Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Anatomia
  4. Alveolo Dentale

Alveolo dentale

Alveolo dentale
Curatore scientifico
Dr. Davide Andrea Macario
Specialità del contenuto
Odontoiatria e stomatologia

Cos’è l’alveolo dentale?

L’alveolo dentale è una cavità ossea in cui le radici dei denti sono ancorate.

Sono costituiti da tessuto osseo. Questa parte del parodonto non è di solito visibile.

Il legamento è costituito da tessuto connettivo e contiene fibre di collagene. Queste fibre sono particolarmente forti in modo che i denti possano sopportare la grande pressione posta su di loro mentre si mastica. I denti possono anche spostarsi leggermente all’interno del legamento per compensare la pressione esercitata dalla masticazione.

Gli alveoli dentali sono delle piccole cavità ossee presenti sul margine inferiore del mascellare superiore e su quello superiore della mandibola, destinate ad accogliere ognuna un dente.

Ogni alveolo ha una forma diversa in rapporto alla forma del dente che è destinato ad accogliere: così gli alveoli sono semplici sul davanti, mentre presentano in corrispondenza dei grossi molari 3 o 4 fossette secondarie, in rapporto alla suddivisione delle radici di tali molari.

Tra loro, gli alveoli sono separati da setti interdentali; inoltre, ogni alveolo semplice, ogni fossetta di alveolo multiplo, è dotato al suo apice di un forellino in cui penetrano i filuzzi vascolari e nervosi destinati alle radici dei denti. Alcuni alveoli superiori laterali possono essere in comunicazione col sovrastante seno mascellare; in ogni caso, vasi e nervi dei denti contraggono rapporti con la mucosa che tappezza le cavità, o seni, paranasali. Alcuni alveoli dell’arcata dentale inferiore possono essere in contatto, anche solo di contiguità, con il canale mandibolare, in cui decorre il nervo alveolare inferiore.

L’alveolo è ricoperto in tutta la sua estensione dalla fibromucosa dentale, che costituisce l’articolazione del dente.

Come funziona il parodonto?

È il complesso dei tessuti che concorrono alla funzione meccanica di sostegno del dente, sul quale si estrinsecano le forze della masticazione.

Il parodonto mantiene inalterati i denti. È composto da 4 parti:

  • Gengiva
  • Osso alveolare
  • Legamento alveolo-dentale o periodonto
  • Cemento che avvolge la radice del dente
Gli impianti dentali sono saldamente attaccati all'osso della mascella e non sono in grado di muoversi. Oltre ai tessuti connettivi e alle fibre di collagene, il legamento contiene vasi sanguigni e nervi: i vasi sanguigni forniscono il legamento di sostanze nutritive, mentre i nervi sono responsabili del controllo della quantità di forza utilizzata durante la masticazione.

Il dente ha uno strato esterno di cemento attorno alla sua radice, costituito principalmente da minerali, ma contiene anche fibre di collagene. È strettamente legato al legamento, collegando la radice del dente al resto del parodonto. Lo strato esterno del dente cambia gradualmente dal cemento allo smalto dentale vicino al collo del dente.

Le gengive coprono e proteggono il legamento e il collo del dente, sono solitamente l'unica parte visibile del parodonto. Si adattano strettamente ai denti come un collare. Girano leggermente verso l'interno dove incontrano i denti, formando una scanalatura stretta.

Il tessuto gengivale può facilmente infiammarsi, causando un leggero distacco dal collo del dente. La scanalatura tra il dente e la gengiva può poi diventare più profonda per formare ciò che viene definita “tasca”. I batteri si accumulano rapidamente al loro interno. L'infiammazione delle gengive (gengivite) può essere visibile con la presenza di sangue, ma spesso non provoca sintomi. Talvolta, la gengivite può portare ad una parodontite, un'infiammazione del periodonto che attacca le gengive così come l'osso della mascella. La parodontite avanzata può causare il distacco dei denti e la caduta o la necessità di rimuoverli anche in caso di necrosi o piorrea.

Quali sono i sintomi dell’alveolite post estrattiva?

L’alveolite è un processo di osteite, ovvero un’infiammazione dell’osso, a carico delle pareti ossee dell’alveolo dentario. Può essere provocata per diffusione da contiguo processo infiammatorio infettivo a carico della gengiva, causata anche da retrazione gengivale.

La ragione principale dell’alveolite è la rimozione del dente. Il dolore grave dopo l'estrazione dei denti dovrebbe diminuire di giorno in giorno, ma se nel sito dell'estrazione del dente non si è formato un coagulo di sangue, si può sviluppare l'alveolite.

Spesso, accade che l'infezione della ferita sia dovuta ai denti adiacenti per impropria igiene orale.

I sintomi dell’alveolite sono diversi:

Il trattamento dell'alveolite si basa sull'eliminazione dell'infezione. Può essere abbastanza rapida attraverso l’assunzione di terapia antibiotica e farmaci anti-infiammatori. Tuttavia, è importante individuare la ragione del verificarsi dell’alveolite e risolverla perché ha un’elevata probabilità di recidiva.

Oltre ad eliminare la fonte di infezione, il medico può effettuare la pulizia meccanica attraverso un curettage gengivale rimuovendo il pus e lavando la ferita. La fase successiva del trattamento è quella di eliminare il dolore usando analgesici. Dopo di che, la lozione anestetica raccomandata deve essere utilizzata più volte al giorno finché la guarigione della ferita è completa.

Quali sono i postumi di un’estrazione del dente del giudizio?

Il distacco del dente dal suo alveolo si compie in seguito a movimenti di lussazione per trazione e rotazione oppure per combinazione dei due movimenti precedenti. Ogni dente o gruppo di denti necessita per l’avulsione di una pinza particolare.

L’alveolite potrebbe presentarsi dopo l’estrazione del dente del giudizio, che si trova in una posizione piuttosto difficile da mantenere pulita. Anche in questo caso, utile una terapia antibiotica se si dovesse aggravare la situazione.

Esiste una cura?

La raccomandazione principale è quella di adottare misure preventive per evitare l'alveolite. Di regola, in questa malattia tutte le misure preventive sono rivolte al processo di estrazione.

Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Denti decidui
I denti decidui sono spesso conosciuti come denti da latte e sono i denti provvisori che nascono durante l’infanzia e per poi essere sost...
Dente del giudizio
I denti del giudizio sono quattro e rappresentano l'ultimo set di molari che cresce nella bocca umana. Spesso i denti del giudizio creano...
Radice dentale
La radice dentale è quella parte del dente che affonda nelle gengive e arriva fino all'osso. Le radici dentali possono essere singole o m...