Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Malattie
  4. Dorsalgia

Dorsalgia

Dorsalgia
Curatore scientifico
Dr. Alfredo Bitonti
Specialità del contenuto
Ortopedia e traumatologia

Cos'è la dorsalgia?

La dorsalgia consiste in un forte dolore che interessa il tratto dorsale della schiena, dalla base del collo alle scapole. Inoltre, tale dolore può interessare le costole e il torace. 

La dorsalgia può essere di due tipologie:

  • Dorsalgia acuta, provocata principalmente da traumi
  • Dorsalgia cronica, causata da patologie specifiche come artrosi e osteoporosi

Tuttavia, è possibile anche soffrire di dorsalgia notturna, che consiste in un forte dolore alla schiena localizzato che impedisce qualunque movimento nel letto e porta addirittura il paziente a svegliarsi nel cuore della notte. 

Per capire come dormire con la dorsalgia, è importante innanzitutto assicurarsi che il materasso sia adeguato alla schiena e al paziente. Se il dolore insorge nel bel mezzo della notte, può essere causato da un materasso scomodo

Quali sono le cause della dorsalgia?

Le cause della dorsalgia e del mal di schiena dorsale sono principalmente legate a problemi delle strutture muscolo-scheletriche, come per esempio a:

Molto più raramente, la dorsalgia può essere provocata da patologie che interessano gli organi interni. 

Le cause più frequenti restano comunque:

  • Ipercifosi
  • Frattura vertebrale da osteoporosi
  • Problema alle ultime tre vertebre cervicali, che provoca un forte dolore alle scapole, noto come dorsalgia alle scapole

La dorsalgia è particolarmente diffusa negli anziani, i quali sono i soggetti che soffrono maggiormente di dolori alla schiena, tendendo anche a curvarsi in avanti nel tempo. 

Più raramente, la dorsalgia è causata da ernia al disco, dalle patologie reumatiche, come per l’appunto i reumatismi, problemi tipici in ogni caso di età più avanzata.

Una postura corretta aiuta a mantenere in salute la colonna vertebrale. A volte si soffre di dorsalgia anche per una postura scorretta; difatti, questa cattiva abitudine può anche fa insorgere problemi a livello cervicale (cervicalgia).

Quali sono i sintomi della dorsalgia?

In base alle diverse cause che hanno provocato la dorsalgia, è possibile avere una grande varietà di sintomi, che dipendono molto dalle strutture interessate dalla patologia scatenante. 

Per esempio, in caso di problemi legati ai muscoli e alle ossa, è possibile che il soggetto soffra dolorosamente di irrigidimento del dorso e di contratture muscolari in prossimità della colonna vertebrale

In caso di problema con il midollo spinale, invece, vi può essere:

  • una riduzione della sensibilità del tratto midollare interessato;
  • un indebolimento delle gambe;
  • difficoltà di deambulazione;
  • ritenzione urinaria;
  • dolore alla colonna dorsale.

Quando la dorsalgia intacca il tessuto nervoso, in particolar modo le radici nervose, si avranno sintomatologie dolorose estese alla zona intercostale e parestesie, cioè un intorpidimento, per tutta la radice nervosa interessata dal problema. Proprio il fastidio che riguarda i nervi è considerato il più invalidante, perché altera le capacità motorie e la sensibilità degli arti. 

Esercizi per la dorsalgia

La dorsalgia posturale, causata quindi da posizioni errate, può essere risolta anche senza la necessità di un intervento di tipo clinico, ma semplicemente modificando le proprie abitudini e assumendo quotidianamente delle posture corrette.

Per chi soffre di dorsalgia persistente, è consigliabile eseguire diversi esercizi:

  • congiungere le mani dietro alla schiena e mantenere la posizione per circa 15 secondi;
  • congiungere le mani sopra alla testa stendendo al massimo le braccia e mantenere nuovamente la posizione per 15 secondi;
  • stendere il tratto dorsale contro lo schienale della sedia, stando seduti;
  • sdraiarsi in posizione supina e allungare mani e braccia in direzioni opposte, mantenendo la posizione per 15 secondi;
  • piegare i gomiti e portare le braccia verso l’esterno, senza tuttavia staccare i gomiti dal tronco;
  • stando seduti, incrociare le braccia dietro alla schiena e ruotare il tronco da una parte all’altra;
  • stando seduti, cercare di toccare il pavimento spostando il tronco da una parte all’altra. 

Rimedi per la dorsalgia

Le dorsalgie sono principalmente di natura muscolare e tendinea, pertanto possono essere facilmente trattate con una combinazione di farmaci e di fisioterapia. I farmaci più comuni per la dorsalgia sono antidolorifici, miorilassanti e antinfiammatori.

Se le cause della dorsalgia sono da ricercare in una frattura vertebrale, a sua volta provocata dall’osteoporosi, è possibile eseguire dei piccoli interventi mini-invasivi, che mirano a ridurre lo stress fisico del paziente, e possono essere:

  • Vertebroplastica
  • Cifoplastica
  • Stabilizzazione vertebrale

Tali interventi hanno generalmente dei tempi di recupero molto rapidi e possono essere anche considerati minimamente invasivi. 

Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Ipercifosi
L'ipercifosi è una condizione patologica che interessa la colonna vertebrale, che consiste in un’accentuazione della normale curva toraci...
Olistesi
L'olistesi è una malattia che riguarda principalmente le vertebre lombari della colonna vertebrale.
Sindrome compartimentale
La sindrome compartimentale è una dolorosa condizione che avviene quando la pressione intramuscolare raggiunge livelli pericolosi.