che l’OSAS può essere associata, a sua volta, ad alterazioni metaboliche e ormonali, come l’insulino-resistenza, il diabete mellito, l’iperattività simpato-adrenergica, la maggiore produzione di cortisolo e l’ipogonadismo parziale nel maschio. 

In ogni caso, è necessario che lo specialista ti diagnostichi il disturbo, prima ancora di preoccuparti. La diagnosi si formula tramite polisonnografia, un esame che si esegue durante il sonno. Nel caso dovesse esserci un riscontro, esiste la terapia con ventilazione continua a pressione positiva (CPAP), efficace e sicura. 

Di certo, le terapie ormonali, seguite con costanza e aderenza, possono scongiurare l’insorgere di altri disturbi complementari. 

Ti auguro un grande in bocca al lupo

Hai trovato questa risposta utile?
Risposta a cura di:
Redazione Pazienti
Dr. Redazione Pazienti
Milano
Altre risposte di questo specialista
Bruxismo e apnee notturne: esiste un legame?
A cura della Dott.ssa Giulia Milioli, Specialista in Neurologia - Esperta in Medicina del Sonno, Certificato AIMS e ESRS.Buongiorno, è un bene che la tua...
Apnea nel sonno: si è a maggior rischio di ictus?
Risposta a cura della dott.ssa Paola Proserpio, Centro di Medicina del Sonno, Dipartimento di Neuroscienze, Ospedale Niguarda, Milano.Buongiorno,la prima cosa da dire è che chi...
Incontinenza: provoca le apnee notturne?
A cura del dr. Andrea Militello, specialista in Andrologia/Urologia. Il dottor Militello svolge la propria attività professionale presso gli studi medici con sede in Roma,...
Cervicale e apnee: qual è il legame?
Risposta a cura del dr. Claudio Liguori, Medico Specialista in Neurofisiopatologia - Centro per I Disturbi del Sonno e l’Epilessia - Dottorando di Ricerca in...
Mal di testa: cosa assumere?
Ciao a te, dove si localizza il mal di testa? Inizia intanto con un Moment, se dovesse essere più grave, assumi un'Aspirina.
Vedi tutte
Risposte simili
Rigonfiamento alla base del collo: quali sono le cause?
Se riscontri un rigonfiamento sospetto alla base del collo, è opportuno che tu esegua gli esami del sangue e valuti i globuli bianchi...
Linfoadenopatia: di cosa si tratta?
La linfoadenopatia è l'infiammazione e l'ingrossamento dei linfonodi. Solitamente, la linfoadenopatia si manifesta nel collo, nelle ascelle,...
Mal di pancia e linfonodi ingrossati: la causa può essere psicologica?
E' effettivamente possibile che un sintomo di tipo fisico quale il mal di pancia possa avere un'origine di tipo psicologico. Ciò non significa che il...