icon/back Indietro Esplora per argomento

Diarrea del viaggiatore

Gastroenterologia
Diarrea del viaggiatore

Cos'è la diarrea del viaggiatore?

La diarrea del viaggiatore (DDV) è una condizione che insorge generalmente nella prima settimana di viaggio, ma può manifestarsi in qualunque momento. 

Le destinazioni che tendono a causare la diarrea del viaggiatore con più frequenza sono:

  • America Latina
  • Medio Oriente
  • Asia
Ogni anno, il 20-50% dei viaggiatori internazionali (circa 10 milioni di persone) è soggetto alla DDV. La prima fonte di infezione consiste nell'ingestione di acqua o cibo contaminato da materiale fecale

Le persone immunodepresse o con alcune patologie, per esempio infiammazioni intestinali o diabete, hanno un rischio più alto di essere colpite da diarrea del viaggiatore

Quali sono i sintomi più comuni della diarrea del viaggiatore?

La diarrea del viaggiatore aumenta di frequenza, volume e quantità delle feci con il passare dei giorni. In genere, il soggetto sperimenta fino a cinque scariche di diarrea al giorno.

Altri sintomi comuni della diarrea del viaggiatore sono:

Raramente è fatale. La maggior parte dei casi sono lievi e si risolvono in un paio di giorni al massimo, senza nessun trattamento farmacologico.

Quali sono le cause della diarrea del viaggiatore?

La causa primaria della diarrea del viaggiatore riguarda gli agenti infettivi. I batteri enteropatogeni, infatti, sono sono responsabili dell'80% dei casi di DDV.

Un'altra causa molto comune è costituita dai batteri Escherichia coli, che provocano, in aggiunta, anche crampi muscolari e diarrea liquida. 

È possibile prevenire la diarrea del viaggiatore?

I viaggiatori possono prevenire la diarrea del viaggiatore, attraverso determinate accortezze volte a limitare i rischi di questa condizione. Per esempio:

  • evitare cibo e acqua dei venditori ambulanti o di altri luoghi in condizioni igieniche discutibili;
  • evitare il consumo di cibi crudi o poco cotti, in particolar modo di carne e pesce;
  • evitare il consumo di frutta cruda, come arance, banane e avocado, e di verdure non pelate. 

Diarrea del viaggiatore: cosa mangiare?

In genere, il cibo ben cotto e impacchettato è sicuro. Sono associati a un alto rischio di infezione:

  • Acqua di rubinetto
  • Ghiaccio
  • Latte non pastorizzato
  • Prodotti caseari
Mentre, le bevande che si possono assumere includono:

  • Bevande gassate imbottigliate
  • Tè o caffè caldi
  • Birra,
  • Vino,
  • Acqua bollita o opportunamente trattata, con iodio e cloro. 

Come si cura la diarrea del viaggiatore?

La diarrea del viaggiatore è un disturbo autolimitato e spesso si risolve senza specifici trattamenti.

Tuttavia, si consiglia di idratarsi molto, per sopperire alla perdita di fluidi ed elettroliti.

Per gli adulti, che sperimentano più di tre scariche di diarrea al giorno, associate a nausea, vomito, crampi addominali, febbre, sangue nelle feci, un rimedio per la diarrea del viaggiatore consiste nella terapia antimicrobica; mentre gli antibiotici sono somministrati per 3-5 giorni. 

Se la diarrea persiste, è consigliabile consultare un medico, perché potrebbe essere in corso un'infezione parassitaria.
Condividi
Dr. Natale Saccà Medico Chirurgo
Dr. Natale Saccà
specialista in Endoscopiagastroenterologo

Contenuti correlati

Diarrea
icon/card/gastroenterology
La diarrea è un disturbo dell'intestino consistente nell’aumento della frequenza giornaliera dell’evacuazione.
Ernia
icon/card/salute
Un'ernia si verifica quando gli organi interni spingono verso l'esterno, su parete muscolare e tessuti, producendo il caratteristico rigo...
Nausea
icon/card/gastroenterology
La nausea indica una sensazione di malessere a livello dello stomaco, può essere acuta, di breve durata o prolungata. Spesso anticipa l'e...
icon/chat