Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Sintomi
  4. Vomito Di Sangue

Vomito di sangue

Vomito di sangue
Curatore scientifico
Dr. Marialuisa Lugaresi
Specialità del contenuto
Gastroenterologia

Che cos'è

ll vomito di sangue, noto anche come ematemesi, indica una perdita di sangue generalmente proveniente da esofago-stomaco-duodeno. L’ematemesi non deve essere confusa con l’emottisi, che è l’emissione di sangue con la tosse ed indica una patologia dell’apparato respiratorio.

Vomitare sangue dalla bocca crea in genere un notevole allarme, ma è bene ricordare che l'ematemesi può essere anche provocata da cause non gravi. Tra queste sono incluse l'ingoiare il sangue da una ferita in bocca o il sangue dal naso. Queste cause minori non genereranno in genere alcun danno a lungo termine.

Tuttavia, il vomito con tracce di sangue è sempre un sintomo importante da non sottovalutare e la sua gravità dipende dalla quantità, dall'origine e dalla rapidità dell'emorragia poiché  tale condizione può anche essere causato da condizioni più gravi, come lesioni interne, il sanguinamento di un organo, o la rottura di organi.

Quando il sangue emesso è di colore rosso vivo, scarlatto, significa che l’emorragia è recente e molto pericolosa perché il paziente sta perdendo sangue velocemente. Se invece è marrone scuro tendente al nero, significa che il sangue è rimasto per più tempo nell’apparato digerente ed ha già subìto l'azione corrosiva dei succhi gastrici contenuti nello stomaco.

L’ematemesi è di solito accompagnata da una serie di sintomi generali importanti, quali:
In generale possiamo affermare che l'ematemesi è quasi sempre connessa a una perdita di sangue nella prima parte del tratto gastrointestinale (esofago stomaco o duodeno), mentre quando la perdita ematica è situata nel tratto intestinale si parla di ematochezia.

Altri sintomi spesso associati ad ematemesi possono essere: enterorragia (il sangue stimola la peristalsi intestinale), ematochezia e melena (emissione di feci di colorito scuro, nere, perché commiste ad abbondante sangue parzialmente digerito).

Sintomi caratteristici dell'ematochezia possono essere sangue rosso vivo nelle feci o feci con sangue.

Colore

Il vomito di sangue può essere di colore marrone.

Il sangue marrone spesso è simile ai fondi di caffè quando viene vomitato. Il sangue proveniente dallo stomaco, che secerne acido cloridrico, presenta un caratteristico colorito marrone per denaturazione della Hb (vomito caffeano); in caso di emorragie di minore entità, il sangue viene eliminato con le feci ed assume un tipico colorito nerastro (melena).

Il colore del sangue nel vomito spesso può indicare al medico la fonte e la gravità del sanguinamento. Per esempio, il sangue scuro indica generalmente che l'emorragia proviene da una fonte gastrointestinale superiore, come lo stomaco.

Il sangue più scuro di solito proviene da una fonte meno intensa e costante di sanguinamento.

Il sangue rosso brillante, d'altra parte, spesso indica un episodio acuto di sanguinamento proveniente dall'esofago o dallo stomaco. Il vomito giallo o il vomito verde scuro invece, detto anche vomito biliare, è invece in genere di natura ostruttiva, ed è causato da un ristagno di bile nello stomaco.

Cosa fare

Il colore del sangue nel vomito non sempre indica la fonte e la gravità del sanguinamento, quindi è sempre necessaria la valutazione del  medico di fiducia.

Nel caso di una grande quantità di sangue nel vomito (pari a una piccola tazza), o se si vomita sangue e si hanno contemporaneamente capogiri o alterazioni nella respirazione, è necessario recarsi immediatamente al pronto soccorso o chiamare il 118 per un'ambulanza.

Cause

Le cause del vomito di sangue sono moltissime. 

Esse variano per gravità da lievi a gravi e possono essere la conseguenza di un infortunio, una malattia, o dell'uso di farmaci. Tale sintomatologia si riscontra frequentemente in pazienti affetti da febbre emorragica di Marburg o da febbre gialla.

In sintesi, l’ematemesi può essere provocata da tutte le malattie che determinano la comparsa di:
  • lesioni ulcerative:
  • erosioni o rottura di vasi sanguigni a livello dell’esofago e dello stomaco:
  • ulcera peptica.
Le cause delle tracce di sangue nel vomito possono dipendere da condizioni minori quali:
  • l'irritazione all'esofago o esofagite;
  • epistassi;
  • deglutizione di sangue;
  • lesioni nell'esofago a causa di tosse cronica o vomito;
  • ingoiare un corpo estraneo.
Altre cause comuni del vomitare sangue sono:
  • effetti collaterali dell'aspirina;
  • assunzione di alcuni farmaci, come i FANS;
  • indagini strumentali recenti;
  • gastrite emorragica, o infiammazione dello stomaco con perdita di sangue;
  • effetti collaterali di alcuni farmaci non steroidei anti-infiammatori;
  • pancreatite.
Le cause più gravi di ematemesi sono:
Tutte le cause devono in ogni caso essere sottoposte a un'attenta valutazione medica.

Sintomi

Il sintomi del vomito di sangue possono essere presenti insieme al vomitare sangue. Questi sintomi includono, ma non sono limitati a:
L'ematemesi può anche indicare una grave emergenza medica. Chiamare l'ambulanza (il 118) o recarsi immediatamente al pronto soccorso in presenza di uno di questi sintomi:

Diagnosi

Non si deve assolutamente aspettare perché di vomito di sangue (emorragia esofago-gastro-duodenale) si muore.

