Sei un professionista sanitario? Iscriviti
Medicina Termale Ortognatodonzia Agopuntura Allergologia Anatomia ed istologia patologica Andrologia Anestesia Angiologia Audiologia Auxologia Biochimica clinica Cardiochirurgia Cardiochirurgia pediatrica Cardiologia Check-up Chinesiologia Chiropratica Chirurgia ambulatoriale Chirurgia d'urgenza Chirurgia del piede Chirurgia dell'apparato digestivo Chirurgia dell'obesità Chirurgia della mano Chirurgia della spalla Chirurgia endoscopica Chirurgia epato biliare Chirurgia generale Chirurgia laparoscopica Chirurgia maxillo facciale Chirurgia mininvasiva Chirurgia oncologica Chirurgia orale Chirurgia pediatrica Chirurgia plastica Chirurgia refrattiva Chirurgia senologica Chirurgia toracica Chirurgia toracico-vascolare Chirurgia vascolare Consulente Olistico Consulente Professionale in Allattamento Materno Counseling Criminologia Cure termali Day hospital Day surgery Dermatologia Dermosifilopatia Diabetologia Diagnostica per immagini Dietologia Educatore Professionale Ematologia Emodialisi Emodinamica e chirurgia endoluminale Endocrinologia Endodonzia Endoscopia Epatologia Farmacia Farmacologia clinica Fisiatria Fisiokinesiterapia Fisiopatologia della riproduzione Fisioterapia Flebologia Foniatria Gastroenterologia Genetica Geriatria Ginecologia Gnatologia Grafologia Grandi ustioni Grandi ustioni pediatriche Hospice Igiene dentale Igiene e medicina preventiva Immunologia Implantologia Infermieristica Iridologia Laboratorio analisi Logopedia Lungodegenti Malattie infettive e tropicali Medicazioni Medicina complementare Medicina del dolore Medicina del lavoro Medicina dello sport Medicina di comunità Medicina estetica Medicina fisica e riabilitativa Medicina generale Medicina interna Medicina iperbarica Medicina legale Medicina metabolica Medicina molecolare Medicina nucleare Medicina psicosomatica Medicina subacquea Medicina tropicale Microbiologia e virologia Microchirurgia Musicoterapia Naturopatia Nefrologia Nefrologia (abilitaz. al trapianto) Nefrologia pediatrica Neonatologia Neuro-riabilitazione Neurochirurgia Neurochirurgia pediatrica Neurofisiopatologia Neurologia Neuropsichiatria Neuropsichiatria infantile Neuropsicologia Neuropsicomotricità Nido Nutrizione Nutrizione e dietistica Nutrizione Olistica Oculistica Odontoiatria conservativa Odontoiatria e stomatologia Odontostomatologia Omeopatia Omotossicologia Oncoematologia Oncoematologia pediatrica Oncologia Optometria Ortodonzia Ortopedia e traumatologia Ortopedia-chirurgia della colonna vertebrale Ortottica OSA - Operatore Socio Assistenziale OSS - Operatore Socio Sanitario Ossigenoterapia Osteopatia Ostetricia Otologia Otorinolaringoiatria Parodontologia Patologia Clinica Pedagogia Clinica Pediatria Pedodonzia - odontoiatria pediatrica Pensionanti Pneumologia Podologia Posturologia Proctologia Pronto Soccorso Protesi dentaria Psichiatria Psicologia Psicoterapia Radiologia Radioterapia Radioterapia oncologica Recupero e riabilitazione funzionale Recupero e riabilitazione posturale Reumatologia Riabilitazione Riabilitazione cardiologica Riabilitazione neuromotoria e ortopedica Riabilitazione ortopedica Riabilitazione psiconeurogeriatrica Rianimazione RSA - Case di Riposo Salute mentale Scienza dell'Alimentazione Senologia Sessuologia Shiatsu Stroke unit Tecniche di radiologia medica Tecnico Audioprotesista Tecnico Ortopedia Tecnico sanitario di neurofisiopatologia Terapia del dolore Terapia intensiva Terapia intensiva neonatale Tossicologia Unità coronarica Unità spinale Urologia Urologia pediatrica Vulnologia Week surgery

