Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Malattie
  4. Asma Occupazionale

Asma occupazionale

Asma occupazionale
Curatore scientifico
Dr. Valerio Langella
Specialità del contenuto
Allergologia Pneumologia

Che cos'è l'asma occupazionale?

L'asma occupazionale è l'asma causata o peggiorata respirando fumi chimici, gas, polvere o altre sostanze sul lavoro. Come gli altri tipi di asma, l'asma professionale può causare dolore al torace, il respiro affannoso e la mancanza di respiro.

Quando viene trattata ai primi sintomi, l'asma professionale può essere reversibile.

Il trattamento per l'asma occupazionale è simile al trattamento per gli altri tipi di asma e comprende generalmente l'assunzione di farmaci per ridurre i sintomi. 

Quali sono i sintomi provocati dall'asma occupazionale?

I sintomi dell’asma occupazionale sono simili a quelli causati da altri tipi di asma. I segni e i sintomi possono includere:

  • respiro sibilante, a volte solo di notte
  • tosse
  • fiato corto
  • oppressione toracica
  • congestione nasale
  • irritazione agli occhi
  • bronchite asmatica
  • tosse asmatica

I sintomi dell’asma occupazionale dipendono dalla sostanza a cui sono esposti i pazienti e da quanto tempo. 

Quando è il caso di farsi visitare da un medico?

E’ consigliabile andare dal medico se i sintomi peggiorano. Gli attacchi di asma severi possono essere pericolosi per la vita. I segni di un attacco di asma che necessitano di un trattamento di emergenza includono:

  • peggioramento rapido della mancanza di respiro o di respiro affannoso
  • nessun miglioramento anche dopo l'uso di broncodilatatori a breve durata
  • mancanza di respiro con attività minima

Inoltre, è meglio fissare un appuntamento per vedere un medico se ci sono problemi di respirazione, come tosse, respiro affannoso o respiro corto. I problemi di respirazione possono essere un segno di asma, soprattutto se i sintomi sembrano peggiorare nel tempo o sembrano essersi aggravati da specifici irritanti.

Quali sono le cause dell'asma occupazionale?

Più di 300 sostanze nel luogo di lavoro sono state identificate come cause possibili di asma professionale. Queste sostanze comprendono:

  • sostanze animali, come le proteine trovate in peli, capelli, pellicce, saliva e rifiuti organici;
  • prodotti chimici, quali anidridi, isocianati e acidi utilizzati per la fabbricazione di vernici, adesivi, laminati e resine saldanti. Altri esempi sono i prodotti chimici utilizzati per l'isolamento, i materiali di imballaggio e materassi in schiuma e tappezzeria;
  • enzimi utilizzati nei detergenti;
  • metalli, in particolare platino, cromo e solfato di nichel;
  • sostanze vegetali, comprese le proteine presenti nel lattice di gomma naturale, farina, cereali, cotone, lino, canapa, segale, grano e papaina, un enzima digestivo derivato dalla papaya;
  • irritanti, come gas di cloro, anidride solforosa e fumo.

I sintomi dell’asma iniziano quando i polmoni si irritano. L'infiammazione provoca diverse reazioni che limitano le vie respiratorie, rendendo difficile la respirazione. Con l'asma professionale, l'infiammazione polmonare può essere innescata da una risposta allergica a una sostanza che si sviluppa di solito nel corso del tempo o un'irritazione polmonare causata da una sostanza inalata, come il cloro.

Quali sono i fattori di rischio?

Si è a maggior rischio di sviluppare l'asma professionale se:

  • si hanno già allergie o asma. Anche se questo può aumentare il rischio, molte persone che hanno allergie o asma fanno dei lavori che li espongono agli irritanti polmonari e non hanno mai sintomi
  • casi di allergie o asma nella famiglia
  • fumo
  • occupazioni ad alto rischio

È possibile sviluppare l'asma professionale in quasi tutti i luoghi di lavoro, ma il rischio è maggiore se si svolgono determinate professioni. Ecco alcuni dei lavori più rischiosi e le sostanze che producono asma:

  • fabbriche di adesivi: prodotti chimici quali acrilato
  • allevatori di animali, veterinari: proteine animali
  • panettieri, mulini: grani di cereali
  • tappeti: gomme
  • lavoratori del metallo: cobalto, nichel
  • operai forestali, falegnami: polvere di legno
  • parrucchieri: prodotti chimici quali persolfato
  • lavoratori farmaceutici: enzimi
  • spray, installatori di isolamento, plastica e schiuma: industriali chimici come i isocianati

Come viene diagnosticata l'asma occupazionale?

La diagnosi di questa malattia professionale è simile alla diagnosi degli altri tipi di asma. Tuttavia, il medico cercherà anche di identificare se un irritante sul posto di lavoro sta causando i sintomi.

