Colestasi gravidica

Contenuto di:

È una patologia che si crea quando si ha un ostacolo al flusso della bile dal fegato, che genera un intenso prurito, di norma su mani e piedi, ma spesso anche in altre parti del corpo. Se non è dannoso per la madre, lo è per il bambino, infatti i medici consigliano un’induzione al parto appena possibile.

Cos’è la colestasi gravidica?

Colestasi_gravidica | Pazienti.it

La colestasi gravidica avviene in gravidanza e provoca un prurito intenso, di solito sulle mani e sui piedi, ma spesso in molte altre parti del corpo.

Non costituisce un rischio a lungo termine per una madre in attesa. Per un bambino in via di sviluppo, tuttavia, la colestasi gravidica può essere pericolosa. I medici di solito consigliano il parto anticipato.

Il termine "colestasi" si riferisce a qualsiasi condizione che altera il flusso della bile, un liquido digestivo, dal fegato. La gravidanza è una delle molte possibili cause della colestasi. Altri nomi per la colestasi gravidica includono la colestasi ostetrica e la colestasi intraepatica gravidica.

Quali sono i sintomi della colestasi gravidica?

Il prurito intenso è il principale sintomo. Molte donne affette da questa patologia sentono una sensazione di prurito sul palmo delle mani o sulla pianta dei piedi, ma anche in altre parti del corpo. Questo fastidio tende a peggiorare di notte non permettendo di riposare. Più diffusa nel terzo trimestre di gestazione, può però comparire anche prima. Altri sintomi meno diffusi sono:

Consultare il medico se il prurito si fa insopportabile.

Quali sono le cause della colestasi gravidica?

Che cosa provochi la colestasi gravidica non è chiaro. Ci può essere una componente genetica, in quanto la condizione a volte avviene in famiglie e alcune varianti genetiche sono state associate ad essa.

Anche gli ormoni della gravidanza possono svolgere un ruolo. La bile è un liquido digestivo prodotto nel fegato che aiuta il sistema digestivo a rompere i grassi. È possibile che l'aumento degli ormoni della gravidanza, come avviene nel terzo trimestre, possa rallentare il flusso normale della bile dal fegato. Alla fine, l'accumulo di bile nel fegato consente agli acidi biliari di entrare nel flusso sanguigno. Gli acidi grassi depositati nei tessuti della madre possono provocare prurito.

Esistono fattori di rischio?

I principali fattori di rischio sono:

  • una storia personale o familiare di colestasi in gravidanza
  • una malattia epatica
  • una gravidanza gemellare

Alcuni di questi fattori possono avere a che fare con l'ereditarietà e tutti probabilmente hanno a che fare con un aumento dei livelli degli ormoni della gravidanza. Dopo aver avuto una volta la condizione, il rischio di svilupparlo durante una gravidanza successiva è elevato.

Quali sono le principali complicazioni che può dare?

Nelle madri, la colestasi gravidica può influenzare temporaneamente il modo in cui il corpo assorbe le vitamine liposolubili, ma questo raramente influisce sull'alimentazione generale. Il prurito si risolve solitamente entro pochi giorni dal parto ed i successivi problemi epatici sono rari, anche se la colestasi è probabile che si ripresenterà con altre gravidanze.

Nei bambini, le complicanze della colestasi gravidica possono essere più severe. Per motivi non ben compresi, la colestasi gravidica aumenta il rischio di far nascere il bambino troppo presto (nascita pretermine). Inoltre, aumenta il rischio che il meconio, la sostanza che si accumula nell'intestino del bambino, entri nel liquido amniotico che circonda il bambino. Se un bambino inala il meconio durante il parto, può avere difficoltà a respirare. C'è anche un rischio di morte fetale fino alla fine della gravidanza. A causa delle complicanze potenzialmente severe, il medico può considerare l’induzione al parto alla 37a settimana di gravidanza.

Come si diagnostica la colestasi gravidica e che esami fare?

Per diagnosticare la colestasi gravidica, il ginecologo può:

  • porre domande sui sintomi e la storia medica
  • eseguire un esame fisico
  • inviare campioni di sangue per test di laboratorio e valutare il funzionamento del fegato 

Come si cura la colestasi gravidica?

Il trattamento per la colestasi gravidica mira ad alleviare il prurito e prevenire le complicazioni.

