Fecondazione artificiale

Contenuto di:

La fecondazione artificiale è una procedura medica messa in atto quando una coppia presenta problemi di fecondazione naturale. Le tecniche di fecondazione artificiale possono essere di due tipi, in vitro e in vivo.

Cosa è la fecondazione artificiale?

Fecondazione_artificiale | Pazienti.it

La fecondazione artificiale è una serie complessa di procedure utilizzate per trattare la fertilità o i problemi genetici e aiutare a concepire un bambino.

Durante la fecondazione artificiale, gli ovuli vengono raccolti dalle ovaie e fecondati dagli spermatozoi in un laboratorio. Poi, l’ovulo fecondato (embrione) o gli ovuli vengono impiantati nell'utero. Un ciclo di fecondazione artificiale dura circa 2 settimane.

La fecondazione artificiale è la forma più efficace tra le tecnologie riproduttive assistite. La procedura può essere fatta usando gli ovuli e lo sperma dei due partner oppure può coinvolgere ovuli, spermatozoi o embrioni derivanti da un donatore conosciuto o anonimo. In alcuni casi, può essere utilizzato un portatore gestazionale, ovvero una donna che ha un embrione impiantato nell'utero. 

Le possibilità di avere un bambino sano avvalendosi della fecondazione artificiale dipendono da molti fattori, come l’età e la causa dell'infertilità. Può richiedere molto tempo. Se più di un embrione viene impiantato nell'utero, può provocare una gravidanza con più di un feto (gravidanza multipla).

Perché viene fatta?

La fecondazione in vitro è un trattamento per l’infertilità o i problemi genetici. Se viene eseguita per trattare l'infertilità, i partner potrebbero provare opzioni di trattamento meno invasive prima di tentarla, compresi i farmaci di fertilità per aumentare la produzione di ovuli o l'inseminazione intrauterina, una procedura in cui gli spermatozoi vengono posizionati direttamente nell'utero in concomitanza al ciclo dell'ovulazione.

A volte, l’inseminazione artificiale viene offerta come trattamento primario per l'infertilità nelle donne oltre i 40 anni. Può essere anche fatta se si dispone di determinate condizioni sanitarie. Ad esempio, può essere un'opzione se uno dei due partner ha:

  • le tube di Falloppio danneggiate o bloccate, il che rende difficile la fecondazione di un ovulo o il passaggio di un embrione verso l’utero
  • disturbi dell'ovulazione. Se l'ovulazione è infrequente o assente, sono disponibili meno ovuli per la fecondazione
  • insufficienza precoce dell'ovaio. L'insufficienza precoce dell'ovaio è la perdita della normale funzione ovarica prima dell'età di 40 anni. Se le ovaie non ne producono più, gli ovuli non vengono rilasciati regolarmente
  • endometriosi, si verifica quando il tessuto uterino cresce all'esterno dell'utero, spesso influenzando la funzione delle ovaie, dell'utero e delle tube di Falloppio
  • fibromi uterini, tumori benigni che si formano nella parete dell'utero e sono comuni nelle donne tra i 30 e i 40 anni. Possono interferire con l'impianto dell'ovulo fecondato
  • sterilizzazione o rimozione tubale precedente: se sono state legate le tube, un tipo di sterilizzazione in cui le tube di Falloppio vengono tagliate o bloccate per impedire permanentemente una futura gravidanza, e si decide di concepire, la procreazione assistita può essere un'alternativa all'inversione della legatura tubale
  • produzione dello sperma compromessa. La concentrazione spermatica inferiore alla media, il debole movimento degli spermatozoi (scarsa mobilità) o le anomalie nella dimensione e nella forma dello spermatozoo possono rendere difficile agli spermatozoi la fecondazione degli ovuli
  • infertilità inspiegabile. L'infertilità non spiegata significa che nessuna causa di infertilità è stata trovata nonostante la valutazione delle cause comuni
  • un disturbo genetico. Se uno dei due partner è a rischio di trasmettere un disturbo genetico al figlio, si potrebbe essere candidati alla diagnosi genetica preimplantare, una procedura che coinvolge l’inseminazione assistita. Dopo che gli ovuli vengono raccolti e fecondati, vengono sottoposti a screening per alcuni problemi genetici. Gli embrioni che non contengono problemi identificati possono essere trasferiti all'utero
  • conservazione della fertilità a causa di un cancro o altre condizioni sanitarie. Se si sta per iniziare un trattamento di un cancro, con la radioterapia o la chemioterapia, che potrebbe danneggiare la fertilità, la fecondazione artificiale per la conservazione della fertilità può essere un'opzione. Le donne possono raccogliere gli ovuli dalle loro ovaie e congelarli in uno stato non fertile per un uso successivo. Oppure, possono essere fecondati e congelati come embrioni per uso futuro.