La diagnosi di asma deve essere confermata da test che possono includere test di funzionalità polmonare e un test di allergia cutanea, analisi del sangue, raggi X o altri test per escludere una causa diversa da quella dell'occupazione.

 Il medico può chiedere di eseguire test di funzionalità polmonare. Questi includono:

  • spirometria globale. Questo test non invasivo, che misura quanto bene si respira, è il test migliore per la diagnosi di asma. Durante questo test, che dura da 10 a 15 minuti, il paziente respirerà profondamente in un tubo collegato a una macchina chiamata spirometro. Il medico può far inalare un farmaco broncodilatatore utilizzato nel trattamento dell'asma, quindi riprendere il test di spirometria. Se le misurazioni migliorano notevolmente, è probabile che si abbia l’asma:
  • misura del flusso di picco. Il medico può chiedere di effettuare una misurazione di picco, tramite un piccolo dispositivo portatile che misura quanto velocemente si può forzare l'aria dai polmoni. Più lentamente si espira, peggiore sarà la condizione;
  • test di ossido nitrico. Questo test è usato per vedere quanto gas ossido nitrico c’è nel respiro. Un alto livello di ossido nitrico può essere un segno di asma.

Come si cura l'asma occupazionale?

Una volta che si diventa sensibili a una sostanza, anche piccole quantità possono causare i sintomi dell’asma, anche se si indossa una maschera o un respiratore. Potrebbero essere necessari farmaci per controllare i sintomi e prevenire gli attacchi di asma.

Trattare l'asma comporta sia la prevenzione dei sintomi che il trattamento di un attacco di asma in corso. Il farmaco giusto dipende da una serie di cose, tra cui l’età, i sintomi, gli agenti scatenanti e quello che sembra funzionare meglio per mantenere l’asma sotto controllo.

Nella maggior parte dei casi, i farmaci a lungo termine devono essere presi quotidianamente. Tipi di farmaci a lungo termine di controllo includono:

  • corticosteroidi inalati. Potrebbe essere necessario utilizzare questi farmaci per diversi giorni a settimane prima di ottenere il massimo beneficio. I corticosteroidi inalati hanno un rischio relativamente basso di effetti collaterali e sono generalmente sicuri per un uso a lungo termine. Un'infezione fungina in bocca o nella gola è l'effetto collaterale più comune. Normalmente, si può evitare sciacquando la bocca dopo aver inalato questi farmaci;
  • modificatori di leucotriene. Contribuiscono a prevenire i sintomi dell'asma fino a 24 ore. In rari casi, è stato collegato a reazioni psicologiche, come agitazione, aggressività, allucinazioni, depressione e pensiero suicida;
  • agonisti beta-agenti a lunga durata;
  • inalatori combinati;
  • teofillina. E’ una pillola che va presa quotidianamente e aiuta a mantenere aperte le vie aeree (broncodilatatore). Rilassa i muscoli intorno alle vie aeree per facilitare la respirazione.

I farmaci a breve termine sono anche usati per un rapido sollievo dei sintomi durante un attacco di asma o prima dell'esercizio fisico. Tipi di farmaci di sollievo includono:

  • agonisti beta ad azione breve. Questi farmaci broncodilatatori inalatori possono velocizzare rapidamente i sintomi durante un attacco di asma. Agiscono in pochi minuti e gli effetti durano diverse ore;
  • corticosteroidi orali e intravenosi. Questi farmaci riducono l'infiammazione delle vie aeree causate da asma grave. Se utilizzati a lungo termine, possono causare gravi effetti collaterali, come ad esempio l'alta pressione sanguigna, l'aumento di peso e l'aumentato di rischio di infezione, per cui sono usati per trattare i sintomi di asma grave solo a breve termine.

Se l'asma viene innescata o peggiorata da allergie, è possibile beneficiare di un trattamento per tale patologia. I trattamenti di allergia includono:

  • farmaci contro l’allergia. Questi includono antistaminici orali e nasali spray e decongestionanti come pure corticosteroidi;
  • immunoterapia. Le iniezioni di immunoterapia vengono generalmente somministrate una volta alla settimana per alcuni mesi, una volta al mese per un periodo che va da 3 a 5 anni. Nel tempo, riducono gradualmente la reazione immunitaria a specifici allergeni.
Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Tosse
La tosse è un atto riflesso a difesa dell'albero tracheo-bronchiale, può essere fonte di disagio e complicanze e rappresenta una spia di ...
Broncospasmo
Il broncospasmo è un restringimento del calibro dei bronchi generalmente risultato di una contrazione del muscolo liscio che fa parte del...
Tosse grassa
La tosse è un atto riflesso a difesa dell'albero tracheo-bronchiale, può essere fonte di disagio e complicanze e rappresenta una spia di ...