Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Malattie
  4. Febbre

Febbre

Febbre
Curatore scientifico
Redazione Pazienti
Specialità del contenuto
Medicina generale

Cos'è la febbre

Con il termine febbre, si indica una temperatura corporea superiore a 38°C; la sensazione febbrile, tuttavia, può verificarsi quando la temperatura corporea è superiore alla media normale di 37 °C.

La febbre si verifica quando le difese immunitarie combattono un'infezione; per questo motivo, la febbre bassa, di norma, non dovrebbe essere trattata o dovrebbe essere trattata solo con del paracetamolo.

Le temperature corporee normali delle persone possono variare e sono influenzate da fattori come:
  • Il cibo – Quando è particolarmente piccante.
  • L'esercizio fisico – La pratica di attività fisica aumenta la temperatura corporea.
  • Il sonno – Durante il sonno la temperatura del corpo tende fisiologicamente ad abbassarsi.
  • L'ora del giorno – La nostra temperatura corporea è di solito al suo massimo all'incirca alle 18 e al suo minimo alle 3 di notte.
In generale, una temperatura corporea elevata, o febbre, è uno dei modi in cui il nostro sistema immunitario tenta di combattere un'infezione. Di solito, l'aumento della temperatura corporea aiuta l'individuo risolvere un'infezione. Tuttavia, a volte può aumentare troppo e, in questo caso, la febbre può risultare grave e portare a complicazioni.

Tipi di febbre

Per determinare i tipi di febbre, si utilizzano i classificatori di gravità e prolungamento nel tempo.

La febbre può essere:
  • Bassa – Da 38,1 a 39°C.
  • Moderata – Da 39,1 a 40°C.
  • Alta – Da 40,1 a 41,1°C.
  • Iperpiressia – Superiore a  41,1°C.
La febbre può essere:
  • Acuta – Se dura meno di 7 giorni.
  • Sub-acuta – Se dura fino a 14 giorni.
  • Cronica o persistente – Se persiste per oltre 14 giorni.

Complicazioni della febbre

La febbre alta può far insorgere alcune complicanze, soprattutto nei bambini, come:
In questi casi, la febbre richiede un trattamento immediato generalmente con paracetamolo dai 500 mg pediatrico, mentre sono 1000 mg per l'adulto, per un massimo di 3 volte al giorno.

La febbre che è invece accompagnata da brividi potenti deve essere valutata la parte della faringe per verificare la presenza o meno di placche.

Sintomi della febbre

I segni e i sintomi della febbre possono includere:
Se la febbre è alta, ci può anche essere estrema irritabilità, confusione, delirio e convulsioni.

Cause della febbre

Le cause della febbre possono essere determinate da una serie di fattori, quali:

Diagnosi di febbre

La diagnosi di febbre è relativamente semplice: se la temperatura corporea supera i 37° gradi centigradi, si ha la febbre. 

Risulta importante misurare la temperatura del paziente quando è a riposo, perché il movimento fisico può far ulteriormente aumentare la temperatura complessiva del corpo. 

Una persona ha la febbre se:
  • La temperatura della bocca è superiore a 37,7°
  • La temperatura nel retto (ano) è superiore a 37,5–38,3°
  • La temperatura sotto il braccio o all'interno dell'orecchio è superiore a 37,2°
Poiché la febbre è un sintomo più che una malattia, qualora il medico ne confermasse la presenza, possono anche essere raccomandati alcuni test diagnostici. 

A seconda di quali altri segni e sintomi esistono, tali test possono includere:

Cure per la febbre

Per curare la febbre, spesso si ricorre a farmaci antipiretici, tra questo spiccano i farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) come l'aspirina o l'ibuprofene; questi farmaci da banco non necessitano di ricetta e possono essere acquistati anche on-line.

I FANS non sono però efficaci se la febbre è stata causata da un colpo di calore, per esempio per il troppo caldo o per un sostenuto esercizio fisico faticoso: in questi casi, il paziente ha infatti bisogno di refrigerio immediato e, se è confuso o incosciente, deve essere trattato immediatamente da un medico

Tuttavia, in alcuni casi una lieve febbre può aiutare a combattere il batterio o virus che sta causando l'infezione. In questi casi, potrebbe non essere l'ideale cercare di contrastarla con qualche farmaco, ma è bene lasciare che la febbre faccia il suo corso.

Se la febbre è stata causata da un'infezione batterica, il medico può prescrivere un antibiotico. Se una febbre è stata causata da un raffreddore, che è a sua volta causato da un'infezione virale, i FANS possono essere utilizzati per alleviare i sintomi a disagio.

Gli antibiotici non hanno effetto contro i virus e non saranno pertanto prescritti dal medico per un'infezione virale.

Quando si è alla ricerca di rimedi per la febbre, assumere molti liquidi. Chiunque abbia la febbre, infatti, dovrebbe consumare molti liquidi per prevenire la disidratazione (la disidratazione solitamente complica qualsiasi condizione).

Prevenire la febbre

La febbre è comunemente causata da infezioni batteriche o virali. Per prevenire la febbre, è quindi opportuno seguire buone pratiche igieniche, aiutano a ridurre il rischio di sviluppare un'infezione. Questo include lavarsi le mani prima e dopo i pasti, e dopo essere andati in bagno.

Una persona con febbre causata da un'infezione dovrebbe avere il minor contatto possibile con altre persone, per evitare che l'infezione si diffonda. Inoltre, chi si prende cura del paziente (come medici, personale infermieristico o caregiver) deve lavarsi regolarmente le mani con acqua calda e sapone.

Febbre nei bambini

La febbre nei bambini può evolvere in crisi febbrile, nota anche come attacco febbrile o convulsioni febbrili.

La maggior parte di questi episodi non è grave e può essere il risultato di:
Meno comunemente, convulsioni febbrili possono essere causate da qualcosa di più grave, come la meningite, un'infezione renale o la polmonite.

Le crisi febbrili nei bambini si verificano più comunemente in un'età compresa tra i 6 mesi e i 6 anni e colpiscono più spesso i ragazzi rispetto alle ragazze. Le crisi si verificano perché la temperatura corporea aumenta troppo velocemente.
Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Singhiozzo
Il singhiozzo è un fenomeno normale ed innocuo, anche se talvolta può risultare fastidioso. In casi molto rari, esso può celare una condi...
Nausea
La nausea indica una sensazione di malessere a livello dello stomaco, può essere acuta, di breve durata o prolungata. Spesso anticipa l'e...
Necrosi
La necrosi rappresenta un tipo di danno cellulare irreversibile accompagnato da un processo infiammatorio oppure può rappresentare il cul...