Che rischi si corrono?

I passaggi specifici di un ciclo di fertilizzazione in vitro presentano rischi, tra cui:

  • nascite multiple. Aumenta il rischio di nascite multiple se più di un embrione viene impiantato nell'utero. Una gravidanza con feti multipli porta un rischio maggiore di parto precoce e di basso peso alla nascita rispetto alla gravidanza con un singolo feto
  • parto prematuro e basso peso alla nascita. La fecondazione artificiale aumenta leggermente il rischio che un bambino nasca prima o con un basso peso alla nascita
  • sindrome da iperstimolazione ovarica. L'uso di farmaci di fertilità iniettabili, come la gonadotropina corionica, per indurre l'ovulazione può causare sindrome da iperstimolazione ovarica, per la quale le ovaie diventano gonfie e dolorose. I segni e i sintomi durano una settimana e includono dolori addominali lievi, gonfiori, nausea, vomito e diarrea. Tuttavia, se si rimane incinta, i sintomi potrebbero durare diverse settimane. Raramente, è possibile sviluppare una forma più severa di sindrome da iperstimolazione ovarica che può anche causare un rapido aumento di peso e una mancanza di respiro.
  • aborto spontaneo. La percentuale di aborto spontaneo per le donne che si affidano alla fecondazione artificiale con embrioni freschi è simile a quella delle donne che concepiscono naturalmente,  dal 15 al 25%, ma il tasso aumenta con l'età della madre. L'uso di embrioni congelati, tuttavia, può leggermente aumentare il rischio di aborto spontaneo
  • complicazioni durante le procedure di recupero dell'ovulo. L'uso di un ago aspirato per raccogliere gli ovuli potrebbe causare sanguinamenti, infezioni o danni all'intestino, alla vescica o ad un vaso sanguigno. I rischi sono associati anche all'anestesia generale, se utilizzata
  • gravidanza extrauterina. Dal  2 al 5% delle donne che utilizza la fecondazione artificiale avrà una gravidanza ectopica, che avviene quando l’ovulo fecondato si impianta all'esterno dell'utero, di solito in una tuba di Falloppio. L‘ovulo fecondato non sopravvive e non c'è modo di continuare la gravidanza
  • difetti di nascita. L'età della madre è il principale fattore di rischio nello sviluppo dei difetti di nascita
  • cancro ovarico
  • stress. L'uso della fecondazione artificiale può essere finanziariamente, fisicamente ed emotivamente spossante. Il supporto da parte di consulenti, familiari e amici può aiutare i partner attraverso gli alti e bassi del trattamento di sterilità

Come ci si prepara alla fecondazione artificiale?

Quando si sceglie una clinica per la fecondazione in vitro, tenere presente che il tasso di successo dipende da molti fattori, come l'età dei pazienti e le questioni mediche, nonché gli approcci di trattamento. 

Prima di iniziare un ciclo di fecondazione artificiale usando i propri ovuli e spermatozoi (fecondazione omologa), i partner avranno bisogno di effettuare vari esami, tra cui:

  • test di riserva di ovarica. Per determinare la quantità e la qualità degli ovuli, il medico potrebbe testare la concentrazione nel sangue dell’ormone follicolo-stimolante (FSH), estradiolo (estrogeno) e dell’ormone antimulleriano durante i primi giorni del ciclo mestruale. I risultati dei test, spesso usati insieme ad un’ecografia delle ovaie, possono aiutare a prevedere come esse risponderanno ai farmaci per la fertilità
  • analisi del seme. Il medico condurrà un'analisi dello sperma poco prima dell'inizio di un ciclo di trattamento della fecondazione in vitro
  • screening delle malattie infettive. I partner verranno entrambi sottoposti a screening per le malattie infettive, tra cui l'HIV
  • trasferimento degli embrioni. Il medico potrebbe condurre un trasferimento embrionale per determinare la profondità della cavità uterina 
  • esame della cavità uterina. Il medico esaminerà la cavità uterina prima di iniziare la fecondazione artificiale. Ciò potrebbe comportare una sonoisterografia, attraverso la quale un liquido viene iniettato attraverso la cervice nell'utero, e un ultrasuono per ricreare immagini della cavità uterina. Potrebbe includere un'isteroscopia, con la quale un sottile, flessibile telescopio illuminato (isteroscopio) viene inserito attraverso la vagina e la cervice nell'utero

Che cosa si può aspettare da una fecondazione artificiale?

