Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Malattie
  4. Ascesso Cerebrale

Ascesso cerebrale

Ascesso cerebrale
Curatore scientifico
Dr. Giovanni Mazzotta
Specialità del contenuto
Neurologia

Che cos’è un ascesso cerebrale?

Un ascesso nel cervello di una persona altrimenti sana è di solito causato da un’infezione batterica. Gli ascessi cerebrali fungini tendono a verificarsi in persone con sistemi immunitari indeboliti. L'infezione causa un gonfiore al cervello a causa della raccolta di pus e cellule morte.

Un ascesso cerebrale si forma quando i funghi, i virus o i batteri raggiungono il cervello attraverso una ferita nella testa o un'infezione da qualche altra parte nel corpo, le quali rappresentano tra il 20 e il 50% di tutti i casi di ascessi cerebrali. Le infezioni al cuore e al polmone sono tra le cause più comuni di ascessi cerebrali. Tuttavia, possono anche iniziare da un'infezione orale o sinusale o addirittura da un ascesso dentale.

Quali sono i fattori di rischio?

Tutti possono ammalarsi di ascesso al cervello, ma alcuni gruppi di persone hanno un rischio maggiore di altri. Alcune malattie, disturbi e condizioni che aumentano il rischio includono:

  • un sistema immunitario compromesso a causa dell'HIV o dell'AIDS
  • cancro e altre malattie croniche
  • cardiopatia congenita
  • grave lesione alla testa o frattura del cranio
  • meningite
  • farmaci immunosoppressori, come quelli usati nella chemioterapia
  • infezioni croniche del seno mascellare o dell'orecchio medio
  • commozione cerebrale

Alcuni difetti di nascita consentono alle infezioni di raggiungere più facilmente il cervello attraverso i denti e gli intestini. Un esempio è la tetralogia di Fallot, che è un difetto cardiaco.

Quali sono i sintomi di un ascesso cerebrale?

I sintomi di un ascesso cerebrale dipendono dalla parte del cervello che ne è affetta. Generalmente i sintomi sono:

  • mal di testa
  • febbre
  • confusione
  • debolezza o paralisi di uno dei due lati del corpo
  • differenze nei processi mentali, come una maggiore confusione, diminuzione della reattività e irritabilità
  • diminuzione del discorso
  • diminuzione del movimento dovuta alla perdita della funzione muscolare
  • cambiamenti nella vista
  • cambiamenti nella personalità o nel comportamento
  • vomito
  • brividi
  • rigidità del collo, soprattutto quando si verifica con febbre e brividi
  • sensibilità alla luce
  • otosclerosi

Un ascesso cerebrale può essere estremamente serio perché il rigonfiamento può far pressione sul delicato tessuto del cervello e interrompere il flusso del sangue o dell’ossigeno al cervello. C’è anche il rischio che un ascesso possa scoppiare (rompersi). Se non curato, un ascesso cerebrale può causare un danno permanente al cervello e può essere fatale. Un ascesso cerebrale è un’urgenza medica e richiede un pronto intervento con antibiotici e chirurgia. Il chirurgo di solito apre la scatola cranica e drena via il pus dal’ascesso o lo rimuove interamente.

Nei neonati e nei bambini, la maggior parte dei sintomi è simile. Il punto morbido in cima alla testa di un bambino, chiamato fontanella, può essere gonfio. Altri sintomi che si presentano nei bambini possono includere:

  • vomito 
  • gridare ad alta voce
  • spasticità negli arti

Quali sono le cause dell’ascesso cerebrale?

Un ascesso cerebrale è un rigonfiamento pieno di pus causato da un’infezione da batteri o funghi. E' provocato dal sistema immunitario come meccanismo di difesa. Se il sistema immunitario si rende conto che non è capace di contrastare un’infezione, cerca di limitarne a diffusione. Il sistema immunitario usa il tessuto sano per formare un muro intorno alla fonte dell’infezione per evitare che il pus infetti altro tessuto.

