Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Sintomi
  4. Feci Molli

Feci molli (Cacca molle)

Feci molli (Cacca molle)
Curatore scientifico
Dr. Nicola Antonacci
Specialità del contenuto
Gastroenterologia

Cosa si intende per feci molli?

Le feci possono avere consistenza variabile: ecco perché è importante osservare sempre la forma delle feci.

Le feci molli sono un fenomeno comune, noto anche come diarrea. Le feci molli sono l'opposto della stitichezza e possono manifestarsi in maniera:

  • acuta e insorgere improvvisamente
  • breve
  • prolungata

Quali sono le cause delle feci molli?

Le feci molli sono dovute a infezioni virali. La diarrea prolungata può durare più di 4-6 settimane ed è di solito causata da patologie gastrointestinali.

La diarrea intermittente, a volte alternata a stitichezza, può essere sintomo della sindrome dell'intestino irritabile.

Normalmente, il colon assorbe la maggior parte dell'acqua nel materiale fecale, lasciando così le feci morbide, ma solide. L'alimentazione, le infezioni e i disturbi digestivi possono comportare un aumento di acqua nelle feci, dando origine alle feci molli. Infatti, gli elementi nutritivi contenuti negli alimenti e le infezioni intestinali spesso possono causare episodi di diarrea.

Le cause più comuni delle feci molli sono:

  • eccessiva quantità di zuccheri
  • intolleranza al lattosio
  • infezione intestinale
  • gastroenteriti
  • malassorbimento

Quali esami bisogna fare in caso di feci molli?

Per scoprire le cause delle feci molli il medico interrogherà il paziente sulle abitudini alimentari e i farmaci utilizzati.

Il medico può, inoltre, prescrivere esami delle feci e del sangue. Si può anche ricorrere a tecniche strumentali per indagare le condizioni di colon e retto, come sigmoidoscopia e colonscopia.

L'esame delle feci consiste nell'analisi di un campione fecale raccolto dal paziente secondo le modalità prescritte dal medico.

In cosa consiste l'esame delle feci?

Tale esame comprende valutazioni macroscopiche (aspetto, colore, odore, consistenza), chimiche (pH, acidi grassi, sangue ed altri contenuti) e microbiologiche (coprocoltura e ricerca di parassiti).

L'esame delle feci può quindi rivelarsi di grande aiuto nella diagnosi di alcune infezioni e malattie che interessano l'intestino, il fegato o il pancreas.

Eventuali anomalie possono comunque essere prodotte semplicemente da quanto mangiato o da farmaci assunti.

Cosa provoca feci molli e chiare?

Le feci chiare, che possono essere feci gialle o feci bianche, possono essere causate da una riduzione del contenuto di pigmento biliare.

La produzione accidentale delle feci molli e chiare può inoltre essere correlata al consumo abbondante di alimenti dai colori chiari, come riso e patate.

Spesso, inoltre, questo colore di feci può essere causato dall'intestino irritabile o dal colon irritabile, che non permettono la corretta pigmentazione delle feci a causa dell'accelerazione del transito intestinale, portando all'espulsioni di feci liquide.

Cosa provoca feci molli e maleodoranti?

La velocità di transito intestinale può dare vita anche ad un altro fenomeno, ossia quello delle feci maleodoranti e scure.

In particolar modo le feci verdi sono indice di uno stazionamento più rapido del normale, che non permette la normale colorazione della bile generalmente verdastra.

Tuttavia, le feci verde scuro possono anche esser l'effetto di un eccessivo consumo di verdure, come spinaci, verdure a foglia larga e cavoli.

Al contrario, una dieta povera di verdure e fibre può causare feci dure, scure, nere e a palline, colorazione dovuta al fatto che le feci stazionano nell'intestino più del dovuto.

Il colore scuro delle feci e l'odore cattivo possono inoltre essere causati dalla presenza di muco nelle feci. Questa condizione non è particolarmente allarmante, ma indice di infezione, celiachia, intolleranza alimentare e infezione da parassiti.

Per ogni dubbio è sempre consigliabile consultare il proprio medico curante.

Quali alimenti è consigliato assumere in caso di feci molli?

In caso di feci molli è opportuno bere bevande reidratanti e depurative come il tè.

Si possono mangiare carote e mele che aiutano a ricompattare le feci; il carciofo che, grazie alle sue proprietà diuretiche, aiuta a eliminare le tossine; le patate che hanno un'azione rimineralizzante e proteggono le mucose gastriche; il limone che ha un'azione battericida e il riso che ha proprietà astringenti.

Qual è il trattamento per la cura delle feci molli?

Nella maggior parte dei casi, il trattamento per la cura delle feci molli comprende l'assunzione di molti liquidi per evitare la disidratazione e per solidificare i movimenti intestinali.

Una valutazione da parte di un medico in genere è necessaria nei casi di:

È importante farsi visitare da un medico se si ha le feci molli, specie nel caso in cui dopo quattro o cinque giorni non ci siano stati miglioramenti visibili.

Per sopperire alla diarrea è di vitale importanza reidratare costantemente l'organismo, attraverso sostanze depurative come il tè, che aiuta ad espellere le tossine reidratando il corpo.

Gli altri alimenti consigliati in caso di diarrea sono:

  • patate, con azione rimineralizzante e protettiva della mucosa gastrica
  • limone, con azione battericida
  • riso, con proprietà astringenti
Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Difficoltà di deglutizione
La difficoltà di deglutizione è una condizione che può essere collegata a disturbi transitori che interessano bocca e gola o può essere p...
Reflusso biliare (vomito biliare)
Il reflusso biliare o vomito biliare è un sintomo che si manifesta attraverso conati di vomito verde. La bile, riversandosi nello stomaco...
Nodo alla gola (bolo isterico)
Il nodo alla gola o bolo isterico è un sintomo associato a numerose patologie; questa sensazione può dipendere da numerose cause, ma occo...