Risposta a cura di: Dr. Aniello Cusati

Quale cura adottare per l'Alzheimer?

"Mia madre ha l'alzheimer (91 anni), trattato sintomatologicamente prima con clorpromazina, poi con promazina. I risultati con la promazina sono stati ottimi, ma ora sembra non funzionare più. Il dosaggio è 5/6 gocce alle h. 14, 13 gocce la notte insieme al pineal. Parla in continuazione delirando su persone che andrebbero via da casa oppure si sveglia di notte dicendo che non "sa fare niente". Che si può fare?"

Congratulazioni per la veneranda età.

L'Alzheimer è il dazio da pagare all'aumento dell'età media.

Le stime parlano di più di 500.000 casi presenti in Italia e di ben 80.000 casi nuovi ogni anno. Numeri da capogiro. Di conseguenza dramma da capogiro se si pensa al numero delle famiglie coinvolte in questa vera e propria tragedia.

Nel lontano 1906 il Dottor Alois Alzhemeir assistette una donna affetta da perdita della memoria, difficoltà di linguaggio e comportamenti poco comuni. Alla morte della paziente il medico praticò l’autopsia. Esaminò il cervello e scoprì macchie anomale e grovigli di fibre oggi note come placche amiloidi ed ammassi neurofibrillari!

I primi segni sono subdoli. Difficoltà della memoria recente e cambiamento del tono dell'umore. Poi il quadro piano piano si aggrava. Compaiono disorientamento temporo-spaziale, incertezza nell'uso del denaro o nel calcolo; domande ripetute; trasformazione del tono dell'umore e della personalità al punto tale da non riconoscere più la persona cara.

Quindi i sintomi si aggravano con una complessità inarrestabile e difficile da gestire.

NEL TUO CASO CHE FARE?

METTERSI NELLE MANI DI UN GERIATRA DI PROVATA ESPERIENZA. In questo modo la terapia (quella da te riportata mi sembra adeguata) si potrà monitorare a seconda della gravità/intensità della sintomatologia.

Le opinioni su argomenti di salute espresse dai professionisti all'interno delle loro risposte non rappresentano necessariamente la posizione di Pazienti. Leggi il disclaimer


Risposta a cura di:
Non hai trovato la risposta che cercavi?
Fai la tua domanda

Iscriviti e ricevi tanti consigli di salute

Iscriviti con il tuo indirizzo e-mail

Oppure tramite Facebook

Contenuti correlati

Difficoltà (e problemi) di concentrazione

La difficoltà di concentrazione può essere sintomo di patologie, come il morbo di Alzheimer o la sindrome premestruale. Anche lo stress può far emergere la difficoltà di concentrazione.

Leggi tutto
Morbo di Alzheimer

Il morbo di Alzheimer è la più comune forma di demenza, un gruppo di sintomi associati a un calo delle abilità mentali. Il morbo di Alzheimer colpisce i nervi, le...

Leggi tutto
Alterazione dello stato mentale

L'alterazione dello stato mentale si riferisce a cambiamenti generali delle funzioni cerebrali.

Leggi tutto
Disorientamento temporale e spaziale

Il disorientamento temporale e spaziale è tipico di malattie degenerative come il morbo di Alzheimer.

Leggi tutto
Incontinenza

L'incontinenza è una disfunzione vescicale che causa la perdita involontaria ed incontrollata di urine. L'incontinenza può dipendere da patologie del sistema nervoso.

Leggi tutto
Perdita di memoria

La perdita di memoria è un livello anomalo di dimenticanza può essere improvviso o graduale, permanente o temporaneo.

Leggi tutto
Tremore

I tremori sono movimenti anomali del corpo che si verificano a causa di malattie che colpiscono il sistema nervoso.

Leggi tutto

Risposte simili