Prolattina (alta-bassa)

Contenuto di:

La prolattina è un ormone prodotto dall'ipofisi la cui funzione principale è quella di stimolare la produzione del latte necessario alla nutrizione del bambino subito dopo la sua nascita.

Che cos'è la prolattina?

Prolattina_alta | Pazienti.it

La prolattina è un ormone che partecipa alla produzione di latte materno dopo il parto. È il prodotto della ghiandola pituitaria nel cervello ed è anche chiamata PRL od ormone lattogenico.

Nonostante la sua funzione principale riguardi il parto, è un ormone importante sia per le donne che per gli uomini, anche se la sua funzione specifica negli uomini non è ancora ben nota. Tuttavia, sembra che svolga un ruolo essenziale nella soddisfazione sessuale negli uomini e nelle donne.

In situazioni normali, i livelli di prolattina sono i seguenti:

  • nelle donne che non sono incinta <25 ng / mL
  • nelle donne in stato di gravidanza da 34 a 386 ng / mL
  • negli uomini <15 ng / mL.

Quali sono le funzioni della prolattina?

La prolattina agisce dopo il parto sull'inizio e sul mantenimento della lattazione. Quest'ormone esercita anche un'azione permissiva nei riguardi delle gonadotropine ipofisarie (FSH e LH) per quanto riguarda l'effetto di queste ultime sul bersaglio ovarico.

Cosa comporta una prolattina alta?

I livelli di prolattina possono essere rilevati tramite un semplice esame del sangue. Alti livelli di prolattina possono causare tumori alla ghiandola pituitaria, che porta a mal di testa, deficit visivo, crescita anormale di peli nelle donne, e la disfunzione erettile negli uomini.

Livelli elevati sono normali durante la gravidanza, dopo il parto o durante l'allattamento, ma l'iperprolattinemia può anche essere causata da:

  • anoressia nervosa
  • malattia epatica
  • malattie renali
  • ipotiroidismo

L'ipotiroidismo può causare l'ingrossamento della ghiandola pituitaria, che è curabile con la terapia ormonale sostitutiva della tiroide. Alti livelli di prolattina possono anche essere causati da tumori ipofisari.

Anche alcuni farmaci possono essere la causa di alti livelli di prolattina, soprattutto gli psicofarmaci come:

  • risperidone
  • aloperidolo
  • metoclopramide

Alcuni fattori di stress comuni possono anche aumentare i livelli di prolattina. Questi fattori di stress comprendono:

  • basso livello di zucchero nel sangue
  • attività fisica intensa
  • forme lievi di disagio

Alcuni alimenti possono aumentare il livello di prolattina. Tra questi:

  • trifoglio rosso
  • fieno greco
  • finocchio

Evitate di mangiare qualsiasi cosa con questi ingredienti, se scoprite di avere alti livelli di prolattina.

Quali sono i sintomi di una prolattina alta?

I sintomi di una prolattina alta differiscono in base al genere sessuale. Soprattutto per le donne, è importante effettuare il test per identificare un eventuale prolattinoma, ovvero un tumore alla ghiandola pituitaria, che produce livelli elevati di prolattina.

I sintomi di prolattinoma nelle donne includono:

  • inspiegabili mal di testa
  • deficit visivo
  • galattorrea, o l'allattamento al di fuori del parto o durante l'allattamento
  • dolore o fastidio durante i rapporti sessuali
  • dolore o aumento del seno
  • crescita anormale dei peli facciali e corporei
  • acne anormale

Inoltre, il test di prolattina può anche essere necessario in caso di problemi di fertilità o di ciclo.

I sintomi di prolattinoma negli uomini includono:

  • inspiegabili mal di testa
  • deficit visivo
  • problemi di ridotto desiderio sessuale o fertilità
  • disfunzione erettile
  • anormale mancanza di peli corporei e facciali

Il test negli uomini può essere utilizzato anche per:

  • indagare su disfunzione testicolare o disfunzione erettile
  • escludere problemi con la ghiandola pituitaria o dell'ipotalamo

Cosa comporta avere una prolattina bassa?

Livelli bassi di prolattina non comportano alcun rischio per il paziente.

Come si effettua il test per il livello di prolattina?

Il test per la prolattina è proprio come un esame del sangue. Occorrono pochi minuti e si effettua in un laboratorio medico. Non è necessaria alcuna preparazione.

Il campione è in genere raccolto tre o quattro ore dopo il risveglio al mattino. Il sangue viene prelevato da una vena del braccio con poco dolore. Si può sentire solo un leggero pizzico quando l'ago entra e qualche dolore lieve dopo.

Alcune pillole anticoncezionali, farmaci di alta pressione sanguigna o antidepressivi possono influenzare i risultati del test. È importante informare il medico su tutti i farmaci che si stanno assumendo al momento del test. 

Quali sono i trattamenti per prolattina alta?

I farmaci più utilizzati per il trattamento di elevati livelli di prolattina sono gli agonisti della dopamina. Questi farmaci aiutano la dopamina prodotta dal cervello a controllare i livelli alti di prolattina. Essi possono anche ridurre i tumori alla ghiandola pituitaria.

