Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Risposte
  3. Come Si Cura La Nevralgia Del Trigemino

Come si cura la nevralgia del trigemino?

Sento spesso parlare di nevralgia del trigemino e vorrei capirne di più e soprattutto, come si cura questa patologia?

Non molto tempo fa, la nevralgia del trigemino è stata denominata la malattia del suicida. Un numero considerevole di persone metteva fine alla propria vita perché era difficilissimo controllare il dolore sia con i farmaci sia procedure chirurgiche. Il V nervo cranico è un nervo misto, ovvero sensitivo e motorio.

Trasmette informazioni sensoriali che si originano dalla faccia sopra la linea mandibolare:
  • tattili (tatto)
  • termiche (temperatura: caldo e freddo)
  • dolorifiche (funzione nocicettiva: dolore)  
È responsabile della funzione motoria dei muscoli masticatori (muscoli massetere, temporale e pterigoidei) coinvolti nella masticazione, ma non nell'espressione facciale propriamente detta.

La nevralgia del trigemino è un dolore caratteristico localizzato lungo uno o più rami del V nervo cranico. La diagnosi viene posta a partire dalla sola anamnesi sulla base delle caratteristiche del dolore che insorge in crisi parossistiche della durata di pochi secondi a qualche minuto.

La frequenza delle crisi è molto variabile, da centinaia di attacchi in un solo giorno a lunghi periodi di remissione che possono durare anche anni. Chi è affetto da nevralgia del trigemino descrive il dolore grave intenso, acuto, superficiale, trafittivo, urente o simile ad una scossa elettrica.

Queste caratteristiche permangono nei diversi attacchi. È scatenato dal tocco in un’area specifica o da attività quali mangiare, parlare, lavare il viso o i denti. Negli intervalli tra le crisi parossistiche, il soggetto è asintomatico. Nella nevralgia trigeminale, l’esame neurologico è quasi sempre normale.

Essa può essere essenziale o secondaria a processi espansivi (tumori benigni o maligni, aneurismi) od infiammatori (herpes, fuoco di Sant’ Antonio). Perciò, è necessario escludere le cause secondarie di dolore facciale. Più frequente in soggetti affetti da sclerosi multipla ed ipertensione.

La nevralgia del trigemino, fatto stranissimo, è più frequente nei soggetti che fumano meno, consumano meno alcol e sono stati sottoposti ad un minor numero di tonsillectomie. Ne soffre una persona ogni 10.000 in età > di 40 anni.

L’incidenza annuale è 5,9/100.000 per le donne e 3,4/100.000 per gli uomini. L’incidenza, lievemente superiore nelle donne, cresce con l'avanzare dell'età, tanto che negli uomini d’età superiore agli 80 anni il valore è 45,2/100.000. Il trattamento della nevralgia trigeminale può essere farmacologico o chirurgico.

Per la terapia farmacologica, sono disponibili diverse molecole quali: Carbamazepina (molecola elettiva e di prima scelta), Clonazepam (nel post herpes), Fenitoina, Lamotrigina, Ossicodone, Gabapentin, Pregabalin, Morfina, Codeina, Fentanil.

Anche l'anestesia locale con Ropivacaina è una pratica utilizzata in associazione alla terapia farmacologica. Nella metà dei casi, i farmaci non sono tollerati o non sono efficaci.

Si deve ricorrere al trattamento chirurgico, come per esempio la termorizotomia trigeminale a radiofrequenza oppure la decompressione microvascolare a cielo aperto. La terapia deve essere fatta con disciplina, rispettando dosi ed orari.

La Carbamazepina è il farmaco elettivo. Infatti, una revisione sistematica di 3 studi randomizzati con disegno crossover ha rilevato che, rispetto al placebo, aumenta il numero di soggetti che hanno un miglioramento della sintomatologia dolorosa a breve termine. Risponde un soggetto su 3. Mentre un soggetto su 3 ha effetti avversi.

