Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Prestazioni
  4. Gastroscopia Con Esame Istologico

Gastroscopia con esame istologico

Gastroscopia con esame istologico
Curatore scientifico
Dr. Enrico Tempèra
Specialità del contenuto
Gastroenterologia

In cosa consiste la gastroscopia con esame istologico?

L'endoscopia gastrointestinale e l'acquisizione di campioni di tessuto sono essenziali per la diagnosi e il trattamento di varie malattie del sistema digestivo.

È fondamentale capire perché i gastroenterologi eseguono biopsie solo in alcuni casi.

Ecco le malattie per le quali si effettua più spesso una gastroscopia con esame istologico e la procedura che di solito viene seguita:

  • Malattia da reflusso gastroesofageo: biopsie dirette per irregolarità della mucosa.
  • Esofago di Barrett senza displasia: biopsie ai 4 quadranti ogni 2 cm; con displasia di basso grado: biopsie ai 4 quadranti ogni 1-2 cm; con displasia di alto grado: biopsie ai 4 quadranti ogni 1 cm
  • Esofagite eosinofila: 2 o 4 biopsie dell'esofago prossimale; da 2 a 4 biopsie dell'esofago distale; biopsia dell'antro gastrico e del duodeno se c'è sospetto di gastroenterite eosinofila.
  • Esofagite infettiva: biopsie dalla base delle ulcere.
  • Candidiasi esofagea: biopsie delle aree colpite più citologia esfoliativa.
  • Helicobacter pylori: biopsia dalla curvatura minore dell'antro entro 2-3 cm dal piloro; biopsia dalla curvatura maggiore dell'antro entro 2-3 cm dal piloro; biopsia dall'incisura angolare.
  • Gastrite atrofica metaplastica ambientale: una biopsia da ogni quadrante dell'antro; 2 biopsie dall'incisura angolare; 4 biopsie dal corpo; 7 biopsie casuali dalla cavità gastrica.
  • Gastrite atrofica metaplastica autoimmune: biopsie se sospette lesioni endoscopiche.
  • Polipi gastrici: polipectomia quando possibile; tutti i polipi adenomatosi e i polipi iperplastici > 2,5 cm devono essere rimossi.
  • Polipi multipli: il più grande polipo deve essere rimosso; biopsie ricostruttive dei polipi più piccoli.
  • Polipi iperplastici e adenomatosi: biopsie della mucosa circostante.
  • Ulcera peptica: biopsie multiple dalla base e dai bordi se c'è sospetto di malignità; ricerca di infezione da H. pylori.
  • Malattia celiaca: fino a 6 biopsie.
  • Colonscopia microscopica: 2 o più biopsie dal colon ascendente; 2 o più biopsie dal colon trasversale; 2 o più biopsie dal colon discendente; 2 o più biopsie dal colon sigmoideo; 3 o 4 biopsie dal colon destro e sinistro
  • Malattia infiammatoria intestinale: 2 o più biopsie da 5 diverse posizioni, tra cui l'ileo e il retto; biopsie aggiuntive di tutti i segmenti del colon per valutare la presenza e il grado di infiammazione.
  • Pancolite: biopsie dei 4 quadranti ogni 10 cm.
  • Colite segmentaria: biopsie dei 4 quadranti ogni 10 cm limitati alle aree interessate negli esami precedenti.
  • Polipi colonici: polipi piccoli (<5 mm) possono essere rimossi con le pinze da biopsia.
  • Polipi più grandi (> 2,5 cm): dovrebbero essere rimossi tramite polipectomia.

In cosa consiste la gastroscopia con esame istologico per la malattia da reflusso gastroesofageo?

La malattia da reflusso gastroesofageo è una patologia molto comune. La complicanza più comune è l'esofagite. Le biopsie sono dirette solo alle irregolarità della mucosa, se clinicamente opportuno. In questa situazione la biopsia non è raccomandata.

In cosa consiste la gastroscopia per l’esofago di Barrett?