La fecondazione in vitro comporta varie fasi:

  1. l'induzione all'ovulazione
  2. il recupero dell'ovulo
  3. il recupero degli spermatozoi
  4. la fecondazione 
  5. il trasferimento degli embrioni

Un ciclo di fecondazione può richiedere circa due settimane e può essere richiesto più di un ciclo.

Se si useranno i propri ovuli, all'inizio di un ciclo si inizierà il trattamento con ormoni sintetici per stimolare le ovaie a produrne molti, invece che il singolo ovulo che normalmente si sviluppa ogni mese. Sono necessari molti ovuli perché alcuni non si svilupperanno normalmente dopo la fecondazione.

Potrebbe essere necessaria l’assunzione di diversi farmaci, ad esempio:

  • farmaci per la stimolazione ovarica. Per stimolare le ovaie, si potrebbe assumere un farmaco iniettabile contenente un ormone follicolo-stimolante (FSH), un ormone luteinizzante (LH) o una combinazione di entrambi. Questi farmaci stimolano più di un ovulo
  • farmaci per la maturazione del oocito. Quando i follicoli sono pronti per il recupero degli ovuli, generalmente dopo 8 o 14 giorni, la donna assumerà gonadotropina corionica o altri farmaci per aiutare gli ovuli a maturare
  • farmaci per prevenire l'ovulazione precoce. Questi farmaci impediscono al corpo il rilascio troppo rapido degli ovuli in via di sviluppo
  • farmaci per preparare la membrana dell'utero. Il giorno del recupero dell'ovulo o al momento del trasferimento degli embrioni, il medico potrebbe raccomandare di iniziare a assumere integratori di progesterone per rendere il rivestimento dell'utero più ricettivo all'impianto

In genere, c’è bisogno di una o due settimane di stimolazione ovarica prima che gli ovuli siano pronti per il recupero. Per determinare quando sono pronti per la raccolta, il medico probabilmente eseguirà:

  • l'ultrasuono vaginale, un esame delle ovaie per monitorare lo sviluppo dei follicoli, le sacche ovariche piene di liquidi dove maturano gli ovuli
  • esame del sangue, per misurare la risposta ai farmaci di stimolazione ovarica, i livelli di estrogeni aumentano come i follicoli si sviluppano e i livelli di progesterone rimangono bassi fino a dopo l'ovulazione

A volte, i cicli di fecondazione artificiale devono essere annullati prima del recupero dell’ovulo per uno di questi motivi:

  • inadeguato numero di follicoli che si sviluppano
  • ovulazione precoce
  • sviluppo di troppi follicoli, il che può creare un rischio di comparsa della sindrome da iperstimolazione ovarica

Se il ciclo viene annullato, il medico potrebbe raccomandare di modificare i farmaci o le loro dosi per promuovere una risposta migliore durante i cicli di fecondazione futuri. Oppure si potrebbe rivolgersi ad una donatrice di ovuli.

Come avviene il recupero dell’ovulo?

Il recupero dell’ovulo può essere effettuato presso l’ambulatorio del medico da 34 a 36 ore dopo l'iniezione finale e prima dell'ovulazione.

Durante il recupero dell'ovulo, la donna sarà sedata.

L'aspirazione transvaginale ad ultrasuoni è il metodo di recupero. Una sonda ad ultrasuoni viene inserita nella vagina per identificare i follicoli. Poi, un ago sottile viene inserito tramite una guida ad ultrasuoni per passare attraverso la vagina e nei follicoli per recuperare gli ovuli.

Se le ovaie non sono accessibili attraverso l'ultrasuono transvaginale, una chirurgia addominale o una laparoscopia, una procedura in cui viene eseguita una piccola incisione al livello dell'ombelico e viene inserito un sottile strumento di visualizzazione (laparoscopio), può essere utilizzata per guidare l'ago.