Una seconda revisione sistematica è giunta a risultati analoghi. Inoltre, uno studio randomizzato ha rilevato che la Pimozide era più efficace della Carbamazepina, ma causava effetti avversi nella maggior parte dei soggetti. L'impiego della Pimozide è limitato da importanti effetti avversi.

Non abbiamo trovato prove sull’uso di altri farmaci antiepilettici per la nevralgia del trigemino. Vi sono prove insufficienti sugli effetti della crioterapia, dell'iniezione di alcol o fenolo, della neurectomia periferica, della termocoagulazione a radiofrequenza, del trattamento laser o dell'agopuntura per la nevralgia del trigemino. Idem sugli effetti del blocco dei nervi con Lidocaina e Streptomicina combinate rispetto a Lidocaina da sola.
Hai trovato questa risposta utile?
Risposta a cura di:
Dr.ssa Assunta Gennarelli
Dr.ssa Assunta Gennarelli
Milano - Via De Amicis, 30
Risposte simili
Sclerosi multipla: cos'è la CCSVI?
La CCSVI di cui mi parli è l’acronimo di Insufficienza Venosa Cronica Cerebro-Spinale.La CCSVI è una patologia vascolare caratterizzata da stenosi venose di varia...
Diagnosi di sclerosi multipla: come si esegue?
In genere, se i disturbi neurologici sono di una certa importanza, si va dal medico curante o in alcuni casi, se l’esordio è stato acuto,...
Epilessia: quali farmaci prendere?
Il termine 'crisi epilettica' di cui mi parli descrive una varietà di sintomi neurologici dovuti a una scarica elettrica anomala, sincronizzata e prolungata di cellule...
Altre risposte di questo specialista
Alterazioni artrosiche a livello della sinfisi pubica: cosa vuol dire?
Posso dirti che con alterazioni artrosiche si intendono gli iniziali segni di usura di un osso. La sinfisi pubica è...
Morfina per dolori cervicali e lombosacrali: è corretto?
La morfina è un farmaco oppioide esogeno di estrazione vegetale, ricavato dal Papaver somniferum. Viene somministrata per trattare il dolore cronico-oncologico, post operatorio e...
Rottura dei tendini della caviglia: è possibile una ripresa completa?
Le lesioni di III grado, ovvero la rottura completa del legamento, prevedono la terapia chirurgica seguita da periodo di immobilizzazione. Tanto l'entità...
Iperidrosi: che cos'è e come si può curare?
La secrezione del sudore è regolata da stimoli nervosi provenienti da una parte del sistema nervoso vegetativo (sistema nervoso simpatico). Nei casi in cui si...
Fibroscopia laringea: di che cosa si tratta?
Posso dirti che si tratta di una procedura indolore che permette al medico di ispezionare la laringe e le corde vocali. Per...
Vedi tutte
Altre risposte di questo specialista
Alterazioni artrosiche a livello della sinfisi pubica: cosa vuol dire?
Posso dirti che con alterazioni artrosiche si intendono gli iniziali segni di usura di un osso. La sinfisi pubica è...
Morfina per dolori cervicali e lombosacrali: è corretto?
La morfina è un farmaco oppioide esogeno di estrazione vegetale, ricavato dal Papaver somniferum. Viene somministrata per trattare il dolore cronico-oncologico, post operatorio e...
Rottura dei tendini della caviglia: è possibile una ripresa completa?
Le lesioni di III grado, ovvero la rottura completa del legamento, prevedono la terapia chirurgica seguita da periodo di immobilizzazione. Tanto l'entità...
Iperidrosi: che cos'è e come si può curare?
La secrezione del sudore è regolata da stimoli nervosi provenienti da una parte del sistema nervoso vegetativo (sistema nervoso simpatico). Nei casi in cui si...
Fibroscopia laringea: di che cosa si tratta?
Posso dirti che si tratta di una procedura indolore che permette al medico di ispezionare la laringe e le corde vocali. Per...
Vedi tutte