Le infezioni del cervello sono molto rare perché il corpo ha molte difese per proteggere questo organo vitale. Una di queste è la barriera ematoencefalica, che è una spessa membrana che filtra via le impurità dal sangue prima di permettergli di accedere al cervello. Tuttavia, in alcune persone, per ragioni che non sono del tutto chiare, i germi possono passare attraverso queste difese e infettare il cervello.

I tre modi più comuni con cui i germi arrivano al cervello si verificano quando:

  1. i germi hanno già infettato un’altra parte del corpo e, attraverso il flusso sanguigno, oltrepassano la barriera ematoencefalica, infettando il cervello;
  2. i germi hanno già infettato una delle cavità vicine nel cranio (come le orecchie o il naso) e infettano il cervello;
  3. i germi attraversano il cranio perché danneggiato e accedono al cervello, per esempio dopo essere stati colpiti da un oggetto contundente o dopo un colpo di arma da fuoco.

Come viene diagnosticato un ascesso cerebrale?

Molti di questi sintomi assomigliano a quelli di altre malattie o ad altri problemi di salute. Parlare immediatamente con il medico se si sviluppa uno di questi sintomi. Ci sarà probabilmente bisogno di un esame neurologico. Questo esame può rivelare qualsiasi pressione aumentata all'interno del cervello, che può verificarsi a causa del gonfiore.

Anche le scansioni CT e MRI possono essere utilizzate per diagnosticare un ascesso cerebrale.

In alcuni casi, il medico può avere bisogno di eseguire una puntura lombare. Ciò comporta la rimozione di una piccola quantità di fluido spinale cerebrale per verificare eventuali problemi diversi da un'infezione. Una puntura lombare non verrà eseguita se si sospetta un significativo gonfiore del cervello, in quanto può peggiorare temporaneamente la pressione all'interno della testa.

Potrebbe venir effettuato anche un esame audiometrico per localizzare l’ascesso cerebrale.

Quali sono le terapie per un ascesso cerebrale?

Un ascesso cerebrale è una grave situazione medica. Sarà necessario un soggiorno all'ospedale. La pressione, a causa del gonfiore nel cervello, può portare a danni cerebrali permanenti.

Se l'ascesso è profondo, sarà probabilmente trattato con antibiotici. I farmaci antibiotici saranno utilizzati anche per il trattamento di eventuali infezioni sottostanti che possono essere state la causa dell'ascesso nel cervello. Gli antibiotici ad ampio spettro che uccidono una varietà di batteri diversi sono i più comunemente prescritti. Potrebbe essere necessario più di un tipo di antibiotico.

La chirurgia è spesso il passo successivo se un ascesso non diminuisce con l'uso di antibiotici. Può anche essere il trattamento preferito per ascessi superiori a 2,5 centimetri. Rimuovere chirurgicamente un ascesso comporta solitamente l'apertura del cranio e lo scarico dell'ascesso. Il fluido che viene rimosso viene inviato ad un laboratorio per determinare la causa dell'infezione. Conoscere la causa dell'infezione aiuterà il medico a trovare gli antibiotici più efficaci.

La chirurgia può anche essere necessaria se gli antibiotici non funzionano, in modo che l'organismo che causa l'ascesso possa essere determinato per aiutare a decidere il trattamento più efficace.

La chirurgia deve essere eseguita nei casi più gravi quando l'ascesso provoca un pericoloso accumulo di pressione nel cervello. Il medico può consigliare la chirurgia come migliore opzione nei seguenti casi:

  • l'ascesso nel cervello è a rischio di rottura all'interno del cranio
  • l'ascesso nel cervello contiene gas, talvolta prodotti dai batteri
Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Distrofia muscolare di Becker
La distrofia muscolare di Becker è una patologia neuromuscolare degenerativa su base genetica, con un meccanismo di ereditarietà legato a...
Sindrome di Sluder
La sindrome di Sluder è una sindrome dolorosa appartenente al gruppo delle cefalee, causata dall’infiammazione del ganglio sfenopalatino.
Leucoencefalopatia
La leucoencefalopatia è una patologia dell’encefalo che provoca un’esclusiva o prevalente compromissione della sostanza bianca, caratteri...