Cerca

Chiudi
Specialità
Città
Medicina Termale Ortognatodonzia Agopuntura Allergologia Anatomia ed istologia patologica Andrologia Anestesia Angiologia Audiologia Auxologia Biochimica clinica Cardiochirurgia Cardiochirurgia pediatrica Cardiologia Check-up Chinesiologia Chiropratica Chirurgia ambulatoriale Chirurgia d'urgenza Chirurgia del piede Chirurgia dell'apparato digestivo Chirurgia dell'obesità Chirurgia della mano Chirurgia della spalla Chirurgia endoscopica Chirurgia epato biliare Chirurgia generale Chirurgia laparoscopica Chirurgia maxillo facciale Chirurgia mininvasiva Chirurgia oncologica Chirurgia orale Chirurgia pediatrica Chirurgia plastica Chirurgia refrattiva Chirurgia senologica Chirurgia toracica Chirurgia toracico-vascolare Chirurgia vascolare Consulente Olistico Consulente Professionale in Allattamento Materno Counseling Criminologia Cure termali Day hospital Day surgery Dermatologia Dermosifilopatia Diabetologia Diagnostica per immagini Dietologia Educatore Professionale Ematologia Emodialisi Emodinamica e chirurgia endoluminale Endocrinologia Endodonzia Endoscopia Epatologia Farmacia Farmacologia clinica Fisiatria Fisiokinesiterapia Fisiopatologia della riproduzione Fisioterapia Flebologia Foniatria Gastroenterologia Genetica Geriatria Ginecologia Gnatologia Grafologia Grandi ustioni Grandi ustioni pediatriche Hospice Igiene dentale Igiene e medicina preventiva Immunologia Implantologia Infermieristica Iridologia Laboratorio analisi Logopedia Lungodegenti Malattie infettive e tropicali Medicazioni Medicina complementare Medicina del dolore Medicina del lavoro Medicina dello sport Medicina di comunità Medicina estetica Medicina fisica e riabilitativa Medicina generale Medicina interna Medicina iperbarica Medicina legale Medicina metabolica Medicina molecolare Medicina nucleare Medicina psicosomatica Medicina subacquea Medicina tropicale Microbiologia e virologia Microchirurgia Musicoterapia Naturopatia Nefrologia Nefrologia (abilitaz. al trapianto) Nefrologia pediatrica Neonatologia Neuro-riabilitazione Neurochirurgia Neurochirurgia pediatrica Neurofisiopatologia Neurologia Neuropsichiatria Neuropsichiatria infantile Neuropsicologia Neuropsicomotricità Nido Nutrizione Nutrizione e dietistica Nutrizione Olistica Oculistica Odontoiatria conservativa Odontoiatria e stomatologia Odontostomatologia Omeopatia Omotossicologia Oncoematologia Oncoematologia pediatrica Oncologia Optometria Ortodonzia Ortopedia e traumatologia Ortopedia-chirurgia della colonna vertebrale Ortottica OSA - Operatore Socio Assistenziale OSS - Operatore Socio Sanitario Ossigenoterapia Osteopatia Ostetricia Otologia Otorinolaringoiatria Parodontologia Patologia Clinica Pedagogia Clinica Pediatria Pedodonzia - odontoiatria pediatrica Pensionanti Pneumologia Podologia Posturologia Proctologia Pronto Soccorso Protesi dentaria Psichiatria Psicologia Psicoterapia Radiologia Radioterapia Radioterapia oncologica Recupero e riabilitazione funzionale Recupero e riabilitazione posturale Reumatologia Riabilitazione Riabilitazione cardiologica Riabilitazione neuromotoria e ortopedica Riabilitazione ortopedica Riabilitazione psiconeurogeriatrica Rianimazione RSA - Case di Riposo Salute mentale Scienza dell'Alimentazione Senologia Sessuologia Shiatsu Stroke unit Tecniche di radiologia medica Tecnico Audioprotesista Tecnico Ortopedia Tecnico sanitario di neurofisiopatologia Terapia del dolore Terapia intensiva Terapia intensiva neonatale Tossicologia Unità coronarica Unità spinale Urologia Urologia pediatrica Vulnologia Week surgery
Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Malattie
  4. Piede Da Atleta

Piede da atleta

Curatore scientifico
Dr. Giuseppe Hautmann
Specialità del contenuto
Dermatologia

Che cos’è il piede da atleta?

Il piede d’atleta, detto anche tigna del piede, è una patologia a carico del piede, causata da funghi ai piedi, detti funghi dermatofiti. La patologia che è contagiosa, fa parte delle dermatomicosi (micosi superficiali) che interessano la pelle priva di peli (o glabra).

Il piede d'atleta è una malattia della pelle molto comune che colpisce la pianta del piede e la pelle tra le dita dei piedi. Di solito è una eruzione squamosa, rossa e pruriginosa. Anche se è spesso causata da una infezione fungina, altre cause possono essere indistinguibili senza la corretta diagnosi.

