Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Condizioni
  4. Forma Delle Feci

Forma delle feci

Forma delle feci
Curatore scientifico
Dr. Enrico Tempèra
Specialità del contenuto
Proctologia

Quali sono le forme delle feci?

Comunque le si chiami, le feci sono una parte naturale della digestione. Queste sono composte prevalentemente da acqua, proteine, minerali e sostanze prodotte e rilasciate dall’intestino. Ognuno produce delle feci diverse, ma in generale si possono individuare alcuni aspetti che sono comuni alle feci sane:

  1. Colore. Le feci sono solitamente marroni a causa della presenza della bilirubina. Questo è un pigmento di scarto che deriva dalla degradazione dei globuli rossi nel corpo. 
  2. Odore. Le feci hanno notoriamente un odore spiacevole dovuto alla presenza di batteri, che possono emettere gas particolarmente forti. 
  3. Frequenza. Una persona sana defeca da una a tre volte al giorno, di solito dopo i pasti principali. La maggior parte delle persone tende a defecare alla stessa ora. 
  4. Consistenza. Le feci sono solitamente solide e prendono la forma dell’interno dell’intestino. 

Da cosa dipendono?

Talvolta le feci devono viaggiare per molti metri prima di raggiungere il retto e venire rilasciati come feci. Poiché molte cose possono accadere durante questo tragitto, è importante che si prendano alcune precauzioni per mantenere la regolarità intestinale.

Con l’avanzare dell’età le persone tendono ad essere più costipate o a defecare con meno frequenza. Meno attività fisica, rallentamento della peristalsi intestinale e dell’intestino stesso, insieme alle medicine, possono rallentare l’intestino.

Oltre all’invecchiamento, le malattie e i cambiamenti nella dieta possono colpire le feci. Per questo motivo le feci possono essere utilizzate come indicatori dello stato generale di salute, specialmente per quanto riguarda le abitudini alimentari.

Attraverso il paragrafo successivo, che illustra nel dettaglio la forma che possono avere le feci, è possibile avere un quadro generale delle patologie associate alla consistenza delle feci.

Cos'è la Bristol Stool Chart (o Scale)?

La normalità delle feci viene valutata comparandole alla Bristol Stool Chart, o Bristol Stool Form Scale, o scala BSF. La parola Bristol sta per Bristol Royal Infirmary, un ospedale di Bristol dove per primi hanno inventato questa scala.

Questo metodo autodiagnostico, è stato inventato per permettere ai pazienti più timidi di discutere più facilmente di questo argomento con il proprio medico senza imbarazzarsi troppo.

Il paziente non deve fare altro che guardare la tabella e indicare approssimativamente la forma delle proprie feci, così che il medico possa valutarla.

I tipi 3-5 sono considerati normali. 

