Ernia nel cane: sintomi e cure

Valentina Montagna | Editor

Ultimo aggiornamento – 13 Luglio, 2023

Ernia nel cane: i sintomi e cosa fare

L'ernia del disco è una condizione in cui il disco intervertebrale, che si trova tra le vertebre della colonna vertebrale, si sposta dalla sua posizione normale causando una pressione sul midollo spinale conivolgendo i nervi circostanti.

L'ernia nel cane si verifica generalmente nelle razze condrodistrofiche, quelle con la caratteristica conformazione delle zampe molto più corte rispetto alla lunghezza del corpo.

Tra i sintomi dell'ernia, dolori e debolezza; il cane fatica a camminare e può perdere il controllo dei suoi impulsi fisiologici. 

Vediamo nel dettaglio tutto quello che è bene sapere sull'ernia del disco del cane.

Cos'è l'ernia del disco?

Come accennato in precedenza, si tratta di una condizione in cui il disco intervertebrale, una struttura che si trova tra le vertebre della colonna vertebrale, si sposta dalla sua posizione normale. Il disco intervertebrale è composto da un nucleo polposo al centro e da un anello fibroso esterno che lo circonda.

L'ernia del disco si verifica quando il nucleo polposo può sporgere o fuoriuscire attraverso l'anello fibroso. Questo può causare la compressione dei nervi spinali o del midollo spinale.

L'ernia del disco può interessare qualsiasi parte della colonna vertebrale, ma generalmente si verifica nella zona del collo (ernia cervicale) o nella zona lombare (ernia lombare).

Le cause sono diverse: la predisposizione di alcune razze, l'invecchiamento, la degenerazione del disco, traumi o sforzi eccessivi sulla colonna vertebrale. 

Tipi di ernia del disco

Si possono verificare diversi tipi di ernia discale, tra i più comuni:

  • estrusione o prolasso discale, quando l'anello fibroso cede fino a rompersi e il nucleo polposo viene spinto nel canale del midollo spinale
  • ernia o protrusione del disco, quando il nucleo polposo si spinge attraverso l'anello fibroso ma quest'ultimo rimane intatto e non si verifica una fuoriuscita completa del materiale del disco. In altre parole, c'è una sporgenza o una spinta del nucleo polposo senza una rottura completa dell'anello. La protrusione del disco può causare compressione dei nervi spinali circostanti o del midollo spinale, con sintomi simili a quelli dell'ernia del disco completa.

La rottura dell’anulus causata dalla degenerazione del disco è comune nelle razze condrodistrofiche, mentre la protrusione dell'anulus, che si deforma pur rimanendo integro, interessa i cani di grossa taglia e la causa è spesso legata alla degenerazione del disco causata da sforzo intenso e dall’età.

A seconda della gravità della situazione, si possono sviluppare diversi gradi di ernia.

Sintomi dell'ernia del disco del cane

I sintomi possono comparire improvvisamente o manifestarsi gradualmente, e la loro entità dipende dalla posizione e dallo stadio dell'ernia.

I più comuni possono includere:

  • debolezza o paralisi delle zampe posteriori: l'ernia del disco può causare la compressione dei nervi, portando a debolezza o paralisi nelle zampe posteriori o in altre aree del corpo
  • perdita di coordinazione e di equilibrio, instabilità
  • difficoltà a camminare e zoppia
  • difficoltà nel controllo delle funzioni urinarie o intestinali: l'ernia del disco può inibire la capacità del cane di controllare la minzione e la defecazione.

Ci si può accorgere che il cane prova dolore dalle posture che assume, lasciando la testa cadere verso il basso, incurvando la schiena, muovendosi con fatica. 

Il dolore viene provocato dalla pressione che l'ernia esercita sul midollo spinale.

È importante capire dove si è verificata la rottura del disco intervertebrale, che può verificarsi in qualsiasi punto della colonna vertebrale del cane, con sintomi che variano in base alla zona interessata e alla gravità della condizione.

Quando si verificano casi di estrusioni discali a livello toraco-lombare, invece, si potrà notare che il cane tende a incurvare la schiena, manifestando la condizione della cifosi e la difficoltà a muoversi. 

Là dove il quadro si complica con ernie dagli esiti compressivi, si possono anche sviluppare paresi o paralisi delle zampe posteriori.

Le cause dell'ernia del disco nel cane

Le cause dell’ernia del disco nel cane sono diverse ma tra queste, come premesso, la predisposizione anatomica di alcune razze di cane che porta alla degenerazione del disco.

Le razze condrodistrofiche, cani di taglia piccola, sono più predisposte a sviluppare l'ernia del disco, ovvero quelle caratterizzate da arti molto più corti rispetto alla lunghezza del corpo, tra queste:

jack russell in braccio a una persona

Nelle altre razze, invece, non condrodistrofiche, la patologia si può manifestare a causa dell'età avanzata. Tra le più soggette per la lunghezza del rachide e per la debolezza del rivestimento del disco invertebrale:

  • Boxer
  • Doberman
  • Golden Retriever
  • Husky
  • Labrador
  • Pastori tedeschi
  • Rottweiler.

