Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Malattie
  4. Allucinazioni Ipnagogiche

Allucinazioni ipnagogiche

Allucinazioni ipnagogiche
Curatore scientifico
Dr. Veronica Villani
Specialità del contenuto
Neurologia

Cosa sono le allucinazioni ipnagogiche?

La persona affetta da questo disturbo può sentire i suoni che non ci sono e avere allucinazioni visive. Queste immagini visive e uditive sono molto vivaci e possono essere bizzarre ed inquietanti.

Di solito, fanno parte dei sintomi della narcolessia, che comprendono:

  • Eccessiva sonnolenza diurna;
  • Cataplessia;
  • allucinazioni ipnagogiche;
  • paralisi del sonno.
Questi sintomi si manifestano raramente nei bambini.

Come si manifestano e si sviluppano?

Le allucinazioni ipnagogiche possono verificarsi senza per forza che si soffra di narcolessia. Le persone possono essere riluttanti nell’ammettere di avere le allucinazioni per paura di venir considerati malati di mente. Tuttavia, si ritiene che si verifichino nella maggior parte delle persone, almeno una volta nella vita.

Hanno la stessa incidenza sia nei maschi che nelle femmine. Uno studio effettuato su 14.000 individui ha portato a dichiarare che le persone ansiose, depresse o con un disturbo affettivo bipolare soffrono almeno 2 volte a settimana di allucinazioni ipnagogiche o ipnopompiche.

Lo stesso studio ha riferito che i pazienti con disturbi di adattamento hanno avuto un aumento della manifestazione di questi fenomeni dell’1,5% nel corso di una settimana.

Oltre la metà dei soggetti che ha manifestato allucinazioni ipnagogiche o ipnopompiche non aveva evidenti disturbi fisici, non aveva abusato di sostanze, non accusava disturbi al sonno o altri fastidi psichiatrici.

Quali sono i fattori a rischio?

Vi è una tendenza ad associare le allucinazioni ipnagogiche o ipnopompiche alla narcolessia. Gli antidepressivi triciclici sono stati considerati la causa della manifestazione delle allucinazioni ipnagogiche o ipnopompiche.

Come si manifestano?

Le allucinazioni ipnagogiche possono verificarsi al momento della comparsa del sonno, sia di giorno che di notte. Di solito, sono molto vivaci. Le allucinazioni visive consistono solitamente in forme semplici come cerchi o parti di oggetti che possono essere costanti o cambiare dimensioni e colori. Possono apparire spesso immagini di animali o di persone.

Le allucinazioni sonore sono comuni, ma gli altri sensi sono raramente coinvolti. Queste possono variare da pochi suoni ad una melodia più elaborata. 

Un altro tipo di allucinazioni, che alle volte viene segnalata al momento della comparsa del sonno, porta a sentire sensazioni particolari, cambiare posizione delle parti del corpo (come ad esempio un braccio o una gamba), sensazione di levitazione o esperienze extracorporee (come muovere il corpo nello spazio o galleggiare sopra il letto) che possono essere molto elaborate.

Ci può essere alle spalle una storia di narcolessia che porta ad addormentarsi se si è molto stanchi o annoiati, spesso quando si è socialmente disagiati. Questa patologia può comportare l’impossibilità di mantenere un lavoro.

Si manifestano attraverso dei segni particolari?

Di solito, non ci sono segni fisici anomali.

Ci possono essere diagnosi diverse?

È importante capire se è narcolessia e se è una condizione trattabile.

La schizofrenia può causare allucinazioni uditive, come sentire degli insulti rivolti verso i propri confronti.

Le allucinazioni musicali sono fenomeni uditivi complessi, che riguardano per lo più le persone anziane non udenti. La perdita progressiva dell’udito, dovuto a otosclerosi, sconvolge gli stimoli sensoriali esterni, inibendo l’insorgenza di tracce di memoria nel cervello, liberando così percezioni precedentemente registrate.

Ci può essere un abuso di droghe, terrore nel sonno dei bambini, convulsioni focali.

Quali test bisogna effettuare?

Sono consigliabili esami del sangue. Sarebbe utile rivolgersi ad un laboratorio speciale che si occupa di disturbi del sonno, nel quale potrebbero diagnosticare la narcolessia.

Come si possono gestire?

Nonostante si creda che il loro ruolo nel causare allucinazioni ipnagogiche o ipnopompiche sia rilevante, gli antidepressivi triciclici sono consigliati per il loro trattamento, soprattutto quando sono associate alla narcolessia.

La Fluoxetina è raccomandata. Le allucinazioni musicali possono venir trattate con Olanzapina, Quetiapina, Fluvoxamina, Clomipramina, Carbamazepina, Valproato e Donezepil.

Quali sono le prognosi?

Se il paziente soffre di narcolessia, la prognosi sarà per questa malattia. In caso contrario, una rassicurazione è tutto quello di cui si ha bisogno. Se il problema persiste, il farmaco può venir usato in modo intermittente.

Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Cefalea
La cefalea è una tipologia di mal di testa e può essere di due generi, primaria e secondaria. 
Disartria
La disartria è un disordine della parola. Deriva da una alterazione dei movimenti dei muscoli che permettono di parlare correttamente, tr...
Insonnia
L'insonnia è la percezione di un sonno insufficiente o di scarsa qualità.