Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Risposte
  3. Orticaria Tachipirina

L'orticaria dopo l'assunzione di Tachipirina potrebbe essere sintomo di allergia?

Mio figlio ha avuto l'orticaria dopo l'assunzione della Tachipirina, potrebbe trattarsi di allergia?

I farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) sono responsabili prevalentemente di reazioni non IgE mediate, che dipendono dall'azione di questi farmaci su enzimi chiamati ciclossigenasi (COX).

La prevalenza di reazioni allergiche al Paracetamolo in età pediatrica varia dal 4 al 16%, quella dell'ipersensibilità ad Aspirina varia dallo 0,3% al 4%.

Le principali manifestazioni cliniche sono costituite da orticaria, angioedema, asma, rinite, raramente da anafilassi.

In età pediatrica, i due FANS più comunemente impiegati sono costituiti dal Paracetamolo e dall’Ibuprofene. Entrambi i farmaci sono in genere ben tollerati e esiste una bassa incidenza di cross reattività con altri FANS COX-1 inibitori (intorno al 7%). Va anche considerato che le reazioni di ipersensibilità non IgE mediate al Paracetamolo sono dose-dipendenti e che le basse dosi (inferiori a 5 mg/kg) sono tollerate anche in soggetti con storia clinica di severe reazioni.

I test cutanei a lettura immediata per i FANS (prick, intradermoreazione) non sono standardizzati e possiedono una sensibilità bassa e variabile da un farmaco ad un altro. I test di provocazione possono essere eseguiti sia per la conferma diagnostica di una sospetta reazione di ipersensibilità a un FANS, sia per la ricerca di farmaci alternativi nei pazienti con allergia documentata. Vanno effettuati in ambiente ospedaliero, per via orale nella maggior parte dei casi. Il test consiste nella somministrazione di dosi progressivamente crescenti del farmaco da testare.

In pazienti in cui sia necessario un trattamento continuativo con FANS (ad esempio, in caso di malattie reumatologiche, ischemia coronarica), è possibile ricorrere a metodiche di desensibilizzazione.

Ti consiglio quindi di consultare il pediatra per individuare il test migliore per tuo figlio. 

Hai trovato questa risposta utile?
Risposta a cura di:
Dr. Roberto Bernardini
Dr. Roberto Bernardini
Firenze - VIALE BOCCACCIO
Altre risposte di questo specialista
Allergia ai farmaci: è possibile guarire?
Vi sono alcuni casi in cui si rende necessario usare un farmaco verso cui è dimostrata, sia da un punto di vista anamnestico che immunologico,...
Allergia ai farmaci: che cosa bisogna fare?
È innanzitutto da evitare la pratica del cosiddetto pomfo di prova, che consiste nell’iniettare una quantità non standardizzata del farmaco sospetto per via sottocutanea poco...
Anestetici locali: sono frequenti le reazioni allergiche?
Le reazioni avverse agli anestetici locali avvengono nel 2-5% delle procedure anestesiologiche loco-regionali. Nella grande maggioranza dei casi, tali reazioni sono di tipo tossico, dose,...
Allergia a beta-lattamico: che cosa fare?
Nel paziente con allergia ad insorgenza immediata ad un antibiotico beta lattamico, le cross reazioni, prevalentemente dovute a similitudini molecolari tra 2 tipi...
Test di tolleranza per le allergie: come si esegue?
Il test di tolleranza deve essere fatto in ambiente ospedaliero controllato, il paziente non deve aver assunto farmaci antistaminici o cortisonici, devono essere a...
Vedi tutte
Risposte simili
Macchie rosse sulla pelle: cosa potrebbero essere?
Una netta positività (12k u/l verso uno degli allergeni ricombinanti più importanti: l'HEV B 1) del lattice di gomma mi porta a consigliarti un...
Muffe dell'aspergillo: quali disturbi causano?
Le muffe della specie dell'aspergillo possono provocare differenti forme di allergie, provocando difficoltà respiratorie, spossatezza, nausea e sintomi simili a quelli...
Allergia agli antibiotici: si può assumere Betametasone?
Tuo figlio dovrebbe associare anche un antistaminico, ma, per prudenza, ti consiglio di farlo sottoporre anche a dei test dermici in ambiente ospedaliero. Così...