Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Risposte
  3. Cos E L Echinacea

Che cos'è e come viene utilizzata l'echinacea?

Che cos'è e come viene utilizzata l'echinacea?

Con Echinacea, si intende una serie di piante della famiglia delle Asteraceae, comprendente 9 specie con utilizzo terapeutico.

I Nativi Americani (i Pellerossa) usavano il suo rizoma della pianta per curare piaghe e affezioni della pelle, ferite da traumi e morsi dei serpenti.

La Farmacopea Ufficiale (che non è l'Agenzia del Farmaco, ma la somma delle conoscenze sviluppate nei secoli) attribuisce alle Echinacee un'utilità nel rafforzamento delle difese immunitarie, nella cura del raffreddore e dell'influenza.

L'Agenzia europea per i medicinali (EMEA) ha approvato l'uso di estratto di fiori di Echinacea purpurea per la prevenzione e per il trattamento del raffreddore, mettendo nel contempo dei limiti alla sua assunzione per donne incinte e neonati. Questo significa che la stessa Scienza Medica Ufficiale classifica l'estratto di fiori come fa con un farmaco vero e proprio, con usi e controindicazioni.

Per uso esterno, il rizoma delle echinacee è cicatrizzante, antisettico, riepitelizzante. Il prodotto più famoso è quello in polvere (unito all'Arnica Montana), che fu lanciato da Rudolf Steiner nel 1921 come primo prodotto della Medicina Antroposofica, ottimo per far "cadere" in fretta e senza infezioni il cordone ombelicale dei neonati (evenienza tutt'altro che rara nei nostri ospedali).

Vale la pena ricordare che in Italia, a distanza di 90 anni, il suo uso nelle sale parto sia ancora rarissimo, quasi che fosse "politically incorrect" usare un prodotto "naturale" in ambiente ospedaliero.

In Omeopatia Classica, si usa Echinacea nella sua forma "angustifolia" come rimedio a diluizione relativamente bassa contro ascessi, infezioni e infiammazioni di vario genere.

Nella realtà quindi, è un rimedio che cura la stessa sintomatologia sia in dosi ponderali che diluito omeopaticamente. L'indicazione omeopatica riguarda soprattutto mancanza di energia vitale, facilità alle infezioni, anemia, stanchezza fisica e nervosa.

Hai trovato questa risposta utile?
Risposta a cura di:
Dr. Paolo Speciani
Dr. Paolo Speciani
Milano - via Legnano, 8
Risposte simili
Gocce omeopatiche per perdere peso: funzionano?
La perdita di peso non dipende dalle pillole, che sono solo un valido ausilio ad una dieta equilibrata. Rivolgiti ad uno specialista...
Insonnia: cosa fare?
Buonasera, la situazione che presenti rivela la presenza di una sintomatologia che pare ben strutturata (visti i 2 anni). Poichè riconosci un periodo abbastanza preciso...
Calcoli biliari: esiste una cura naturale?
Prova a prendere LYCOPLEXIL - 1 misurino sublinguale 2 volte al dì 30' prima dei pasti principali. Cordialità
Altre risposte di questo specialista
Non si tratta di "alcuni" medici, purtroppo. Si tratta della maggior parte di essi, e di "tutti o quasi" i medici e i tecnici...
Omeopatia: da quale età si può far ricorso per curare i bambini?
Un bambino può essere curato con l'omeopatia da quando vive di vita autonoma, ovvero dal primo secondo di vita. Poiché la...
Nux vomica: che cos'è e a che cosa serve?
Lo Strychnos nux-vomica o albero della stricnina è un grande albero della famiglia delle loganiacee originario dell'India e Sud-Est asiatico.Il frutto è una bacca arancione,...
Arnica: che cos'è e a che cosa può servire?
L'Arnica (Arnica montana) è un'erba medicinale della famiglia delle Asteraceae, quindi una cugina dell'Echinacea.Viene utilizzata sia in fitoterapia che in omeopatia per...
Vedi tutte