Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Condizioni
  4. Defecazione

Defecazione

Defecazione
Curatore scientifico
Dr. Enrico Tempèra
Specialità del contenuto
Gastroenterologia Proctologia

Quante volte avviene

La frequenza è variabile e va da un paio di volte al giorno ad un paio a settimana.

Come avviene

Sono dei movimenti di contrazione delle pareti del colon, detti peristalsi, che fanno scorrere il materiale fecale dal tratto digerente verso il retto.

Quale processo fisiologico la genera

Una volta che l’ampolla rettale si allarga, si attivano i recettori del sistema nervoso che fanno partire lo stimolo a defecare. Questo porta ad una contrazione dei muscoli del retto ed al rilassamento dello sfintere anale interno, mentre si contrae quello esterno. 

Cosa accade se non si segue lo stimolo a defecare

Peristalsi inversa, dove il materiale risale nel colon e costipazione, che si ha quando la defecazione è ritardata per un periodo prolungato, che porta le feci ad indurirsi sono i primi effetti collaterali.

Quando il retto è troppo pieno, le pareti del canale anale aumentano la pressione e spingono il materiale fecale lungo il canale. Gli sfinteri anali, interno ed esterno, insieme al muscolo puborettale, aiutano le feci verso l’uscita.

Quali sono i movimenti che aiutano la defecazione

Respirare profondamente, cercando di espelle l’aria attraverso la glottide chiusa, genera una contrazione dei muscoli del petto, del diaframma, della parete addominale e delle pelvi esercitando una pressione sul tratto digestivo. La pressione toracica aumenta e di conseguenza il sangue pompato verso il cuore diminuisce.

Si sono verificati casi di morte quando la pressione sanguigna è salita ad un livello tale da aver portato alla rottura di un aneurisma o abbia fatto partire un coagulo portando alla trombosi. Sfintere anale ed uretrale sono collegati tra loro, tanto che si è notato come minzione e defecazione spesso si accompagnino. 

In che modo viene controllata

Il modo involontario può derivare da:
  • lesioni fisiche
  • lesioni nervose
  • interventi chirurgici
  • costipazione
  • diarrea
  • paura
  • infiammazioni intestinali
  • problemi psicologici o neurologici
  • morte.
Il modo volontario: i bambini vengo abituati a questa pratica attraverso l’uso del bagno per espletare i propri bisogni.

Come avviene la pulizia anale

La pulizia anale può avvenire attraverso:
  • carta igienica
  • salviettine
  • acqua e sapone

In che posizioni avviene la defecazione

La defecazione può avvenire in diverse posizioni:
  • accovacciata, che è quella principale
  • su latrine
  • su water, a partire dal 19° secolo, grazie alla diffusione degli impianti idraulici casalinghi
Bockus definisce la posizione perfetta: “accovacciata, con le cosce flesse sull’addome per diminuire la capacità addominale ed aumentare la pressione intra-addominale, favorendo così l’espulsione delle feci.”

Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Peristalsi
La peristalsi corrisponde al fisiologico transito intestinale, dunque tutti quei movimenti dell'apparato digestivo ed escretore.
Forma delle feci
Osservare la forma delle feci è importante per capire se si beve abbastanza, se vi sono patologie in corso, se si è stitici o se la peris...
Malassorbimento
Il malassorbimento è una condizione in cui l'organismo non riesce più ad assimilare correttamente i componenti nutritivi attraverso i vil...