Per lenire il prurito intenso, il ginecologo può raccomandare:

  • Assunzione di un medicinale che aiuta a ridurre il livello della bile nel flusso sanguigno della madre, allevia il prurito e può ridurre le complicazioni per il bambino. Potrebbe venire la tentazione di assumere un antistaminico o utilizzare una crema anti-prurito (corticosteroide) per alleviare il prurito intenso associato a questa condizione. Gli antistaminici sono spesso inefficaci e possono rappresentare rischi per il bambino in via di sviluppo. Le creme e le lozioni di corticosteroidi non funzionano per alleviare il prurito della colestasi gravidica. Inoltre, l'uso di troppa crema corticosteroide può rappresentare un rischio per il bambino.
  • Poiché le complicazioni legate alla salute del bambino possono essere gravi, il medico può raccomandare un monitoraggio del bambino durante la gravidanza.

Altre misure che il ginecologo potrebbe assumere includono:

  • Test di non stress e risultati di profilo biofisico. Questi test aiutano a monitorare il benessere del bambino. Durante una prova di non stress, il medico verifica quanto spesso il bambino si muove in un certo periodo di tempo e quanto aumenta la sua frequenza cardiaca con il movimento. Il profilo biofisico fornisce informazioni riguardanti il volume del liquido amniotico, nonché il tono muscolare fetale e l'attività.
  • Induzione al parto. Anche se i test prenatali sembrano normali, il ginecologo può suggerire di indurre il parto, a circa 37 settimane o giù di lì. Poiché è difficile prevedere quando la morte fetale potrebbe verificarsi, il parto anticipato è a volte il modo migliore e unico per prevenire le complicazioni.

La medicina alternativa può essere di aiuto?

I medici non raccomandano terapie alternative, poiché non ce ne sono di valide da proporre. Ci sono però alcuni trattamenti in fase di sperimentazione. Tra questi, è in fase di studio una terapia a base di S-adenosil-L-metionina (SAMe), una sostanza naturale. Viene assunta per via endovenosa od intramuscolare, ma non ne è ancora stata valutata la pericolosità, quindi non viene consigliata in ambito medico.

Altre cure alternative usano, la gomma di guar, il carbone attivo, il cardo mariano e la radice di tassaraco.

Argomenti: gravidanza Colestasi gravidica
Rosolia | Pazienti.it
Rosolia

La rosolia è una malattia esantematica causata da un virus, noto come Rubivirus, appartenente alla famiglia dei Togaviridae. La rosolia si contrae per via aerea o tramite contatto diretto con...

Sindrome_delle_gambe_senza_riposo | Pazienti.it
Sindrome delle gambe senza riposo

La sindrome delle gambe senza riposo è una condizione in cui le gambe provocano disagio, di solito la sera, mentre si sta seduti o sdraiati. Il paziente affetto percepisce il...

Missing | Pazienti.it
Sindrome fetale alcolica

La sindrome alcolica fetale è una malattia che colpisce il feto ed è in grado di causare difetti alla nascita, danni cerebrali, una crescita ridotta e anomalie della testa e...

Sintomi_e_cure_della_sciatalgia | Pazienti.it
Sintomi e cure della sciatalgia

La sciatalgia si manifesta con un intenso dolore che parte dal basso della schiena e raggiunge la gamba in alcuni casi fino al piede. I sintomi dolorosi della sciatalgia sono...

Stitichezza | Pazienti.it
Stitichezza

La stitichezza è una condizione molto comune che colpisce le persone di ogni età. Può causare difficoltà nell’espellere le feci, eccessivo sforzo o l’impossibilità di svuotare completamente l'intestino. La stitichezza...

Ovaia | Pazienti.it
Ovaie

Le ovaie sono le gonadi femminili, cioè il luogo dove vengono prodotti e si accrescono gli ovociti. Hanno una forma ovale e sono situate lungo la parete laterale del bacino...

Parto | Pazienti.it
Parto

Il parto è considerato il fine naturale della gravidanza, con espulsione o estrazione del feto e degli annessi fetali ( placenta e membrane amniotiche) oltre la 22esima settimana di...

Nausea | Pazienti.it
Nausea

La nausea è la sensazione di vomito e può essere acuta, di breve durata o prolungata. La nausea può avere cause fisiche o psicologiche.

Vasi_previi | Pazienti.it
Vasi previi

Una delle complicazioni meno comuni in gravidanza è rappresentata dai vasi previi, che si presentano quando uno o più vasi sanguigni placentari o del cordone del bambino attraversano il canale...

Acido_folico | Pazienti.it
Acido folico

L'acido folico, detto anche vitamina B9 o folato, è una vitamina idrosolubile che svolge un ruolo fondamentale nella scomposizione e nell'utilizzo delle proteine, coadiuvato dalla vitamina B12. Inoltre, questa vitamina...