Il nome medico per il piede d'atleta causato da un fungo è tinea pedis. Ci sono una varietà di funghi che causano il piede d'atleta, e questi possono essere contratti in molti luoghi, tra cui palestre, spogliatoi, piscine, saloni di bellezza, linee di sicurezza aeroportuale, e da calze e indumenti contaminati. I funghi possono essere trasmessi anche direttamente da persona a persona attraverso il contatto.

Tuttavia, senza le adeguate condizioni di crescita (ambiente caldo e umido), il fungo non può facilmente infettare la pelle. Fino al 70% della popolazione può sviluppare il piede d'atleta in qualche momento durante la propria vita. L'infezione da funghi del piede da atleta non produce alcuna resistenza alle infezioni successive.

Chi colpisce il piede d’atleta?

Tale micosi ai piedi, come suggerisce il nome, colpisce particolarmente e frequentemente gli sportivi, soprattutto quelli che frequentano ambienti pubblici e umidi come (piscine, docce, palestre, ecc.).

Il contagio della malattia avviene attraverso il contatto di piccoli frammenti di pelle che si staccano dal soggetto malato, disperdendosi nell’ambiente circostante.

Il contagio può avvenire per via diretta ma anche indiretta, attraverso il contatto con docce, pavimenti, attrezzi, pedane o altri oggetti e strumenti usati dal soggetto che soffre di micosi.

I soggetti che più frequentemente sono colpiti dalla malattia sono maschi adulti (specialmente anziani).

Quali sono le cause e i fattori di rischio del piede d’atleta?

Il piede d’atleta colpisce soprattutto quei soggetti che hanno le difese immunitarie particolarmente basse. Inoltre, alcune patologie possono favorire l’insorgenza della malattia, tra cui:

Vi sono poi alcuni fattori di rischio collegati a condizioni ambientali: i microrganismi che originano il piede d’atleta si trovano infatti in gran numero negli ambienti caldo-umidi e chiusi (come le scarpe degli sportivi).

Il rischio di infezione aumenta se sono poi presenti queste condizioni:

  • Difese immunitarie indebolite
  • Fattori genetici (predisposizione all’infezione fungina)
  • Cattiva traspirazione
  • Umidità accumulata (scarpe/calze bagnate)
  • Scarpe non traspiranti o strette

Quali sono i sintomi e i segni del piede d'atleta?

Molti individui con il piede da atleta non hanno sintomi e, addirittura, non sanno di avere un'infezione. Molti potrebbero pensare di avere semplicemente la pelle secca sulle piante dei piedi. I sintomi più comuni del piede d'atleta di solito includono vari gradi di prurito e bruciore.

Vi sono comunque molti sintomi per il piede d’atleta.

All’inizio l’infezione infesta la zona tra le dita del piede (di solito interessa le ultime tre dita), ma può poi estendersi anche alla piena, al dorso e alle unghie. Spesso la malattia cronicizza.

I soggetti colpiti dalla patologia hanno una pelle che presenta:

  • Eritema, cute arrosata
  • Desquamazione (in particolare tra le dita dei piedi)
  • Screpolature
  • Ispessimento della cute
  • Vesciche acquose, spesso sulla pianta del piede e sul bordo delle dita
  • Odori sgradevoli del piede
  • Prurito ai piedi di intensità variabile
  • Unghie inspessite e contorte, fino a spezzarsi e decolorarsi

Come si presenta il piede d’atleta?

La maggior parte dei casi di piede d'atleta sono appena visibili, e presentano solo un po’ di pelle secca e squamosa. Casi più estesi potrebbero apparire con zone rosse, secche e di pelle secca su una o entrambe le piante dei piedi. Talvolta la secchezza può diffondersi sui lati e dorso dei piedi. Più comunemente, l'eruzione è localizzata solo sulle piante dei piedi.

Ci sono tre tipi comuni di piede da atleta:

  1. La tipologia che colpisce le piante dei piedi
  2. La tipologia che colpisce lo spazio tra le dita dei piedi, chiamato anche tipo interdigitale
  3. La tipologia di tipo infiammatorio o con vesciche

Il piede d'atleta si può presentare come una eruzione cutanea su uno o entrambi i piedi e può anche coinvolgere la mano.

Il piede da atleta è contagioso?

Il piede d'atleta può essere contagioso da persona a persona.

Alcune persone possono essere più suscettibili al fungo che causa il piede d'atleta, mentre altre sono più resistenti. Ci sono molte famiglie in cui due persone (spesso marito e moglie o fratelli) utilizzando la stessa doccia per anni non hanno trasmesso il fungo tra di loro.

La causa esatta di questa predisposizione o suscettibilità alle infezioni fungine è sconosciuta. Il piede d'atleta sembra più contagioso in ambienti caldi ed umidi come piscine pubbliche e spogliatoi.