La diagnosi di vomito di sangue o ematemesi è effettuata tramite fibroscopia gastrica, che permette di determinare l’origine del sanguinamento e di formulare la diagnosi.

L’endoscopia superiore (esofogogastroduodenoscopia) viene effettuata in uin Pronto Soccorso attrezzato per identificare la fonte del sanguinamento.  Il medico inserirà un piccolo tubo flessibile chiamato endoscopio in bocca e lo spingerà giù nello stomaco fino al duodeno. Una telecamera a fibre ottiche nel tubo consente al medico di vedere il contenuto del tratto digestivo superiore e di esaminare dall'interno tutte le fonti di sanguinamento.

Il medico può ordinare un esame del sangue per controllare i valori. Questo consentirà di valutare la quantità di sangue perso.

Una biopsia può essere effettuata anche per determinare se la fonte di sanguinamento è di tipo infiammatorio, infettivo o canceroso. Il medico può ordinare ulteriori test in base al risultato dell'emocromo.

Il medico può ordinare esami di diagnostica per immagini, per guardare dentro il corpo.

Una tomografia o altri tipi di esami possono rivelare anomalie nel corpo come la rottura di organi o crescite anomale. Gli esami di diagnostica per  immagini più utilizzati a questo scopo sono:
  • TAC;
  • ultrasuoni;
  • raggi X;
  • MRI.

Complicazioni

Le complicazioni di vomito di sangue sono svariate e per questo è importante che l'intervento su questa condizione sia quanto mai tempestivo.

Il soffocamento, o l'aspirazione, è una delle principali complicazioni di ematemesi. L'aspirazione del sangue nel vomito, anche se rara, può essere pericolosa per la vita se non viene trattata immediatamente. Esso può infatti portare a un accumulo di sangue nei polmoni, alterando la capacità di respirare correttamente.

Le persone che sono a rischio di aspirazione del contenuto dello stomaco sono:
A seconda della causa, il vomito di sangue può causare alcune complicazioni per la salute. L'anemia è un'altra potenziale conseguenza di un sanguinamento eccessivo.

È una carenza di globuli rossi sani. Essa si verifica in particolare quando la perdita di sangue è rapida e improvvisa.

Tuttavia, le persone con condizioni che progrediscono lentamente, come la gastrite, o persone che fanno un uso abituale di FANS possono sviluppare anemia per diverse settimane o mesi. In questo caso, l'anemia può rimanere asintomatica fino a quando l'emoglobina, o emocromo, raggiunge valori molto bassi.

Il vomito di sangue causato da un eccessivo sanguinamento può anche portare a shock. I seguenti sintomi sono segnali caratteristici di shock:
Se non trattato immediatamente, shock può portare ad una diminuzione della pressione sanguigna seguito da coma e morte. In presenza di sintomi di shock, è bene farsi portare immediatamente al pronto soccorso o chiamare il 118.

Trattamento

L’ematemesi rappresenta una grave emergenza medica; è quindi fondamentale recarsi prontamente in una struttura ospedaliera per ricevere assistenza, dove il personale medico provvederà alla stabilizzazione emodinamica del paziente tramite la somministrazione per via endovenosa di sangue intero o con sostituti del sangue (soluzioni colloidali o simili).

A seconda della quantità di sangue perso, potrebbe quindi essere necessaria una trasfusione di sangue. Una trasfusione sostituisce il sangue perso con quello del donatore. Potrebbe essere anche necessaria una flebo di fluidi per reidratare il corpo. Il medico può prescrivere alcuni farmaci per fermare il vomito o per diminuire l'acidità di stomaco. In presenza di un'ulcera, il medico prescriverà i farmaci per il trattamento.

Altri interventi medici possono riguardare la somministrazione di preparati che favoriscono la coagulazione oppure in casi più severi interventi chirurgici d’urgenza. Nei casi in cui l’episodio emorragico subisce una diminuzione spontanea, è invece possibile procedere all’aspirazione del contenuto gastrico tramite sondino o attraverso la somministrazione di farmaci antiacidi.

In alcuni casi più gravi di sanguinamento gastrointestinale superiore, un gastroenterologo può eseguire un'endoscopia superiore per diagnosticare e trattare la fonte del sanguinamento e di effettuare un trattamento terapeutico sulle lesioni sanguinanti.. Nei casi più gravi può essere necessario un intervento chirurgico. I casi gravi possono anche includere un'ulcera sanguinante o lesioni interne.

Alcuni alimenti e bevande aumentano la probabilità di vomito di sangue. Evitare cibi altamente acidi e bevande alcoliche. Se si consumano regolarmente questi alimenti o bevande, il medico prescriverà una dieta speciale per ridurre questo rischio.
Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Difficoltà di deglutizione
La difficoltà di deglutizione è una condizione che può essere collegata a disturbi transitori che interessano bocca e gola o può essere p...
Reflusso biliare (vomito biliare)
Il reflusso biliare o vomito biliare è un sintomo che si manifesta attraverso conati di vomito verde. La bile, riversandosi nello stomaco...
Nodo alla gola (bolo isterico)
Il nodo alla gola o bolo isterico è un sintomo associato a numerose patologie; questa sensazione può dipendere da numerose cause, ma occo...