Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Terapie
  4. Biofeedback

Biofeedback

Biofeedback
Curatore scientifico
Lorenzo Bichi
Specialità del contenuto
Fisioterapia

Cos’è il biofeedback?

Il biofeedback è una tecnica che aiuta ad avere un certo controllo sulle normali funzioni involontarie dell’organismo, tra cui:

  • battito cardiaco;
  • temperatura corporea;
  • pressione arteriosa.

Le funzioni involontarie sono controllate dal sistema nervoso e variano in risposta all’ambiente, agli stati d’animo e all’esercizio fisico.

Il meccanismo d’azione del biofeedback non è noto, ma è stato ipotizzato che esso promuova il rilassamento, il quale a sua volta può aiutare ad alleviare una serie di condizioni correlate allo stress.

Durante una sessione di biofeedback, sulla pelle vengono posti degli elettrodi e possono essere utilizzati anche dei sensori per le dita. Questi elettrodi e sensori inviano un segnale ad un monitor, il quale emette un suono o mostra un lampo di luce o un’immagine che rappresenta:

  • frequenza cardiaca;
  • frequenza respiratoria;
  • pressione arteriosa;
  • temperatura corporea;
  • sudorazione;
  • attività muscolare.

Quando si è sotto stress, queste funzioni cambiano:

  • il cuore batte più velocemente;
  • la respirazione accelera;
  • la pressione aumenta;
  • la sudorazione aumenta;
  • i muscoli si contraggono.

Una volta che il monitor mette in evidenza questi segni dello stress, si può cercare di controllare tali funzioni rallentandole.

Solitamente le sedute di biofeedback sono condotte nello studio di un terapista, ma esistono dei software che consentono di realizzare le sessioni comodamente a casa, attraverso il proprio computer. Tuttavia, un terapista è più consigliato, poiché è anche in grado di far praticare degli esercizi di rilassamento, che possono aiutare ad affinare il controllo di specifiche funzioni corporee.

Gli esercizi usati sono diversi, tra cui:

  • respirazione profonda;
  • rilassamento muscolare progressivo, alternando contrazione e rilassamento di differenti gruppi muscolari;
  • concentrarsi su specifiche immagini per indurre il rilassamento mentale;
  • meditazione consapevole, focalizzando i propri pensieri e allontanando le emozioni negative.

A cosa serve il biofeedback?

Con l’esercizio è possibile allenarsi fino a riuscire a controllare le funzioni organiche senza aver bisogno degli strumenti che segnalano quando è il momento di porre in atto un controllo e di rilassarsi.

Per quali patologie è impiegato?

Il biofeedback è utilizzato per prevenire o trattare alcune condizioni, incluse:

Quanti tipi di biofeedback esistono?

Diversi tipi di biofeedback sono usati per monitorare diverse funzioni corporee:

 

Ogni sessione di biofeedback dura circa 30 minuti. Solitamente i benefici si vedono dopo 10 sessioni, talvolta anche meno. Alcune condizioni, invece, necessitano di almeno 20 sessioni o più.

Quali sono gli effetti benefici del biofeedback?

I benefeci del biofeedback si concretizzano nella riduzione di:

  • dolore cronico, poiché può aiutare il soggetto ad identificare i muscoli contratti e rilassarli, quindi aiutare a controllare il dolore alla schiena, all’addome, alle articolazioni, quello temporo-mandibolare e della fibromialgia;
  • mal di testa, uno degli usi più studiati. La tensione muscolare e lo stress possono indurre l’emicrania e altri tipi di mal di testa, o possono peggiorare i sintomi. La terapia biofeedback rilassa i muscoli e riduce lo stress, riducendo anche la frequenza e l’intensità del mal di testa;
  • ansia, uno dei maggiori usi del biofeedback. Col biofeedback si possono controllare le risposte agli stimoli ansiogeni;
  • pressione alta, con molte sedute è possibile osservare un abbassamento della pressione sanguigna;
  • incontinenza urinaria, può aiutare a riconoscere e rafforzare i muscoli del pavimento pelvico che controllano lo svuotamento della vescica. Dopo diverse sessioni di biofeedback, si può controllare molto meglio lo stimolo di urinare e il numero di episodi di incontinenza. A differenza dei farmaci usati per trattare l'incontinenza, il biofeedback è una terapia che non causa effetti collaterali.

L’incontinenza urinaria femminile è una condizione sperimentata frequentemente dalle donne dopo il parto e nella terza età, spesso a causa della perdita di tonicità e sensibilità del pavimento pelvico. Per mantenere il perineo e quindi il pavimento pelvico in buono stato è necessario prima di tutto riconoscerlo ed essere in grado di attivarlo in modo più o meno spontaneo con gesti quotidiani. Quando però non si riesce a fare prevenzione e si sviluppano incontinenza urinaria o prolasso, si può intervenire con la riabilitazione attraverso diverse modalità.

Una di queste modalità è il biofeedback, appunto. Le altre possibilità sono la chinesiterapia e l’elettrostimolazione. La chinesiterapia consiste nell’esecuzione di alcuni esercizi di contrazione e rilassamento della muscolatura del pavimento pelvico. L’elettrostimolazione è utile, invece, quando i muscoli del perineo non si contraggono volontariamente in modo adeguato.

Il biofeedback può anche aiutare i bambini che bagnano il letto (enuresi notturna), così come le persone con incontinenza fecale (l'incapacità di controllare i movimenti intestinali).

Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Elettrostimolatore
L'elettrostimolatore è un apparecchio dotato di elettrodi, in voga sin dagli anni settanta, e che serve principalmente per la riabilitazi...
Esercizi di Kegel
Gli esercizi di Kegel sono una serie di esercizi utili per controllare la muscolatura pelvica, in particolare lo sfintere uretrale, anale...
Tai chi
Il tai chi è una forma di arte marziale nata per l'autodifesa, ma che, allo stesso tempo, ne cura il benessere psicofisico. La postura, p...