Che cos’altro provoca eruzioni cutanee del piede?

Ci sono molte possibili cause di eruzioni cutanee del piede, come la dermatite da contatto, le eruzioni cutanee allergiche da scarpe o altre creme, l’eczema dyshidrotic, la psoriasi e le infezioni batteriche.

Il medico può eseguire un semplice test chiamato KOH per confermare la presenza di un’infezione fungina.

Questo test viene eseguito utilizzando piccole squame di pelle che vengono esaminate al microscopio.

Molti dermatologi eseguono questo test nel loro ufficio con risultati disponibili in pochi minuti. Raramente, un piccolo pezzo di pelle può essere inviato per la biopsia per confermare la diagnosi.

Qual è il trattamento per il piede d'atleta?

Se la patologia viene trascurata, si possono formare altre infezioni batteriche. I funghi si nutrono di cheratina (che compone lo strato più esterno della cute), e cibandosene possono arrivare a strati più profondi del derma, allargando l’infezione.

Il trattamento del piede d'atleta può essere diviso in due parti.

La prima parte, più importante, è quella di rendere la zona infetta meno adatta per il fungo del piede dell'atleta. Questo significa mantenere l'area pulita e asciutta.

Comprare scarpe in pelle o in altro materiale traspirante ed usare calzini assorbenti come quelli in cotone può aiutare, così come l’uso di polveri medicanti può aiutare a mantenere i piedi asciutti. Infine, i piedi possono essere immersi in una soluzione di acetato di alluminio.

Un rimedio casalingo utile al trattamento può essere immergere i piedi in una soluzione di una parte di aceto bianco bianco con circa quattro parti di acqua, una o due volte al giorno per 10 minuti.

La seconda parte del trattamento è l'uso di creme antimicotiche e di lavaggi.

Il trattamento per il piede d'atleta deve generalmente essere continuato per quattro settimane, fino almeno ad una settimana dopo che tutti i sintomi cutanei siano spariti.

Se l'infezione fungina si è diffusa alle unghie dei piedi, le unghie devono essere trattate per evitare la reinfezione dei piedi. Spesso, le unghie sono inizialmente ignorate, è importante invece trattare tutto il fungo visibile contemporaneamente.

Tra i rimedi naturali si ricordino timo, lavanda, propoli ed echinacea, che hanno preziose proprietà antisettiche (disinfettanti e purificanti).

Quali sono le possibili complicanze del piede d'atleta?

Un’infezione non trattata di piede d’atleta può potenzialmente diffondersi in altre parti del corpo o ad altre persone, tra cui i membri della famiglia. Il fungo può diffondersi a livello locale sulle gambe, sui piedi, sulle mani, sulle unghie, e praticamente in qualsiasi zona del corpo.

Questo tipo di fungo in generale vive sulla pelle, sui capelli e sulle unghie. Non vive in profondità, e non invade gli organi del corpo o il sistema sanguigno.

Le infezioni fungine delle unghie sono chiamate unguium tinea o onicomicosi, e possono essere molto difficili da trattare.

Come posso evitare infezioni da piede da atleta future?

Dal momento che il piede d’atleta tende a recidivare, è buona norma seguire alcune regole di prevenzione per evitare il ritorno della malattia:

  • Usare scarpe traspiranti e chiare
  • Avere una buona igiene quotidiana dei piedi, avendo cura di asciugare bene tutte le parti
  • Eliminare gli strati macerati di pelle
  • Cambiare regolarmente calze e lavarle in acqua calda
  • Far asciugare bene le scarpe dopo ogni utilizzo
  • Usare calzini in tessuti naturali
  • Applicare creme antifungine non solo sul piede ma anche in calze e scarpe
  • Non camminare scalzi
  • Non usare calzature di altri
  • Evitare scarpe strette o scomode
  • Disinfettare i pavimenti di frequente
  • Usare sempre ciabatte nei luoghi pubblici

Se si è stati colpiti da micosi, evitare di utilizzare luoghi come le piscine pubbliche per non trasmettere l’infezione ad altri.

Hai trovato questo contenuto utile?

Contenuti correlati

Tricodinia
La tricodinia è un fastidio che riguarda il cuoio capelluto e che si manifesta con prurito e dolore.
Cisti Sebacea
La Cisti Sebacea si presenta come una lesione cutanea dall'aspetto di un protuberanza o di un nodulo nella cute, e al tatto appare più du...
Eritema polimorfo
L’eritema polimorfo, anche chiamato eritema multiforme, è una patologia di carattere infiammatorio che colpisce la cute e le mucose. In q...