Rosolia

Contenuto di:

La rosolia è una malattia esantematica causata da un virus, noto come Rubivirus, appartenente alla famiglia dei Togaviridae. La rosolia si contrae per via aerea o tramite contatto diretto con le secrezioni nasali.

Cosa è la rosolia?

Rosolia | Pazienti.it

La rosolia è un'infezione virale contagiosa meglio nota per il suo rosso distintivo con cui ricopre la pelle.

Non è la stessa cosa del morbillo, anche se le due malattie esantematiche condividono alcune caratteristiche, tra cui l'eruzione cutanea rossa. La rosolia è causata da un virus diverso dal morbillo e non è né infettiva né solitamente grave quanto il morbillo.

Il vaccino per morbillo-parotite-rosolia, generalmente somministrato ai bambini dell'età scolastica, è estremamente efficace nel prevenire la rosolia.

Quali sono le cause della rosolia?

La causa della rosolia è un virus che è passato da persona a persona. Può diffondersi quando una persona infetta starnutisce, oppure da contatto diretto con le secrezioni respiratorie, come il muco. Può anche essere trasmessa da una donna incinta a suo figlio non nato attraverso il flusso sanguigno.

Una persona con la rosolia è contagiosa da 10 giorni prima dell'inizio del rash cutaneo fino a circa una o due settimane dopo che l'eruzione scompare.

Quali sono i sintomi della rosolia?

I segni e i sintomi della rosolia sono spesso così lievi che sono difficili da notare, specialmente nei bambini. Se si verificano segni e sintomi, generalmente appaiono dopo due e tre settimane dopo l'esposizione al virus. In genere durano da due a tre giorni e possono includere:

  • Febbre lieve 38,9 C° o inferiore
  • Mal di testa
  • Naso chiuso
  • Occhi infiammati, rossi
  • Linfonodi gonfi alla base del cranio, nella parte posteriore del collo e dietro le orecchie
  • Macchie rosa che iniziano sul volto e si diffondono rapidamente al tronco e poi alle braccia e alle gambe, prima di scomparire nella stessa sequenza
  • Malattie delle articolazioni, soprattutto nelle giovani donne
  • Bronchite
  • Tonsillite
  • Diarrea
  • Faringite
  • Prurito

Quali sono le complicazioni?

La rosolia è un'infezione lieve. Una volta che si ha avuto la malattia, si è immuni in modo permanente. Alcune donne con rosolia sperimentano l'artrite nelle dita, nei polsi e nelle ginocchia, che dura generalmente per circa un mese. In rari casi, la rosolia può causare un'infezione all’orecchio (otite media) o infiammazione del cervello (encefalite).

Se si è incinta quando si contrae la rosolia, le conseguenze per il bambino non ancora nato potrebbero essere gravi. Fino al 90% dei neonati nati da madri che avevano la rosolia durante le prime 12 settimane di gravidanza sviluppano una sindrome congenita di rosolia. Questa sindrome può causare uno o più problemi, tra cui:

  • Ritardo della crescita
  • Cataratta
  • Sordità
  • Deformazioni cardiache congenite
  • Difetti in altri organi
  • Ritardo mentale

Il rischio più elevato per il feto è durante il primo trimestre.

Qual è la prognosi?

L'eruzione cutanea può essere simile a molti altre eruzioni virali. I medici di solito confermano la rosolia con l'aiuto di test di laboratorio. Ci potrebbe essere bisogno di un test del sangue per rilevare la presenza di diversi tipi di anticorpi rossi nel sangue. Questi anticorpi indicano se si ha avuto un'infezione recente o passata o si è già fatto un vaccino contro la rosolia.

Come si cura la rosolia?

Nessun trattamento abbrevierà il corso dell'infezione da rosolia, i sintomi sono così lievi che il trattamento di solito non è necessario. Tuttavia, spesso i medici raccomandano l'isolamento, in particolare alle donne in gravidanza, durante il periodo infettivo.

Se si contrae la rosolia durante la gravidanza, discutere i rischi per il proprio bambino con il medico. Se si desidera continuare la gravidanza, si possono ricevere anticorpi chiamati globulina iperimmune che possono combattere l'infezione. Ciò può ridurre i sintomi, ma non elimina la possibilità del bambino di sviluppare una sindrome congenita da rosolia.

Esistono dei rimedi fai da te?

In casi rari, quando un bambino o un adulto è infettato da rosolia, sono necessarie misure di auto-cura:

  • Riposare nel letto se necessario.
  • Prendere dei farmaci per alleviare il disagio da febbre e dolori.
  • Avvertire amici, familiari e colleghi, in particolare le donne in gravidanza, della diagnosi se sono stati esposti alla malattia.
  • Evitare le persone che hanno condizioni che causano sistemi immunitari insufficienti o soppressi.

