Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Risposte
  3. Alzheimer Cosa Fare

Quale cura adottare per l'Alzheimer?

Mia madre ha l'Alzheimer (91 anni), trattato sintomatologicamente prima con Prozin, poi con Talofen. I risultati con Prozin sono stati ottimi, ma ora sembra non funzionare più. Il dosaggio è 5/6 gocce alle h. 14, 13 gocce la notte insieme al Pineal. Parla in continuazione delirando su persone che andrebbero via da casa oppure si sveglia di notte dicendo che non "sa fare niente". Che cosa si può fare?

Congratulazioni per la veneranda età.

L'Alzheimer è il dazio da pagare all'aumento dell'età media. Le stime parlano di più di 500.000 casi presenti in Italia e di ben 80.000 casi nuovi ogni anno: numeri da capogiro. Di conseguenza, dramma da capogiro se si pensa al numero delle famiglie coinvolte in questa vera e propria tragedia.

Nel lontano 1906, il Dottor Alois Alzhemeir assistette una donna affetta da perdita della memoria, difficoltà di linguaggio e comportamenti poco comuni. Alla morte della paziente, il medico praticò l’autopsia. Esaminò il cervello e scoprì macchie anomale e grovigli di fibre oggi note come placche amiloidi ed ammassi neurofibrillari.

I primi segni sono subdoli: difficoltà della memoria recente e cambiamento del tono dell'umore. Poi il quadro piano piano si aggrava. Compaiono disorientamento temporo-spaziale, incertezza nell'uso del denaro o nel calcolo; domande ripetute; trasformazione del tono dell'umore e della personalità al punto tale da non riconoscere più la persona cara. Quindi i sintomi si aggravano con una complessità inarrestabile e difficile da gestire. 

Nel tuo caso, che cosa fare? Mettersi nelle mani di un geriatra di comprovata competenza. In questo modo, la terapia (quella da te riportata mi sembra adeguata) si potrà monitorare a seconda della gravità/intensità della sintomatologia.
Hai trovato questa risposta utile?
Risposta a cura di:
Dr. Aniello Cusati
Dr. Aniello Cusati
Bergamo - Via Vinola
Altre risposte di questo specialista
Prevenzione ictus ischemico: che cure seguire?
Studi di provata evidenza scientifica dimostrano che la tollerabilità del Clopidogrel è sovrapponibile a quello dell’acido acetilsalicilico (ASA). Anzi, gli...
Cefalea a grappolo: come si cura?
Non esiste alcuna cura per la cefalea a grappolo. La terapia serve a diminuire la gravità del dolore e la durata dei grappoli di...
Cidp: cosa è?
Sinteticamente: CDIP = polineuropatia [poli=molti] demielinizzante infiammatoria cronica. Sono colpiti i neuroni della sensibilità e della motilità [sensitivo-motoria]. La malattia è cronica e progressiva. Si...
Torpore alla testa e cedimento: di cosa si potrebbe trattare
Privato? Non esiste. Il Servizio Sanitario Nazionale deve prendersi cura di te. Il tuo medico di famiglia ha tutte le armi per evitare le tagliole...
Mal di testa durante l'allattamento: cosa fare?
Innanzitutto, congratulazioni per il bebè. Emicrania durante l’allattamento? Prima del concepimento ne soffrivi già? Prima...
Vedi tutte
Risposte simili
Idrocefalo nel bambino: che cosa significa?
L'idrocefalo è determinato da un accumulo patologico di liquido cefalorachidiano o liquor nelle cavità cerebrali denominate ventricoli. Ciascun individuo produce normalmente tale...
Sclerosi multipla: cos'è la CCSVI?
La CCSVI di cui mi parli è l’acronimo di Insufficienza Venosa Cronica Cerebro-Spinale.La CCSVI è una patologia vascolare caratterizzata da stenosi venose di varia...
Diagnosi di sclerosi multipla: come si esegue?
In genere, se i disturbi neurologici sono di una certa importanza, si va dal medico curante o in alcuni casi, se l’esordio è stato acuto,...