Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Risposte
  3. Diplopia Paralisi

Cosa fare in caso di diplopia per paralisi?

A seguito di un problema di diplopia per la paralisi del 4° nervo cranico, il dottore mi ha prescritto una risonanza magnetica e questa è la relazione del radiologo: "nella sostanza bianca dei lobi frontali sono presenti alcune piccole aree di alterato segnale, iperintense nelle sequenze a tr lungo, di tipo aspecifico del diam di 1-2 mm, non apprezzabili nelle sequenze t1 e senza significativi elementi nella sequenza in diffusione". Che cosa significa?

Caro Signore,
la sintomatologia è rappresentata da una diplopia verticale e torsionale (dunque in direzione obliqua) con visione sdoppiata (un’immagine al di sopra e leggermente laterale rispetto all'altra), cosicchè, per compenso, il soggetto modifica la posizione della testa e tenderà ad abbassarla verso la spalla, portando il mento verso lo sterno.

La situazione è molto spesso benigna e tende a risolversi in 6-8 mesi, ma è necessario escludere il diabete latente e le altre cause di vasculopatia; l'angioRM confermerà l'esclusione di malformazioni o patologia vascolare occupante spazio in relazione al seno cavernoso, oltre che nell'orbita; con l'imaging l'approssimazione diagnostica è elevata.

Lo screening per trombofilia escluderà l'iperomocisteinemia e fornirà eventuali indicazioni di terapia con antiaggreganti e/o statine in caso di dislipidemia. L'ecocardio e l'esame doppler del tratto cerebroafferente completeranno le esclusioni da considerare.

Che cosa fare?

Eliminare i fattori di rischio: fumo, superalcolici. Praticare esercizi di motricità e soprattutto montare un prisma press-on verticale, anche coniugato, che sarà modificato nel tempo, con l'evoluzione del quadro.

Un settore di disturbo può ridurre il fastidio. E portare tanta pazienza. 

Hai trovato questa risposta utile?
Risposta a cura di:
Dr. Pier Enrico Gallenga
Dr. Pier Enrico Gallenga
Pescara - Viale Giovanni Bovio, 275
Altre risposte di questo specialista
Ipertrofia papillare: cosa causa?
La congiuntivite micro/gigantopapillare tarsale da lenti a contatto può essere dovuta a:disturbo della secrezione lacrimale (Dry Eye oppure sindrome del discomfort oculare: da...
Ialutim: cosa assumere al suo posto?
Un'associazione beta-bloccante + inibitore dell'anidrasi carbonica (CAI) alternativa al Cosopt è l'Azarga collirio, 2 volte al dì, avendo durata di efficacia di...
Herpes zoster all'occhio: come si può curare?
Buongiorno,se pensi che l'eruzione da herpes zoster si chiama 'fuoco di Sant'Antonio', realizzi subito che la reinfezione tardiva in VI-VIII decade dopo una...
Quadrantopsia: a chi rivolgersi?
Buongiorno, tutti gli ottimi medici che hanno raccolto la tua anamnesi e sintomatologia, programmato e valutato gli esami necessari per raggiungere una...
Xiidra: a chi rivolgersi per proporsi come volontario?
Gentile Signora,la sindrome di Sjogren si inquadra nell'artrite reumatoide come patologia autoimmune che aggredisce le ghiandole che umidificano le mucose: la secchezza...
Vedi tutte
Risposte simili
Occhio pigro: cos'è?
L'occhio pigro è un disturbo visivo tipico dell'infanzia. Il bimbo usa maggiormente l'occhio che gli fornisce la visione migliore, penalizzando quello più debole (
Lesione retinica: è grave?
Comprendo la tua preoccupazione. La retina è la parte “nobile” dell`occhio. Per farti capire meglio le mie parole, potrebbe essere paragonata ad una pellicola fotografica...
Cisti sulla palpebra: come si rimuove?
Ti spiego brevemente quali sono i tipi di cisti di cui parli.Le cisti palpebrali sono generalmente 3:gli orzaioli, che colpiscono il bordo palpebrale...