Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Prestazioni
  4. Visita Allergologica Per Allergie Ai Farmaci

Visita allergologica per allergie ai farmaci

Visita allergologica per allergie ai farmaci
Curatore scientifico
Dr. Giuseppe Pingitore
Specialità del contenuto
Allergologia Anatomia ed istologia patologica

Come si svolge la visita per verificare allergie ai farmaci?

La visita allergologica effettuata per una sospetta reazione allergica a farmaci è il primo passo necessario per giungere ad una diagnosi corretta.

Nel corso della visita, infatti, lo specialista allergologo procede ad una dettagliata raccolta di informazioni sull'episodio allergico. Le domande da porre al paziente sono tante e spesso si adoperano delle schede ad hoc.

Informazioni precise sul principio attivo, nome commerciale, formulazione, via di somministrazione, tempo trascorso tra assunzione e reazione avversa, tipologia dei sintomi e apparati interessati, durata e gravità dei sintomi, coesistenza di altri fattori (es. altri farmaci o patologie), episodi precedenti eccetera, sono fondamentali per confermare il sospetto e avviare le indagini allergologiche più idonee.

In molti casi la prima visita allergologica è sufficiente ad escludere il sospetto e chiudere il caso, risparmiando al paziente inutili e costosi accertamenti.

Quali test vengono effettuati durante una visita allergologica di questo tipo?

L’indagine allergologica si avvale di test in vivo e in vitro. I primi comprendono cutireazioni (prick test e intradermoreazioni), epicutireazioni (patch test) e test di esposizione al farmaco (test di tolleranza); in questo modo vengono studiate le reazioni ad antibiotici e, in particolare, a betalattamici (penicilline e cefalosporine), farmaci antiinfiammatori non steroidei (FANS), mezzi di contrasto usati in radiologia, anestetici generali (miorilassanti), anticoagulanti (eparine), farmaci biologici, anestetici locali ecc.

I test in vitro consistono nel dosaggio delle IgE specifiche sieriche (ImmunoCAP) – in caso di reazioni a penicillina G, penicillina V, ampicillina, amoxicillina, cefaclor, miorilassanti, insulina – e nel test di attivazione dei basofili (Basophil Activation Test - BAT) in citometria a flusso.

Tali test sono utili nella diagnostica delle reazioni immediate a farmaci, quelle che si verificano, cioè, a distanza di meno di un’ora dall’assunzione del medicinale e possono essere particolarmente pericolose.

Esse includono varie manifestazioni cliniche – come shock anafilattico, orticaria, angioedema, rinite e broncospasmo – e sono causate principalmente da antibiotici betalattamici, miorilassanti e mezzi di contrasto.

Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Dietetic test
Il dietetic test in allergologia è un esame della medicina alternativa e non convenzionale atto a valutare un numero notevole di sostanze...
Trattamento di allergie ed intolleranze alimentari 
Dopo aver riscontrato la presenza di allergie nel paziente, lo specialista studia una dieta ad hoc per evitare l'insorgere di reazioni al...
Test allergometrici
I test allergometrici vengono eseguiti per valutare lo stato allergico dell’organismo nei confronti di specifici allergeni. Esistono var...