Le cause che possono portare all'ernia del disco sono anche legate alle sollecitazioni continue a carico dell'anello fibroso che, col tempo, tende a sgretolarsi. Oppure all'origine dell'ernia discale può esserci un trauma, una lesione alla colonna vertebrale.

Altre cause sono da ricercare nello stile di vita del cane o in altri problemi di natura fisica: obesità, muscolatura debole, non sviluppata o troppa attività fisica intensa.

Cure per ernia del disco nel cane

Il consulto veterinario è sempre necessario per una diagnosi accurata e per stabilire l'approccio terapeutico più opportuno. La diagnosi può avvalersi di metodi diversi, tra questi: l'esame fisico, le radiografie, la risonanza magnetica o altri test più specifici.

Le ernie possono essere di diverso tipo, inquadrarne la giusta natura e gravità è fondamentale per garantire al cane una cura adatta, specifica, e una condizione di vita il più favorevole possibile.

In genere, vi sono alcune misure cautelative e terapie associate, anche naturali, per trattare l'ernia del disco canina:

  • Riposo e limitazioni delle attività: il cane dovrebbe riposare ed evitare attività fisiche intense, come correre o saltare.
  • Terapia farmacologica: il veterinario potrebbe prescrivere farmaci antinfiammatori o antidolorifici per alleviare il dolore e ridurre l'infiammazione. 
  • Terapia fisica: il veterinario potrebbe raccomandare la fisioterapia per aiutare a rafforzare i muscoli circostanti e migliorare la mobilità del cane. Possono essere validi anche il massaggio e terapia acquatica.
  • Terapia chirurgica: in casi più gravi, in cui il trattamento conservativo non dà risultati efficaci nell'alleviare i dolori, o in presenza di una grave compressione del midollo spinale, potrebbe essere necessario un intervento chirurgico per rimuovere l'ernia del disco.

Prevenzione dell'ernia del disco del cane

Alcune cause di questa patologia non si possono evitare, ma la prevenzione può giocare un ruolo molto importante nell'evitare alcuni fattori di rischio.

Ecco alcune misure preventive che possono essere adottate:

  1. Gestione del peso con una dieta equilibrata: mantenere un peso forma del cane è fondamentale per prevenire un sovraccarico eccessivo sulla sua colonna vertebrale. Obesità e sovrappeso possono aumentare lo stress esercitato sulla schiena, contribuendo alla degenerazione del disco. 
  2. Esercizio regolare e appropriato: l'esercizio fisico è importante per mantenere la muscolatura e la flessibilità della colonna vertebrale, ma è anche consigliabile scegliere il tipo di attività più adatto al cane, evitando salti o movimenti bruschi che compromettono la colonna vertebrale. Può essere di supporto il veterinario con le indicazioni specifiche sull'esercizio che può fare il cane, in base all'età, alla razza e alle condizioni fisiche.
  3. Tenere il cane lontano dal pericolo di movimenti bruschi, cadute o botte cadere contro superfici che possono danneggiarne la colonna vertebrale. A questo proposito è consigliabile usare un guinzaglio o una pettorina.
  4. Movimenti corretti nel sollevare il cane: i cani di taglia piccola, soprattutto, devono essere sollevati e mantenuti nella maniera corretta, per evitare traumi involontari ma che possono causare danno alla colonna vertebrale. È bene sostenere l cane con ambedue le mani ed evitare movimenti bruschi.
  5. Visite dal veterinario: a prescindere dalla situazione particolare, i controlli veterinari periodici sono sempre necessari per monitorare la salute generale dell'animale, compresa quella della colonna vertebrale. Il veterinario potrà identificare precocemente i segni di degenerazione del disco o altri problemi spinali e dare le indicazioni necessarie per affrontare l'ernia del disco nel cane.
Valentina Montagna | Editor
Scritto da Valentina Montagna | Editor

La mia formazione comprende una laurea in Lingue e Letterature Straniere, arricchita da una specializzazione in Web Project Management. La mia esperienza nel campo si estende per oltre 15 anni, nei quali ho collaborato con nutrizionisti, endocrinologi, medici estetici e dermatologi, psicologi e psicoterapeuti e per un blog di un'azienda che produce format televisivi in ambito alimentazione, cucina, lifestyle.

a cura di Dr. Luca Buosi
Le informazioni proposte in questo sito non sono un consulto medico. In nessun caso, queste informazioni sostituiscono un consulto, una visita o una diagnosi formulata dal medico. Non si devono considerare le informazioni disponibili come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento o l’assunzione o sospensione di un farmaco senza prima consultare un medico di medicina generale o uno specialista.
Valentina Montagna | Editor
Valentina Montagna | Editor
in Cane

596 articoli pubblicati

a cura di Dr. Luca Buosi
Contenuti correlati
Due cani che giocano con uno che morde l'altro
Riconoscere e gestire il comportamento del cane dominante e aggressivo

Sapere come comportarsi davanti ad un cane dominante e aggressivo è fondamentale per avere una convivenza armoniosa e sicura. Scopri qui come fare.

cane al guinzaglio con la padrona
Come aiutare il cane a defecare?

Come aiutare il cane a defecare e a ritrovare la sua naturale regolarità intestinale? Scopriamo i rimedi più utili per superare la stitichezza canina.