Gli ovuli vengono rimossi dai follicoli attraverso un ago collegato ad un dispositivo di aspirazione. Gli ovuli multipli possono essere rimossi in circa 20 minuti.

Dopo il recupero, si potrebbero avvertire crampi e sensazioni di pienezza o di pressione.

Gli ovuli maturi vengono collocati in un liquido nutritivo (mezzo di coltura) e incubati. Quelli che appaiono sani e maturi saranno mescolati allo sperma per tentare di creare embrioni. Tuttavia, non tutti gli ovuli possono essere fecondati con successo.

Se si sta utilizzando lo sperma del partner, egli ne fornirà un campione presso l'ambulatorio del medico la mattina del recupero dell’ovulo. A volte, sono necessari altri metodi, come l'aspirazione testicolare, attraverso l'uso di un ago o di una procedura chirurgica per estrarre spermatozoi direttamente dal testicolo. Anche lo sperma del donatore può essere utilizzato. 

La fecondazione può essere tentata utilizzando due metodi comuni:

  • inseminazione. Durante l'inseminazione, gli spermatozoi sani e gli ovuli maturi vengono mescolati e incubati durante la notte
  • iniezione di spermatozoi intracitoplasmatici (ICSI). Con l’ICSI, un singolo spermatozoo sano viene iniettato direttamente in ogni ovulo maturo. Viene spesso utilizzata quando la qualità o il numero di spermatozoi è un problema o se i tentativi di fecondazione durante i cicli di fecondazione precedenti non sono riusciti

In determinate situazioni, il medico può raccomandare altre procedure prima del trasferimento degli embrioni:

  • cova assistita. Circa 5 o 6 giorni dopo la fecondazione, un embrione si estende dalla sua membrana circostante (zona pellucida), riuscindi ad impiantarsi nella membrana dell'utero. Se la donna è avanti con l’età o se ha già tentato più volte la fecondazione, il medico potrebbe raccomandare la cova assistita, una tecnica in cui viene fatto un buco nella zona pellucida poco prima del trasferimento per aiutare l'apertura e l'impianto dell'embrione
  • prove genetiche pre implantare. Gli embrioni vengono fatti sviluppare nell'incubatrice finché non raggiungono uno stadio tale in cui un piccolo campione può essere rimosso e testato per malattie genetiche specifiche o il numero corretto di cromosomi, solitamente dopo 5 o 6 giorni dallo sviluppo. Gli embrioni che non contengono i geni o i cromosomi affetti possono essere trasferiti all'utero.

Come avviene il trasferimento degli embrioni?

Il trasferimento degli embrioni viene effettuato presso l’ambulatorio del medico e di solito si svolge 2 o 6 giorni dopo il recupero dell’ovulo.

Potrebbe essere somministrato un sedativo lieve. La procedura è di solito indolore, anche se si potrebbero verificare lievi crampi.

Il medico inserirà un tubo lungo e sottile, chiamato catetere, nella vagina, attraverso la cervice e nell'utero. Una siringa contenente uno o più embrioni sospesi in una piccola quantità di fluido viene attaccata alla fine del catetere.

Usando la siringa, il medico porrà l'embrione o gli embrioni nell'utero. Se riuscito, un embrione si attaccherà nella membrana dell'utero circa 6-10 giorni dopo il recupero dell'ovulo.

Cosa avviene dopo la procedura?

Dopo il trasferimento degli embrioni, è possibile riprendere le normali attività quotidiane. Evitare attività vigorose, che potrebbero causare disagio.

Gli effetti collaterali tipici includono:

  • perdita di una piccola quantità di liquido chiaro o sanguinolento poco dopo la procedura 
  • dolore al seno a causa degli elevati livelli di estrogeni
  • gonfiore lieve
  • crampi lievi
  • stipsi

Se i dolori sono moderati o gravi dopo il trasferimento degli embrioni, contattare il medico, il quale valuterà complicazioni come infezione, torsione di un'ovaia (torsione ovarica) e grave sindrome da iperstimolazione ovarica.

Dopo quanto tempo si possono aspettare i risultati?

Circa 12 giorni dopo il recupero degli ovuli, il medico proverà un campione del sangue per rilevare se si è incinta.

Se non si è incinta, si smetterà di prendere il progesterone e probabilmente il ciclo riprenderà entro una settimana.