La complicanza istologica più grave nella malattia da reflusso gastroesofageo è lo sviluppo dell'esofago di Barrett, in particolare la sua associazione con l'adenocarcinoma esofageo, la cui incidenza è aumentata. L'esofago di Barrett è identificato endoscopicamente e confermato istologicamente dalla sostituzione della normale mucosa dell'esofago distale dall’epitelio colonnare metaplastico ed è attualmente la causa principale delle biopsie esofagee. La presenza di metaplasia intestinale e la portata delle modifiche determinano il follow-up successivo.

Il protocollo prevede di eseguire biopsie nei 4 quadranti ogni 2 cm. In accordo con i risultati istologici, i follow-up dovrebbero essere i seguenti:

  • nell'esofago di Barrett senza displasia, si raccomanda di eseguire biopsie dei 4 quadranti ogni 2 cm ogni 3-5 anni;
  • nell'esofago di Barrett con displasia di basso grado, si consiglia di effettuare biopsie dei 4 quadranti ogni 1-2 cm ogni 6-12 mesi;
  • nell'esofago di Barrett con displasia di alto livello, si raccomanda di eseguire biopsie dei  4 quadranti ogni 1 cm ogni 3 mesi, in assenza di trattamento per la sua eradicazione.

In cosa consiste l'esame per l’esofagite eosinofila?

L'incidenza dell'esofagite eosinofila è aumentata negli ultimi decenni. Gli studi basati sulla popolazione suggeriscono una prevalenza superiore a 1: 1000 individui, con una maggiore incidenza nei maschi e vi è una chiara associazione con altre patologie atopiche. I principali sintomi includono disfagia e impazione del cibo e la sua diagnosi richiede l'integrazione clinica, endoscopica e le caratteristiche istologiche.

I risultati istologici possono essere discontinui nella sua distribuzione. È importante specificare che altre condizioni possono presentare l'eosinofilia della mucosa esofagea. In quanto tale, lo schema delle biopsie più universalmente accettate consiste nell'esecuzione di 2 o 4 biopsie dell'esofago prossimale, da 2 a 4 biopsie dell'esofago distale e delle biopsie dell'antro gastrico e del duodeno nei casi sospetti di gastroenterite eosinofila. Alla presenza di eosinofilia compatibile con la diagnosi, l'endoscopia deve essere ripetuta dopo un test di 8 settimane di somministrazione di un protone inibitore della pompa.

In cosa consiste l'esame per l’esofagite infettiva?

Con l'aumento dell'impiego di immunosoppressori nel contesto del trapianto di organi e delle malattie infiammatorie croniche, in situazioni oncologiche con bisogno di chemioterapia e con l'infezione epidemica da parte del virus dell'immunodeficienza umana (HIV), le infezioni causate da agenti patogeni come il citomegalovirus, l’herpes virus e la candida sono diventati relativamente comuni.

L'esofagite virale si presenta macroscopicamente come lesioni ulcerate. Sebbene non vi sia un numero minimo di biopsie previsto, l'ottenimento di 3 campioni ha una sensibilità di almeno l'80%. In casi sospetti, le biopsie dovrebbero essere orientate verso i bordi delle ulcere. Le analisi mediante coltura virale possono aiutare a stabilire la diagnosi.

La colonizzazione di candida è frequenza nell'orofaringe, ma può diventare patogena e causare esofagite in individui immunocompromessi. La candida albicans è la specie più comune. Nella sospetta candidosi esofagea, si raccomanda di eseguire più biopsie dell'area interessata. La complementazione delle biopsie con una citologia esfoliativa può aumentare la sensibilità diagnostica.

Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Rettosigmoidoscopia con esame istologico
La rettosigmoidoscopia con esame istologico è una tecnica strumentale che consente di ispezionare il retto e il sigma e il prelievo di un...
Visita gastroenterologica pediatrica
La visita gastroenterologica pediatrica viene effettuata per diagnosticare la presenza di eventuali malattie dell'apparato digerente che ...
Ecografia addome Inferiore
L'ecografia addome inferiore è una tecnica diagnostica per immagini non invasiva che interessa vescica e prostata nell'uomo, e vescica, u...