icon/back Indietro Esplora per argomento

Raffreddore

Medicina generale
Raffreddore

Cos'è il raffreddore

Il comune raffreddore è un'infezione virale delle vie respiratorie, solitamente innocua, che coinvolge il naso e la gola. I bambini di età inferiore ai 6 anni sono a maggior rischio di raffreddore, ma gli adulti sani possono anche aspettarsi di avere due o tre raffreddori ogni anno.

Sintomi del raffreddore

I sintomi di un raffreddore comune di solito appaiono uno o tre giorni dopo l'esposizione ad un virus che causa il raffreddore. Segni e sintomi, che possono variare da persona a persona, includono:
Anche il mal di gola è un sintomo comune sia nel raffreddore comune che nella faringite acuta (che potrebbe essere causata sia da un virus che da un batterio). 

Le secrezioni nasali possono diventare più dense e di colore giallo (muco giallo) o verde mentre il raffreddore fa il suo corso. 

I sintomi del raffreddore comune potrebbero durare maggiormente nei pazienti fumatori. Se i sintomi non migliorano, rivolgersi al medico.

Cause di raffreddore

Le cause del raffreddore comune dipendono dai virus stagionali.

Un virus che causa il raffreddore entra nel corpo attraverso bocca, occhi o il naso. Questo poi si diffonde nell'aria tramite attraverso le goccioline emesse dal paziente quando tossisce, starnutisce o parla.

Esso si diffonde anche per contatto manuale con qualcuno che ha il raffreddore o attraverso la condivisione di oggetti contaminati, come utensili, asciugamani, giocattoli o telefoni e device. Se ci si toccano gli occhi, il naso o la bocca dopo tale contatto o esposizione, si rischia di prendere un raffreddore.

Quando andare dal medico

Gli adulti con raffreddore devono rivolgersi al medico con:
  • febbre superiore a 38,5°C
  • febbre che dura 5 giorni o più o che ritorna dopo un periodo senza febbre
  • mancanza di respiro
  • sibilo
  • forte mal di gola, mal di testa o dolore sinusale.
In generale, i bambini non hanno bisogno di vedere il medico per un raffreddore comune, ma rivolgersi immediatamente ad un medico se il bambino ha uno dei seguenti segni:
  • febbre a 38°C nei neonati fino a 12 settimane
  • febbre in aumento o febbre che dura più di 2 giorni in un bambino di qualsiasi età
  • sintomi che peggiorano o non riescono a migliorare
  • sintomi gravi, come mal di testa o tosse
  • sibilo
  • dolore alle orecchie
  • insolita sonnolenza
  • mancanza di appetito (inappetenza).

Fattori di rischio del raffreddore

Ecco i fattori di rischio per il raffreddore:
  • età – i bambini di età inferiore ai 6 anni sono a maggior rischio di raffreddore
  • sistema immunitario indebolito – avere una malattia cronica o il sistema immunitario debole indebolito aumenta il rischio di raffreddore
  • tempo dell'anno – sia i bambini che gli adulti sono più suscettibili al raffreddore in autunno e in inverno, ma si può prendere un raffreddore in qualsiasi momento
  • fumare – è più probabile si possa prendere un raffreddore se si è esposti al fumo di sigaretta
  • esposizione – se si è intorno a molte persone, come ad esempio a scuola o su un aereo, si rischia di essere maggiormente esposti a virus che causano raffreddori.

Complicazioni del raffreddore

Le complicazioni dovute al raffreddore prevedono:
  • infezione acuta dell'orecchio –  un'otite media si verifica quando i batteri o virus entrano nello spazio dietro il timpano. Segni e sintomi tipici includono mal di orecchie e, in alcuni casi, secrezioni verde o gialle dal naso o il verificarsi di una febbre a seguito di un comune raffreddore
  • asma – un raffreddore può scatenare un attacco d'asma
  • sinusite acuta – negli adulti o nei bambini, un raffreddore comune che non si risolve può portare ad infiammazione e infezione dei seni (sinusite)
  • infezioni secondarie – queste infezioni includono faringite, polmonite e bronchiolite nei bambini. Queste infezioni devono essere trattate da un medico.

Prevenire il raffreddore

La vitamina C e lo zinco, se assunti regolarmente, possono, secondo alcuni studi, ridurre l’incidenza e prevenire il raffreddore. Nei casi di raffreddore allergico (allergia), è opportuno evitare di entrare in contatto con gli allergeni esterni, come i pollini.

Non esiste un vaccino per il raffreddore, ma si possono prendere alcune precauzioni di buon senso per rallentare la diffusione del virus che lo causa:
  • lavarsi le mani – pulirsi spesso le mani con acqua e sapone, insegnare ai bambini l'importanza del lavaggio delle mani. Se il sapone e l'acqua non sono disponibili, utilizzare un disinfettante a base di alcool
  • disinfettare la casa e gli oggetti – pulire la cucina e il bagno con disinfettante, soprattutto quando qualcuno nella famiglia ha un raffreddore. Lavare periodicamente i giocattoli dei bambini
  • utilizzare fazzoletti – starnutire e tossire nei fazzoletti. Scartare subito tessuti usati, poi lavare le mani con attenzione. Insegnare ai bambini a starnutire o tossire nella curva del gomito quando non hanno un tessuto. In questo modo si coprono la bocca senza usare le mani
  • non condividere oggetti e cibo – non condividere bicchieri o utensili con altri membri della famiglia. Usare il proprio bicchiere o tazze usa e getta quando qualcuno è malato. Etichettare la tazza o il bicchiere con il nome della persona con il raffreddore
  • evitare persone con il raffreddore – evitare il contatto con chiunque ha il raffreddore
  • occuparsi della propria salute – mangiare bene, fare sport, dormire abbastanza e gestire lo stress potrebbe aiutare a tenere i raffreddori a bada.

Raffreddore: cosa fare

Per la cura del raffreddore sono comunemente utilizzati i seguenti farmaci:
  • analgesici, principalmente per trattare il dolore
  • antipiretici, come la tachipirina e l'acetaminofene, per ridurre la febbre
  • farmaci antinfiammatori non steroidei (anche noti come FANS). 
Gli antibiotici non hanno alcun effetto sui virus del raffreddore, perché vengono infatti prescritti per contrastare malattie causata da batteri e non virus. Risulta preferibile assumere prodotti che contengono solo i farmaci necessari per alleviare i sintomi che sono presenti. Questo per evitare l’assunzione di farmaci inutili e ridurre le possibilità di effetti collaterali.

Gli antistaminici sono consigliati nei casi di raffreddore allergico. Per il temporaneo sollievo dei sintomi del raffreddore, molti liquidi per via orale come il brodo, zuppa di pollo e il tè con limone e miele sono rimedi sicuri per le persone di tutte le età. I sintomi del raffreddore di solito si risolvono in una o due settimane.
Condividi
Dr. Virgilio De Bono Medico Chirurgo
Dr. Virgilio De Bono
medico generale

Contenuti correlati

Flemmone
icon/card/medicina generale
Il flemmone: scopri qui che cos'è, quali sono i sintomi e le cause, dove può comparire e come poter intervenire con terapie farmacologich...
Cisti dermoide
icon/card/medicina generale
Scopri qui un focus sulla cisti dermoide: cos'è, quali sono i sintomi e le cause e quali trattamenti sono più indicati per rimuovere  que...
Febbre lassa
icon/card/medicina generale
Febbre di Lassa, cos'è e come si manifesta, quali sono i sintomi e le cure per alleviare gli effetti della malattia virale africana e com...
icon/chat