Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Sintomi
  4. Intorpidimento

Intorpidimento

Intorpidimento
Curatore scientifico
Lorenzo Bichi
Specialità del contenuto
Neurologia

Che cos'è l'intorpidimento?

L'intorpidimento è una sensazione di formicolio che può verificarsi in qualsiasi parte del corpo, generalmente alle mani, ai piedi, alle braccia o alle gambe.

Nella zona colpita il soggetto avverte una sensazione simile a piccole punture di spillo. Solitamente è una condizione che si risolve in pochi minuti e spesso sovviene durante la notte o in condizione di riposo.

Quali sono le cause dell'intorpidimento?

L'intorpidimento generalmente viene generato da un arresto temporaneo del flusso di sangue che alimenta i nervi, in una determinata area del corpo.

Le cause più comuni sono:

  • Particolari posizioni assunte, ad esempio stare seduti a gambe incrociate è una condizione tipica che può provocare intorpidimento dei piedi o addormentarsi sul braccio, tipico caso di intorpidimento delle dita o delle mani.
  • Utilizzo di scarpe strette o tacchi alti.
  • Puntura di insetto o morso di animali.
  • Malessere fisico, ad esempio mal di testa o mal di schiena.
  • Radioterapia.
  • Utilizzo di dispositivi con vibrazione.
  • Condizioni climatiche.
  • Stato di ansia.
  • Gravidanza.

Le cause meno comuni sono:

Come evitare di sentire intorpidite mani, piedi e dita?

Limitare il verificarsi di condizioni di formicolio a carico degli arti è possibile, adottando delle piccole accortezze, ad esempio:

  • Evitare di assumere per molto tempo la stessa posizione, muovere le dita, alzarsi per sgranchire le gambe, fare un po’ di stretching.
  • Non praticare esercizi fisici non consoni al proprio fisico.
  • Effettuare delle pause durante l’utilizzo di dispositivi elettronici, ad esempio tablet, smartphone o pc.
  • Controllare i propri livelli di vitamina B12, potassio, calcio e sodio ed eventualmente seguire una dieta per garantirne il giusto apporto.
  • Sottoporsi a visita neurologica in caso di emicranie per individuare la terapia ad hoc.

Quando consultare il medico?

​​Qualora il formicolio è frequente ed accompagnato da sensazione di vertigini, spasmi muscolari, disturbi visivi, stato di debolezza, disturbi all'udito ed eventuali eruzioni cutanee​​​ è bene consultare il medico.

Il medico provvederà innanzitutto ad effettuare un esame storico del paziente e successivamente a sottoporlo a test più specifici, ovvero:

  • Esame del sangue
  • Monitoraggio dei livelli pressori
  • Esame cardiaco
  • Esame tossicologico
  • Risonanza magnetica del cranio e della colonna vertebrale

 Una volta definita la causa verrà definita la diagnosi ad hoc.

Nella peggiore delle ipotesi il formicolio potrebbe essere il presagio di un ictus, qualora si avverte un’immobilità di uno dei lati del corpo è bene contattare un’ambulanza.

Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Incubi
Gli incubi sono manifestazioni notturne, rappresentate da sogni infelici o spaventosi, che possono anche svegliare chi li sta facendo. Gl...
Crisi epilettiche (attacchi epilettici)
Si stima che in Italia circa il 5% della popolazione abbia avuto o avrà almeno una volta nella vita una crisi epilettica, ovvero una scar...
Dolore neuropatico
Il dolore neuropatico si manifesta come diretta conseguenza di un danno o di una malattia che colpisce il sistema nervoso.