Un altro farmaco utilizzato è la cabergolina, un trattamento per il prolattinoma più recente e con effetti collaterali più lievi rispetto ad altri farmaci.

Se il paziente non risponde bene agli agonisti della dopamina, il medico può suggerire la radioterapia o un intervento chirurgico, che può essere effettuato attraverso il naso o il cranio superiore. La combinazione di chirurgia e farmaci insieme assicura il ritorno alla normalità dei livelli di prolattina.

Altri metodi per abbassare i livelli di prolattina sono:

  • cambiare la dieta e mantenere bassi i livelli di stress
  • diminuire l'intensità dell'esercizio fisico
  • evitare un tipo di abbigliamento che costringa il petto e che sovrastimoli i capezzoli
  • assumere B-6 e vitamina E integratori vitaminici.

La vitamina B-6 è parte del processo di produzione di dopamina e, se assunta in grandi quantità, può ridurre i livelli di prolattina. La vitamina E, invece, previene naturalmente aumenti dei livelli di prolattina. Parlate sempre con il vostro medico o nutrizionista prima di cambiare l'assunzione di vitamine o altri integratori.

In che modo la prolattina è connessa alla fertilità?

In alcuni casi, alti livelli di prolattina possono portare alla sterilità, soprattutto in casi di tumore. Questa condizione è nota come ipopituitarismo. Negli uomini, questo comporta un impulso sessuale più basso e una perdita di peli sul corpo. Nelle donne, può portare alla sterilità.

L'iperprolattinemia può rendere difficile per una donna rimanere incinta. Alti livelli di prolattina possono interrompere la normale produzione di ormoni estrogeni e progesterone, interrompendo l'ovulazione e diminuendo o dilatando i periodi del ciclo mestruale.

Farmaci e altri trattamenti per curare il prolattinoma contribuiscono a ripristinare la normale fertilità nella maggior parte delle donne.

C'è una correlazione tra prolattina e sclerosi multipla?

Uno studio dell'università di Calgary, pubblicato sul Journal of Neuroscience, avrebbe evidenziato una correlazione tra la quantità di prolattina prodotta dal nostro organismo e la sclerosi multipla.

I ricercatori hanno osservato che durante la gravidanza il numero di recidive annuali di sclerosi multipla si riduce, mentre aumenta nei primi tre mesi dopo il parto, quando il livello di prolattina cresce. Da questo, hanno evinto che valori di prolattina superiori a quelli considerati normali possono essere connessi a recidiva clinica di sclerosi multipla. Ciò accade in particolare nei pazienti che sono stati soggetti a lesioni all'ipotalamo e a neurite ottica.

La prolattina potrebbe, quindi, contribuire a ridurre i danni al cervello e al midollo spinale causati dalla sclerosi multipla. Per certi versi, è come se la malattia si “fermasse”, mettendosi in pausa, nei mesi in cui la donna si trova in stato di gravidanza.

Livelli alti di questo ormone sono molto frequenti nei pazienti affetti da sclerosi multipla.

Quali sono le conseguenze secondarie legate ai cambiamenti nei livelli di prolattina?

Secondo diversi studi scientifici, potrebbero esserci varie patologie – più o meno gravi – collegate al livello di prolattina nell'organismo:

  • La psoriasi è una malattia cronica della pelle, causata sia da fattori esogeni (esterni) che da fattori endogeni (interni) come cambiamenti ormonali. La gravità di questa patologia dipende, infatti, soprattutto dagli ormoni sessuali e dalla prolattina, che è in stretto contatto con la salute della pelle. Ciò è dimostrato dal fatto che la malattia raggiunge i suoi picchi durante l'età puberale e durante la menopausa, quando entrano in gioco importanti variazioni ormonali.
  • Anche la cistite può avere un rapporto causa-effetto con i cambiamenti dei livelli di prolattina. Si tratta di una fastidiosa infiammazione della muscosa della vescica, che colpisce soprattutto le donne. Solitamente  asintomatica, ad eccezione di un forte bisogno di urinare accompagnato da dolore. È causata dai batteri che risiedono nell'ultimo tratto intestinale e da altri patogeni, che possono raggiungere la vescica dall'esterno attraverso l'uretra.
  • Talvolta l'aumento della prolattina può essere dovuto a un problema di candidosi vaginale e di infiammazione. La candida è un fungo, o meglio un lievito, che colonizza le mucose vaginali, dell'orofaringe e del tratto gastrointestinale. È raro che si trasformi in una condizione patologica e, di solito, ciò accade nei momenti in cui vi è un abbassamento delle difese immunitarie (per esempio in seguito all'assunzione di antibiotici). È facilmente curabile dietro assunzione di farmaci antimicotici come Fluconazolo (Diflucan ®), Clotrimazolo, Itraconazolo, Nistatina e Amfotericina B. Non è considerata una condizione grave, a meno che non insorga durante la gravidanza.
  • L'ernia iatale è un tipo di ernia causata dal passaggio di una porzione di stomaco dall'addome al torace, attraverso un foro nel diaframma, chiamato iato diaframmatico esofageo. Si tratta di una patologia abbastanza diffusa, le cui cause sono quasi del tutto sconosciuto. Sicuramente l'obesità, l'età avanzata, indossare abiti che comprimono l'addome, la gravidanza e problemi di tosse cronica sono tutti fattori di rischio.
  • Anche l'endometriosi potrebbe essere connessa alla prolattina. Si tratta della presenza di endometrio e del suo stroma al di fuori della cavità uterina, che colpisce le donne dalla prima mestruazione provocando forti dolori. Peggiora dopo una gravidanza se già presente da prima, e dopo il parto aumentano le possibilità di sviluppare questa condizione qualora non si fosse sviluppata precedentemente. Talvolta può persistere anche dopo la menopausa, a causa degli ormoni che si assumono di solito per alleviarne i sintomi. È strettamente correlata alla sterilità, in quanto circa il 35% delle donne affette da endometriosi è sterile.
  • Il varicocele è una patologia che colpisce gli uomini e che comporta la dilatazione delle vene che portano il sangue all'esterno dello scroto e che circondano i testicoli. Il danno testicolare è la prima implicazione del varicocele, causato dal ristagno di sangue che fa innalzare la temperatura scrotale, con conseguente dolore e/o fastidio. Anche la maturazione degli spermatozoi risente di questa malattia, in quanto si riduce la capacità di sintetizzare testosterone, con conseguente rischio di sterilità.
  • Il Citomegalovirus (Cmv) è un virus appartenente alla famiglia degli Herpesvirus, di conseguenza – una volta infettato l'ospite – può rimanere latente per anni e risvegliarsi in caso di abbassamento delle difese immunitarie. Solitamente non dà infezioni gravi, se non nei soggetti immunodepressi, in cui il sistema immunitario non è in grado di tenere sotto controllo il virus. Un'ulteriore complicanza si presenta durante la gravidanza, in quanto si tratta di un virus trasmissibile dalla madre al feto, il quale può subire danni permanenti anche gravi.
  • L'aumento del livello di prolattina associato all'ovaio policistico può causare ridotta tolleranza glucidica con aumento di glicemia e predisposizione al diabete.
  • La toxoplasmosi è un'infezione molto diffusa, che può causare gravi problemi soprattutto se contratta durante la gravidanza. Rappresenta una minaccia per il feto, al quale può creare danni neurologici e cecità. Più la fase della gestazione è precoce più i rischi sono alti, con possibili aborti spontanei.

Tra le cause principali dell'aumento dei livelli di prolattina c'è lo stress, quindi tutte le malattie come gastrite, colite, tachicardia, varicella (molto pericolosa in  gravidanza) possono far innalzare quantità di ormone prodotta dal nostro organismo.

Argomenti: gravidanza Allattamento Prolattina iperprolattinemia prolattina alta
Missing | Pazienti.it
Rosolia

La rosolia è una malattia esantematica causata da un virus, noto come Rubivirus, appartenente alla famiglia dei Togaviridae. La rosolia si contrae per via aerea o tramite contatto diretto con...

Sindrome_delle_gambe_senza_riposo | Pazienti.it
Sindrome delle gambe senza riposo

La sindrome delle gambe senza riposo è una condizione in cui le gambe provocano disagio, di solito la sera, mentre si sta seduti o sdraiati. Il paziente affetto percepisce il...

Missing | Pazienti.it
Sindrome fetale alcolica

La sindrome alcolica fetale è una malattia che colpisce il feto ed è in grado di causare difetti alla nascita, danni cerebrali, una crescita ridotta e anomalie della testa e...

Sintomi_e_cure_della_sciatalgia | Pazienti.it
Sintomi e cure della sciatalgia

La sciatalgia si manifesta con un intenso dolore che parte dal basso della schiena e raggiunge la gamba in alcuni casi fino al piede. I sintomi dolorosi della sciatalgia sono...

Stitichezza | Pazienti.it
Stitichezza

La stitichezza è una condizione molto comune che colpisce le persone di ogni età. Può causare difficoltà nell’espellere le feci, eccessivo sforzo o l’impossibilità di svuotare completamente l'intestino. La stitichezza...

Colestasi_gravidica | Pazienti.it
Colestasi gravidica

La gravidanza può presentare alcune complicazioni piuttosto rare, una di queste è la colestasi gravidica, che è causata dalla presenza di bile nella circolazione sanguigna.

Ovaia | Pazienti.it
Ovaia

L'ovaia è un elemento perlaceo, di colore bianco e situato lungo la parete laterale del bacino in una regione chiamata fossa ovarica . La fossa di solito si trova sotto...

Missing | Pazienti.it
Il parto

Il parto è il culmine di una gravidanza, ovvero il periodo con l'espulsione di uno o più neonati lattanti da una donna.

Nausea | Pazienti.it
Nausea

La nausea è la sensazione di vomito e può essere acuta, di breve durata o prolungata. La nausea può avere cause fisiche o psicologiche.

Vasi_previi | Pazienti.it
Vasi previi

Una delle complicazioni meno comuni in gravidanza è rappresentata dai vasi previi, che si presentano quando uno o più vasi sanguigni placentari o del cordone del bambino attraversano il canale...