Eritema solare

Contenuto di:
Curatore scientifico: Prof. Marcello Monti, Medico Chirurgo
Indice contenuto:
  1. Come viene l’eritema solare?
  2. Quali sono le cause dell’eritema solare?
  3. Quali sono i sintomi?
  4. Come rimediare?
  5. Quando chiamare un dottore?
  6. Come prevenire l’eritema solare?

Come viene l’eritema solare?

Quando ci abbronziamo la nostra pelle è sottoposta a diversi tipi di radiazioni solari:

  • raggi UVA

I raggi UV riescono a penetrare nella nostra pelle, danneggiando le cellule e provocando l’eritema solare. Ma gli effetti dannosi dei raggi solari non si fermano qui: entrando nelle cellule della pelle, i raggi possono danneggiare anche il DNA, facendo invecchiare precocemente la pelle e aumentando il rischio di sviluppare il melanoma e i tumori epiteliali ( Carcinomi) .

Quali sono le cause dell’eritema solare?

I fattori da cui dipende un eritema solare sono: la tipologia della nostra pelle o fototipo, l’intensità del sole e il tempo di esposizione. Di conseguenza, ecco quando bisogna fare particolare attenzione:

  • quando si ha una pelle chiara;
  • si hanno lentiggini o capelli rossi;
  • quando ci si espone al sole occasionalmente, in momenti in cui è molto intenso;
  • se ci si trova in luoghi dove le radiazioni solari sono molto intense.

Quali sono i sintomi?

L’eritema solare si manifesta con arrossamento bruciore e senso di scottatura alla pelle. Quando l’ustione è grave, si sviluppano anche gonfiore e vesciche o bolle. Nei casi più gravi compaiono anche sensazioni di febbre, brividi, nausea e mal di testa.

Pochi giorni dopo la comparsa dell’eritema, la pelle inizia a desquamare per eliminare le cellule danneggiate dal sole.

Come rimediare?

Applicare impacchi di acqua fresca o spruzzare acqua fresca può aiutare a sentire meno dolore/bruciore e diminuire l’infiammazione. Esistono varie creme e pomate che possono essere applicate nella zona per medicarla (tra queste le creme lenitive all’ossido di zinco e magnesio silicato). È importante anche bere molto, per combattere la disidratazione, ed evitare di esporsi nuovamente al sole fin quando l’eritema non è guarito.

Quando chiamare un dottore?

È consigliabile ricorrere all’aiuto di un medico quando sono presenti dolori molto forti, febbre alta e scottature molto estese su vaste parti del corpo. Altri segni da non trascurare sono bocca disidratata, sete, riduzione della minzione, debolezza e vertigini.

Come prevenire l’eritema solare?

Innanzitutto, evitando di esporsi al sole nelle ore più calde, cioè dalle 10 della mattina fino alle 16. Quando si passeggia al sole, è anche importante vestirsi convenientemente: cappelli, camicie, pantaloni e occhiali da sole sono indumenti che proteggono il nostro corpo dall’azione del sole.

Non dimentichiamoci, ovviamente, della crema solare da applicare sulle parti che rimangono scoperte . È meglio utilizzarne una che abbia la protezione minima di 30.