Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Sintomi
  4. Difficolta Di Concentrazione

Difficoltà (e problemi) di concentrazione

Difficoltà (e problemi) di concentrazione
Curatore scientifico
Dr. Paola Valenzano
Specialità del contenuto
Neurologia Psicologia

Cosa si intende per difficoltà di concentrazione?

Con il termine “attenzione” si indica una la capacità psichica di focalizzare l'attività mentale su uno o più stimoli precisi, aspetti o elementi in un contesto particolare. La capacità di attenzione può variare notevolmente in base all'umore, al grado di stress e all'età del singolo individuo, nonché in rapporto alle condizioni ambientali.

Si può dunque considerata la difficoltà di concentrazione come il risultato di variazioni o alterazioni della capacità mentale di mantenere l'attenzione fissa su uno stimolo ben preciso.

Quali sono le cause della difficoltà di concentrazione?

La difficoltà di concentrazione può essere influenzata anche dall'interesse e dalla motivazione su specifici oggetti o argomenti, o meglio, dalla loro mancanza. La difficoltà di concentrazione si può manifestare anche in presenza di alcune problematiche quali:

  • anemia da carenze di ferro;
  • malattie neurologiche (come l'Alzheimer);
  • depressione e disturbi d'ansia;
  • carenza di sonno e stress eccessivo.

Anche l'abuso di alcol può indurre difficoltà di concentrazione, così come l'utilizzo di droghe (come, per esempio, l'eroina e la cocaina), che possono causare danni cerebrali permanenti.

Anche alcuni farmaci, come gli ansiolitici, possono avere tra gli effetti collaterali una difficoltà di concentrazione e un calo dell'attenzione.

Quali sono le cause della difficoltà di concentrazione nei bambini?

I cali di attenzione e i problemi di concentrazione nei bambini possono essere connessi a una parassitosi intestinale. Questi casi riguardano in genere bambini iperattivi, con disturbi del sonno, pallore ed emissione involontaria di urina (enuresi).

Una estrema difficoltà di concentrazione in età pediatrica può anche essere un sintomo della sindrome da deficit di attenzione (ADHD), che spesso può essere accompagnata da iperattività o ipereccitabilità, comportamenti irruenti, assenza di disciplina.

Quali sono i rimedi per la difficoltà di concentrazione?

Per risolvere i problemi connessi ai cali di attenzione e alle difficoltà di concentrazione occorre individuare e agire sulle cause scatenanti.

Vista l'eterogeneità dei fattori che possono provocare cali di concentrazione, è impossibile indicare un'unica soluzione. Occorre innanzitutto limitare i fattori di stress e adottare uno stile di vita sano ed equilibrato. In presenza di patologie specifiche sarà poi di volta in volta il medico curante a scegliere la migliore metodica di intervento.

Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Crisi epilettiche (attacchi epilettici)
Si stima che in Italia circa il 5% della popolazione abbia avuto o avrà almeno una volta nella vita una crisi epilettica, ovvero una scar...
Astinenza
L'astinenza è la condizione che si manifesta in assenza di uso di farmaci, sostanze o comportamenti a lungo perpetuati.
Dolore neuropatico
Il dolore neuropatico si manifesta come diretta conseguenza di un danno o di una malattia che colpisce il sistema nervoso.