Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Risposte
  3. Cosa E Il Reflusso Gastroesofageo

Cos'è il reflusso gastroesofageo?

Dagli ultimi esami fatti, mi è stato riscontrato un reflusso gastroesofageo. Di cosa si tratta e quali sono i sintomi?

La malattia da reflusso gastroesofageo è una delle più comuni patologie benigne dell’esofago, in cui il meccanismo di barriera tra lo stomaco e l’esofago non funziona correttamente ed il rivestimento interno dell'esofago viene danneggiato dalla presenza di acido e/o di bile.

La malattia da reflusso gastroesofageo è progressivamente aumentata nel corso degli ultimi 2 decenni, anche perché è cambiato il modo di mangiare e di vivere. Recentemente, è stata definita come la “malattia del terzo millennio”, diffusa soprattutto nel mondo occidentale tra le persone anziane.

I sintomi della malattia da reflusso gastroesofageo possono presentarsi in maniera diversa; alcune persone ne soffrono solo saltuariamente ed altre ne soffrono quasi tutti i giorni. Spesso, le persone soffrono del reflusso gastroesofageo senza saperlo, non ne riconoscono i sintomi, li trascurano o li interpretano in modo errato.

Il sintomo più comune è il bruciore e l'acidità di stomaco (pirosi). L’organo che crea la sensazione di bruciore è l’esofago e più precisamente l’ultima parte, quella vicina alla congiunzione con lo stomaco.

Il rigurgito acido è un altro sintomo tipico ed altamente specifico. Il rigurgito è diverso dal vomito, perché avviene senza sforzo e può provocare una sensazione di sapore amaro in gola. Spesso, è causato dai cambiamenti improvvisi di posizione e da piegamenti del busto dopo i pasti.

Esistono poi altri disturbi che possono essere causati dalla malattia da reflusso gastroesofageo, quali: asma, tosse, raucedine e infezioni broncopolmonari.

Imparare a riconoscere i sintomi è molto importante per diagnosticare la malattia da reflusso gastroesofageo ed iniziare una terapia corretta.

Hai trovato questa risposta utile?
Risposta a cura di:
Dr. Marialuisa Lugaresi
Dr. Marialuisa Lugaresi
Bologna - Non disponibile
Altre risposte di questo specialista
Cena: dopo quanto andare a Letto?
Buongiorno, rispondo brevemente: nuoce alla salute cenare a tarda ora e, ancora peggio, andare a letto solo un'ora dopo il pasto. Questo comportamento potrebbe creare...
Trapianto di polmone: quando è indispensabile?
Il trapianto di polmone viene riservato ai pazienti con deterioramento progressivo della funzione polmonare ed aspettativa di vita limitata a 12-18 mesi. Per...
Fibrosi cistica: è consigliato il trapianto di polmone?
La fibrosi cistica è una malattia genetica autosomica recessiva, causata da una mutazione del gene CFTCR (Cystic Fibrosis Transmembrane Conductance Regulator) che codifica una...
Timoma: che cos'è?
Il timo è un piccolo organo situato dietro lo sterno che fa parte del sistema linfatico e produce i linfociti, dei globuli...
Timoma: quali sintomi?
Il timoma, in oltre la metà dei casi, rappresenta un riscontro diagnostico occasionale in pazienti asintomatici, durante una radiografia toracica di routine. ...
Vedi tutte
Risposte simili
Pancreas: quando va operato?
La chirurgia del pancreas è necessaria nel caso di pancreatite acuta nella sua forma grave, nella pancreatite cronica nei suoi ultimi stadi (dopo 3-5 anni),...
Calcoli alla cistifellea: cosa mangiare?
La calcolosi biliare è spesso associata ad una situazione di sovrappeso e ad un'alimentazione ricca di grassi, ma esiste anche un'associazione con regimi...
Amilasi pancreatiche alte: quale dieta devo seguire?
Prima di effettuare drastiche correzioni nella tua dieta è opportuno cercare di ridosare tutti gli enzimi per 2-3 mesi. Spesso esistono fluttuazioni...