  1. Il tipo uno. Parti separate e dure, grandi come noci. Questo tipo di feci risultano molto difficili da evacuare, se non con molto sforzo. Di solito vengono causate da un’insufficiente apporto di fibre. 
  2. Il tipo due: simile a salsiccia ma grumoso. Rappresenta una combinazione di feci di tipo 1 colpite da una singola massa e raggruppate insieme da componenti in fibra e alcuni batteri. Tipico della stitichezza organica. Il diametro va da 3 a 4 cm. Questo tipo è di gran lunga il più distruttivo perché le sue dimensioni sono vicine o superiori all'apertura massima del canale anale (3,5 cm). È destinato a causare sforzi estremi durante l'eliminazione e molto probabilmente può causare lacerazione del canale anale, prolasso emorroidario o diverticolosi. Per ottenere questa forma, le feci devono rimanere nel colon per almeno alcune settimane invece delle normali 72 ore. Il dolore anorettale, la malattia emorroidaria, le ragadi anali, la ritenuta alla fonte o il ritardo della defecazione e una storia di stitichezza cronica sono le cause più probabili. Una leggera flatulenza è probabile. Una persona che convive con queste feci ha più probabilità di soffrire della sindrome dell'intestino irritabile a causa della pressione continua di grandi feci sulle pareti intestinali. La possibilità di ostruzione dell'intestino tenue è elevata, perché l'intestino crasso è pieno di feci. L'aggiunta di fibre supplementari per espellere queste feci è pericolosa, perché la fibra espansa non ha spazio e può causare l'ernia, l'ostruzione o la perforazione del piccolo e del grande intestino allo stesso modo.
  3. Il tipo tre: come una salsiccia ma con crepe nella superficie. Questa forma ha tutte le caratteristiche delle feci di Tipo 2, ma il tempo di transito è più veloce, tra una e due settimane. Tipico della costipazione latente. Il diametro va da 2 a 3,5 cm (0,8-1,4 pollici). La sindrome dell'intestino irritabile è probabile. La flatulenza è minore, a causa della disbiosi. Il fatto che non abbia raggiunto dimensioni simili al tipo 2 indica che le defecazioni sono più regolari. È necessario però sforzare. Tutti gli effetti avversi tipici delle feci di tipo 2 sono probabili per il tipo 3, in particolare il rapido avanzamento della malattia emorroidaria.
  4. Il tipo quattro: come una salsiccia o un serpente, liscia e morbida. Questa forma è normale per qualcuno che defeca una volta al giorno. Il diametro va da 1 a 2 cm. Il diametro maggiore suggerisce un tempo di transito più lungo o una grande quantità di fibre alimentari nella dieta.
  5. Il tipo cinque: blob morbidi con bordi netti. Questa forma è da considerarsi ideale. È tipica di una persona che defeca due o tre volte al giorno, dopo i pasti principali. Il diametro è da 1 a 1,5 cm (0,4-0,6 pollici).
  6. Il tipo sei: pezzi soffici con bordi frastagliati, delle feci molli. Questa forma è vicina ai margini di comfort sotto diversi aspetti. In primo luogo, può essere difficile controllare l'impulso, specialmente quando non si ha accesso immediato al bagno. In secondo luogo, è un affare piuttosto complicato da gestire con la carta igienica sola, a meno che non si abbia accesso a una doccia o a un bidet. Altrimenti, viene considerato al limite del normale. Questo tipo di feci può suggerire un colon lievemente iperattivo (motilità rapida), eccesso di potassio nella dieta, o un’improvvisa disidratazione o picco nella pressione sanguigna correlata allo stress (entrambi causano il rapido rilascio di acqua e potassio dal plasma sanguigno nella cavità intestinale). Può anche indicare una personalità ipersensibile soggetta a stress, l’utilizzo di troppe spezie, acqua potabile con un alto contenuto di minerali o l'uso di lassativi osmotici (sali minerali).
  7. Il tipo sette: acquoso, nessun pezzo solido. Questa, ovviamente, è la diarrea, un argomento che esula dallo scopo di questo capitolo con una sola e importante eccezione – la diarrea paradossale. Questa è tipica delle persone (in particolare i bambini piccoli e gli adulti infermi o convalescenti) colpite dalla compattazione fecale, una condizione che segue o accompagna le feci di tipo 1. Durante la diarrea paradossale il contenuto liquido dell'intestino tenue (fino a 1,5-2 litri/litri al giorno) non ha posto dove andare, ma verso il basso, perché l'intestino crasso è pieno di feci per tutta la sua lunghezza. L'acqua viene assorbita, il resto si accumula nel retto. La ragione per cui questo tipo di diarrea è definito paradossale non è perché la sua natura non è conosciuta o compresa, ma perché essere gravemente costipati e allo stesso tempo avere la diarrea, è, in effetti, una situazione paradossale. Al contrario di ciò che si può pensare, è fin troppo comune.

Forma delle feci e patologie

 Alcuni cambiamenti nella forma delle feci non devono essere sottovalutati o ignorati. Questo è particolarmente vero per quelle feci di colore rosso vivo o nero, poiché entrambi questi casi indicano che sta avvenendo una perdita di sangue.

La costipazione cronica può essere un sintomo di: 

La diarrea che si protrae per più di alcuni giorni può invece indicare condizioni come:

Feci caprine, cause e rimedi

Questa tipologia di feci è tipica della disbiosi acuta. Queste feci non hanno una normale qualità amorfa, perché mancano i batteri e non c'è rimasto niente a trattenere l'acqua. I grumi sono duri e abrasivi, il diametro tipico varia da 1 a 2 cm, e provocano dolore al passaggio, perché i pezzi sono duri e graffiano.

Esiste la possibilità di sanguinamento anorettale dovuto a lacerazioni meccaniche del canale anale. Tipico dei trattamenti post-antibiotici e delle persone che seguono diete prive di fibre (e a basso contenuto di carboidrati). La flatulenza è improbabile, perché la fermentazione delle fibre non avviene.

Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Defecazione
E’ il modo in cui il nostro organismo elimina, attraverso l’ano, gli avanzi della digestione, in forma solida, semi-solida o liquida.
Peristalsi
La peristalsi corrisponde al fisiologico transito intestinale, dunque tutti quei movimenti dell'apparato digestivo ed escretore.