Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Risposte
  3. Apnee Notturne Nei Bambini Come Curarle Cmp 012

Come trattare le apnee notturne nei bambini?

Buongiorno, il mio bambino di 5 anni fa la pipì a letto. Ho iniziato a portarlo a letto con me, per controllarlo durante il sonno. Ho notato un insolito russare e poi smettere, ho scoperto le apnee notturne nonostante la tenerissima età. Parlando con il pediatra, mi ha consigliato la polisonnografia, dicendo che in effetti la pipì a letto e il sonno agitato possono essere legati a questo problema nella respirazione. Se l'esame dovesse diagnosticare le apnee, il mio bambino sarà costretto a dormire con un supporto ventilatorio? Per sempre o per un periodo limitato di tempo? Come si curano le apnee nei bambini?

A cura del dr. Giuseppe Pingitore, specialista in pediatria. 

Buongiorno,
comprendo la tua preoccupazione. Quando parliamo di OSAS nei bambini, i sintomi sono altrettanto chiari: sonno agitato, pause nella respirazione, stanchezza diurna o, talvolta, iperattività. È circa il 3% dei bambini colpiti e sì, l’esame della polisonnografia durante il sonno serve per una diagnosi precisa, ma non solo.

Sarò opportuno eseguire anche: 

Se la sindrome dovesse essere riscontrata e non dovesse essere possibile agire sulle cause (ad esempio, nel caso di adenoidi o tonsille gonfie, rimuovendole), la terapia ventilatoria non invasiva, CPAP, potrà favorire il corretto flusso di aria. 

Per quanto tempo?

Chi può dirlo: sarà bene controllare il piccolo durante la crescita, per valutare eventuali cambiamenti. 

Sottolineo, però, che è importantissimo non ignorare il disturbo, perché potrebbero esserci complicazioni. Ovvero: 

Ti auguro di capire quanto prima quale sia la condizione del tuo piccolo. Stai tranquilla, vedrai che correttamente seguito andrà tutto per il meglio. 

Hai trovato questa risposta utile?
Risposta a cura di:
Dr. Giuseppe Pingitore
Dr. Giuseppe Pingitore
Roma - Via Mura dei Francesi, 153-161, Ciampino
Altre risposte di questo specialista
Allergia alla parvalbumina: quale esame effettuare?
Potresti fare un esame molecolare con dosaggio di IgE contro Der p 10 o Pen a 1. Tuttavia, trattandosi di disturbi gastrointestinali (esofagite eosinofila?),...
Rinite allergica: quale antistaminico assumere in gravidanza
Gli antistaminici di seconda generazione, caratterizzati da assenza di effetti collaterali quali sedazione e sonnolenza, possono essere assunti in gravidanza in presenza...
Allergia al pelo del cane: come si manifesta?
L'allergia verso un allergene inalante, esempio anche il cane, può presentarsi nel corso della vita. Mi sembra strano che tu sia allergico al...
Allergia al Dermatophagoides: la vaccinazione risulta utile?
Se i precedenti cicli di vaccino al Dermatophagoides hanno portato dei benefici, è consigliabile ripetere un altro ciclo in quanto, anche per l'allergia, come...
Prurito per allergia all'oro: da cosa dipende?
Per quanto non frequente, l'allergia all'oro esiste e comporta per lo più dermatite da contatto e prurito. Nel punto della lesione, si può...
Vedi tutte
Risposte simili
Tetraparesi spastica: in che cosa consiste?
La tetraparesi spastica rientra nel quadro della paralisi cerebrale infantile, che è la manifestazione senso-motoria di un danno cerebrale che si verifica nell'infanzia. ...
Spina bifida: cos'è?
La spina bifida (o mielomeningocele) è una malformazione del sistema nervoso dovuta alla mancata chiusura del tubo neurale fin dalle prime settimane del concepimento. ...
Miosite acuta benigna: cos'è?
La miosite acuta benigna è una condizione transitoria tipica del bambino in età scolare, caratterizzata da tensione e/o dolore muscolare tipicamente localizzato simmetricamente...