Le probabilità di dare alla luce un bambino sano dopo l'uso della fecondazione artificiale dipendono da vari fattori, tra cui:

  • età materna. Quanto più giovane è la madre, tanto più è probabile rimanere incinta e dare alla luce un bambino sano usando i propri ovuli. Alle donne di età superiore ai 41 anni, viene spesso consigliato di prendere in considerazione l'uso di ovuli da donatrice per aumentare le probabilità di successo
  • stato dell'embrione. Il trasferimento di embrioni più sviluppati è associato a tassi di gravidanza più elevati rispetto agli embrioni meno sviluppati (2 o 3 giorni). Tuttavia, non tutti gli embrioni sopravvivono al processo di sviluppo
  • storia riproduttiva. Le donne che hanno precedentemente partorito hanno più probabilità di essere in grado di rimanere incinta utilizzando la fecondazione artificiale rispetto alle donne che non hanno mai partorito
  • causa dell’infertilità. Avere una normale offerta di ovuli aumenta le possibilità di essere in grado di rimanere incinta utilizzando la fecondazione assistita. Le donne che hanno una grave endometriosi hanno meno probabilità di essere in grado di rimanere incinta utilizzando la fecondazione rispetto alle donne che hanno una sterilità inspiegabile
  • fattori di stile di vita. Le donne che fumano in genere hanno meno ovuli recuperabili durante la fecondazione e possono abortire più facilmente. Il fumo può abbassare la probabilità di successo del 50%. L'obesità può diminuire le probabilità di rimanere incinta e di avere un bambino. L'uso di alcool, droghe, eccessiva caffeina e alcuni farmaci possono anche essere nocivi.

Argomenti: gravidanza sterilità infertilità Fecondazione artificiale
Rosolia | Pazienti.it
Rosolia

La rosolia è una malattia esantematica causata da un virus, noto come Rubivirus, appartenente alla famiglia dei Togaviridae. La rosolia si contrae per via aerea o tramite contatto diretto con...

Sindrome_delle_gambe_senza_riposo | Pazienti.it
Sindrome delle gambe senza riposo

La sindrome delle gambe senza riposo è una condizione in cui le gambe provocano disagio, di solito la sera, mentre si sta seduti o sdraiati. Il paziente affetto percepisce il...

Missing | Pazienti.it
Sindrome fetale alcolica

La sindrome alcolica fetale è una malattia che colpisce il feto ed è in grado di causare difetti alla nascita, danni cerebrali, una crescita ridotta e anomalie della testa e...

Sintomi_e_cure_della_sciatalgia | Pazienti.it
Sintomi e cure della sciatalgia

La sciatalgia si manifesta con un intenso dolore che parte dal basso della schiena e raggiunge la gamba in alcuni casi fino al piede. I sintomi dolorosi della sciatalgia sono...

Stitichezza | Pazienti.it
Stitichezza

La stitichezza è una condizione molto comune che colpisce le persone di ogni età. Può causare difficoltà nell’espellere le feci, eccessivo sforzo o l’impossibilità di svuotare completamente l'intestino. La stitichezza...

Ovaia | Pazienti.it
Ovaie

Le ovaie sono le gonadi femminili, cioè il luogo dove vengono prodotti e si accrescono gli ovociti. Hanno una forma ovale e sono situate lungo la parete laterale del bacino...

Parto | Pazienti.it
Parto

Il parto è considerato il fine naturale della gravidanza, con espulsione o estrazione del feto e degli annessi fetali ( placenta e membrane amniotiche) oltre la 22esima settimana di...

Nausea | Pazienti.it
Nausea

La nausea è la sensazione di vomito e può essere acuta, di breve durata o prolungata. La nausea può avere cause fisiche o psicologiche.

Vasi_previi | Pazienti.it
Vasi previi

Una delle complicazioni meno comuni in gravidanza è rappresentata dai vasi previi, che si presentano quando uno o più vasi sanguigni placentari o del cordone del bambino attraversano il canale...

Acido_folico | Pazienti.it
Acido folico

L'acido folico, detto anche vitamina B9 o folato, è una vitamina idrosolubile che svolge un ruolo fondamentale nella scomposizione e nell'utilizzo delle proteine, coadiuvato dalla vitamina B12. Inoltre, questa vitamina...