Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Malattie
  4. Legionella

Legionella

Legionella
Curatore scientifico
Dr. Tania Catalano
Specialità del contenuto
Medicina generale Pneumologia

Cosa è la legionellosi?

La legionellosi è una grave forma di polmonite, accompagnata da febbre e sintomi simil-influenzali, causata dal batterio legionella.

La legionella fu così denominata nel 1976, quando si diffuse rapidamente tra i partecipanti di un raduno della Legione Americana, in un hotel di Philadelphia, facendo ammalare 221 persone e causando la morte di 34 di esse. Successive ricerche hanno identificato come fonte di contaminazione batterica il sistema d'aria condizionata dell'hotel. Il problema era stata la mancanza di manutenzione dei filtri di vecchi climatizzatori.

Ecco perché è importante sostituire sempre i filtri degli impianti di condizionamento e pulire di frequente tutti quegli strumenti potenzialmente ospitali per il batterio (cornette delle docce, piastre dei ferri da stiro, tubature, serbatoi, ecc.).

La legionellosi è classificabile tra le infezioni nosocomiali, poiché negli ospedali i germi possono diffondersi facilmente e le persone ricoverate sono più vulnerabili all'infezione, in quanto già malate o immunodepresse.

Mortalità per legionella

Se non trattata la legionellosi può essere letale. La legionella esiste anche in Italia e, sebbene questo batterio non abbia scatenato fenomeni epidemiologici di massa in anni recenti, è possibile che si verifichino casi di contagio e/o decesso.

Nel luglio 2018 si sono verificati tre decessi di pazienti anziani colpiti dalla legionella; oltre ad essi, si sono contati una trentina di contagiati, nei pressi di Bresso (Milano).

Esistono diversi tipi di legionellosi?

La legionellosi può causare due tipi di patologie:

  • più grave, caratterizzata da una forma di polmonite acuta;
  • meno grave, caratterizzata da febbre Pontiac.

Del batterio della legionella sono state identificate 50 specie diverse e 71 ceppi differenti (sierotipi). È un organismo aerobio: ciò significa che ha bisogno del'aria per vivere e per diffondersi. Questo batterio pericoloso prolifera in ambienti acquatici caldi, a circa 32-45°C.

Per cercare di tutelarsi, è importante capire dove si trova la legionella. In genere, è possibile riscontrarla in laghi, fiumi e negli specchi d'acqua stagnante, la cui temperatura riesce a raggiungere una gradazione ideale. Anche le acque termali o sorgive, i fanghi e i sistemi di irrigazione (fontane, impianti idrici, piscine, irrigatori per piante) possono costituire il luogo perfetto in cui questo batterio può proliferare.

Tra tutti i tipi di legionella, il più temibile per la salute è la legionella pneumophila, che può diffondersi sia traamite circuti idraulici che attraverso sistemi di condizionamento dell'aria. Infatti, l’habitat ideale della legionella è l’acqua.

Come si diffonde il batterio?

Il contagio non è interumano ma avviene per inalazione dei batteri, soprattutto respirando l’aria degli impianti di raffreddamento, nei quali potrebbe annidarsi il batterio perché vi trova l’ambiente ideale per crescere. Il contagio, più precisamente, avviene dunque attraverso l'inalazione di particelle di acqua contaminata dalla legionella, allo stato gassoso (getto dei rubinetti, acqua calda delle docce e vapori, impianti di umidificazione)

Per questo, il batterio tende a proliferare in ambienti umidi e riscaldati, come tubature e condensatori. La legionella può diffondersi anche attraverso:

  • l'acqua della cornetta delle docce;
  • ferri da stiro a vapore;
  • impianti di irrigazione;
  • serbatoi.

Per quel che riguarda le condizioni di proliferazione, favoriscono la sua diffusione sedimenti organici, ruggini e depositi di materiali. Occorre, pertanto, prestare attenzione a situazioni quali:

  • stagnazione;
  • incrostazioni e sedimenti;
  • biofilm;
  • presenza di organismi come le amebe.

Gli adulti più anziani, i fumatori e i soggetti con sistema immunitario indebolito sono particolarmente sensibili alla legionellosi.

Quali sono i soggetti a rischio?

La legionellosi può colpire un qualunque individuo, senza differenze di età e genere. Tuttavia, la diffusione del batterio è più comune in:

  • persone anziane;
  • fumatori;
  • soggetti affetti da patologie polmonari croniche.

Inoltre, sono particolarmente a rischio i soggetti:

Gli uomini sembrano essere più a rischio delle donne; l'età avanzata, inoltre, assieme a ciascuna condizione delibitante per l'organismo, offre una maggiore predisposizione al contagio, come avviene per molte altre malattie batteriche.

Quali sono i sintomi della legionellosi?

La legionellosi presenta i sintomi tipici dell'influenza, come:

Inoltre, il batterio può causare il malfunzionamento renale e la polmonite. La fase di incubazione della legionella varia tra i 2 e i 10 giorni.

Diagnosi della legionella

Per distinguere l'infezione di legionella dalla polmonite e da altre patologie, è necessario eseguire dei test diagnostici specifici, come:

Inoltre, si potrà accertare la presenza di legionella attraverso:

  • l’isolamento del batterio dallo sputo;
  • l’analisi degli antigeni presenti nelle urine;
  • il livello di anticorpi nel sangue.

Come si cura la legionella?

La terapia per curare la legionellosi prevede un trattamento farmacologico a base di antibiotici, efficace nella maggior parte dei casi, specialmente in pazienti non immunodepressi.

Dopo la guarigione, la malattia non lascia segni, nonostante secondo alcune ricerche il paziente può continuare a sentirsi stanco, deconcentrato e con dolori muscolari per qualche tempo. 

Prevenzione della legionella

Come già detto, per scongiurare il rischio di infezione da legionella, è necessaria una regolare manutenzione degli impianti di aerazione, nonché di quelli idraulici. Occorre:

  • sostituire spesso i filtri dei condizionatori (in casa, in macchina, in ufficio);
  • lasciar scorrere un po' d'acqua se un rubinetto è rimasto inutilizzato a lungo;
  • sostituire o pulire periodicamente la cornetta della doccia;
  • evitare tubazioni eccessivamente lunghe;
  • non favorire i contatti tra aria e acqua in serbatoi non sigillati;
  • prediligere tubazioni di rame, materiale che riduce la proliferazione della legionella;
  • pulire periodicamente vaschette con acqua stagnante per evitare la formazione di biofilm, incrostazioni, ecc.;
  • cambiare l'acqua e tenere puliti i bacini di acqua stagnante.
Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Pneumococco
Lo Streptococcus pneumoniae (pneumococco) è un batterio Gram-positivo responsabile della maggior parte delle polmoniti acquisite in comun...
Mastocitosi
La mastocitosi è una condizione che si verifica quando i mastociti si accumulano nella pelle o in alcuni organi interni. Può essere di du...
Sindrome di Kartagener
La sindrome di Kartagener è una malattia genetica con un'ereditarietà autosomica recessiva, che comprende una triade di condizioni quali:...