Esiste un vaccino?

Il vaccino della rosolia è generalmente somministrato come inibizione combinata di morbillo-parotite-rosolia, che contiene la forma più sicura e più efficace di ogni vaccino. I medici raccomandano che i bambini ricevano il vaccino tra i 12 ei 15 mesi di età e di nuovo tra i 4 ei 6 anni, prima di entrare in scuola. È particolarmente importante che le ragazze ricevano il vaccino per prevenire la rosolia durante le future gravidanze.

Di solito, i bambini sono protetti dalla rosolia da 6 a 8 mesi dopo la nascita grazie all'immunità trasmessa dalle loro madri. Se un bambino richiede protezione dalla rosolia prima dei 12 mesi, per esempio, per certi viaggi, il vaccino può essere somministrato già a 6 mesi.

Il vaccino non è raccomandato per:

  • Le donne in gravidanza o le donne che intendono rimanere incinte entro le prossime 4 settimane.
  • Persone che hanno avuto una reazione allergica pericolosa per la vita alla gelatina, alla neomicina antibiotica o ad una precedente dose di vaccino.
  • Se si ha un cancro, un disturbo del sangue o un'altra malattia o si prendono farmaci che colpiscono il ​​ sistema immunitario.

Quando è il caso di farsi visitare da un medico?

Se si sta programmando di rimanere incinta, controllare le proprie vaccinazioni. Se una donna incinta contrae la rosolia, specialmente durante il primo trimestre, il virus potrebbe causare morte o gravi difetti alla nascita del feto in via di sviluppo. La rosolia durante la gravidanza è la causa più comune di sordità congenita. È meglio che le donne vengano protette contro la rosolia prima della gravidanza.

Se si è incinta, probabilmente si subirà uno screening di routine per l'immunità alla rosolia. Se non si ha mai ricevuto il vaccino e si pensa di essere state esposte alla rosolia, contattare immediatamente il medico. Un test del sangue potrebbe confermare l’immunità.

Argomenti: gravidanza rosolia eruzione cutanea malattia esantematica
Sindrome_delle_gambe_senza_riposo | Pazienti.it
Sindrome delle gambe senza riposo

La sindrome delle gambe senza riposo è una condizione in cui le gambe provocano disagio, di solito la sera, mentre si sta seduti o sdraiati. Il paziente affetto percepisce il...

Missing | Pazienti.it
Sindrome fetale alcolica

La sindrome alcolica fetale è una malattia che colpisce il feto ed è in grado di causare difetti alla nascita, danni cerebrali, una crescita ridotta e anomalie della testa e...

Sintomi_e_cure_della_sciatalgia | Pazienti.it
Sintomi e cure della sciatalgia

La sciatalgia si manifesta con un intenso dolore che parte dal basso della schiena e raggiunge la gamba in alcuni casi fino al piede. I sintomi dolorosi della sciatalgia sono...

Stitichezza | Pazienti.it
Stitichezza

La stitichezza è una condizione molto comune che colpisce le persone di ogni età. Può causare difficoltà nell’espellere le feci, eccessivo sforzo o l’impossibilità di svuotare completamente l'intestino. La stitichezza...

Colestasi_gravidica | Pazienti.it
Colestasi gravidica

La gravidanza può presentare alcune complicazioni piuttosto rare, una di queste è la colestasi gravidica, che è causata da un aumento degli acidi biliari nella circolazione sanguigna.

Ovaia | Pazienti.it
Ovaie

Le ovaie sono le gonadi femminili, cioè il luogo dove vengono prodotti e si accrescono gli ovociti. Hanno una forma ovale e sono situate lungo la parete laterale del bacino...

Parto | Pazienti.it
Parto

Il parto è considerato il fine naturale della gravidanza, con espulsione o estrazione del feto e degli annessi fetali ( placenta e membrane amniotiche) oltre la 22esima settimana di...

Nausea | Pazienti.it
Nausea

La nausea è la sensazione di vomito e può essere acuta, di breve durata o prolungata. La nausea può avere cause fisiche o psicologiche.

Vasi_previi | Pazienti.it
Vasi previi

Una delle complicazioni meno comuni in gravidanza è rappresentata dai vasi previi, che si presentano quando uno o più vasi sanguigni placentari o del cordone del bambino attraversano il canale...

Vomito | Pazienti.it
Vomito

Il vomito è lo svuotamento forzato del contenuto dello stomaco per contrazione violenta del diaframma e dei muscoli addominali, con rilasciamento del cardias. Le cause del vomito sono svariate e...