Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Malattie
  4. Sindrome Di Wolff Parkinson White

Sindrome di Wolff-Parkinson-White

Curatore scientifico
Dr. Rosario Ortuso
Specialità del contenuto
Cardiologia

Quali sono i sintomi?

I sintomi della sindrome di Wolff-Parkinson-White sono il risultato di una frequenza cardiaca veloce. Essi più spesso appaiono per la prima volta intorno ai 20 anni. I sintomi più comuni della sindrome includono:

  • Sensazione di rapidi, svolazzanti o martellanti battiti cardiaci (palpitazioni);
  • Vertigini;
  • Svenimenti;
  • Stancarsi facilmente durante l'esercizio fisico;
  • Ansia.

Un episodio di un battito cardiaco molto veloce può iniziare improvvisamente e dura pochi secondi o diverse ore. Alcuni episodi spesso accadono durante l'esercizio. La caffeina o altri stimolanti e alcol possono essere un innesco per alcune persone. Nel corso del tempo, i sintomi di WPW possono scomparire in ben il 25% delle persone che li sperimentano.

I sintomi nei casi più gravi

Circa il 10-30% per cento delle persone con sindrome di Wolff-Parkinson-White occasionalmente sperimentano un tipo di battito cardiaco irregolare conosciuto come fibrillazione atriale. In queste persone i sintomi possono includere:

  • Dolore al petto;
  • Oppressione toracica;
  • difficoltà di respirazione;
  • Raramente, morte improvvisa.

I sintomi nei neonati

I sintomi nei bambini con sindrome di Wolff-Parkinson-White possono includere:

  • Mancanza di respiro;
  • La mancanza di attenzione o attività;
  • Mangiare poco;
  • Battito cardiaco veloce e visibile sul petto.

Quando vedere un medico?

Un certo numero di condizioni può causare il battito cardiaco irregolare (aritmia). Ѐ importante una diagnosi accurata e cure adeguate. Consultate il medico se si verifica uno dei seguenti sintomi per più di pochi minuti:

  • Battito cardiaco rapido o irregolare
  • difficoltà di respirazione
  • Dolore al petto

Quali sono le cause?

Un gene anomalo (mutazione genica) è la causa di una piccola percentuale di persone con la sindrome. Essa è anche associata ad alcune forme di cardiopatia congenita, come l'anomalia di Ebstein. In caso contrario, si sa poco sul perché si sviluppa questa anomalia elettrica.

Come si cura?

Il trattamento dipende da diversi fattori, tra cui la gravità e la frequenza dei sintomi.

Se avete la sindrome di Wolff-Parkinson-White, ma non accusate alcun sintomo, probabilmente non avrete bisogno di trattamento. Se il trattamento è necessario, l'obiettivo è quello di rallentare una frequenza cardiaca veloce quando si verifica e prevenire futuri episodi. Le opzioni includono:

  • Manovra vagale. Questi semplici movimenti fisici colpiscono un nervo che aiuta a regolare il battito cardiaco (nervo vago). Il medico può raccomandare di eseguire manovre vagali per contribuire a rallentare un rapido battito cardiaco quando si verifica.
  • Farmaci. Se le manovre vagali non fermano il battito cardiaco veloce, potrebbe essere necessaria una iniezione di un farmaco antiaritmico. Il medico può anche raccomandare un farmaco che può rallentare la frequenza cardiaca.
  • Cardioversione. Il medico può scioccare elettricamente il cuore e contribuire a ripristinare un ritmo normale. La cardioversione è in genere utilizzata quando le manovre e i farmaci non sono efficaci.
  • Ablazione transcatetere con radiofrequenza. Tubi flessibili sottili (cateteri) sono filettati attraverso i vasi sanguigni al vostro cuore. Gli elettrodi alle estremità del catetere sono riscaldate per distruggere (ablazione) il percorso elettrico supplementare. 
Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Cuore polmonare
Il cuore polmonare è un disturbo cardiaco molto grave, che si manifesta con ipertrofia del miocardio ed è causato da una disfunzione a ca...
Arteriopatia periferica
L’arteriopatia periferica è una malattia dell'apparato circolatorio caratterizzata dal progressivo restringimento delle arterie, con cons...
Bradicardia
La bradicardia è un sintomo caratterizzato da una frequenza cardiaca che rimane al di sotto del range di normalità.