Sei un professionista sanitario? Iscriviti
Medicina Termale Ortognatodonzia Agopuntura Allergologia Anatomia ed istologia patologica Andrologia Anestesia Angiologia Audiologia Auxologia Biochimica clinica Cardiochirurgia Cardiochirurgia pediatrica Cardiologia Check-up Chinesiologia Chiropratica Chirurgia ambulatoriale Chirurgia d'urgenza Chirurgia del piede Chirurgia dell'apparato digestivo Chirurgia dell'obesità Chirurgia della mano Chirurgia della spalla Chirurgia endoscopica Chirurgia epato biliare Chirurgia generale Chirurgia laparoscopica Chirurgia maxillo facciale Chirurgia mininvasiva Chirurgia oncologica Chirurgia orale Chirurgia pediatrica Chirurgia plastica Chirurgia refrattiva Chirurgia senologica Chirurgia toracica Chirurgia toracico-vascolare Chirurgia vascolare Consulente Olistico Consulente Professionale in Allattamento Materno Counseling Criminologia Cure termali Day hospital Day surgery Dermatologia Dermosifilopatia Detenuti Diabetologia Diagnostica per immagini Dietologia Educatore Professionale Ematologia Emodialisi Emodinamica e chirurgia endoluminale Endocrinologia Endodonzia Endoscopia Epatologia Farmacia Farmacologia clinica Fisiatria Fisiokinesiterapia Fisiopatologia della riproduzione Fisioterapia Flebologia Foniatria Gastroenterologia Genetica Geriatria Ginecologia Gnatologia Grafologia Grandi ustioni Grandi ustioni pediatriche Hospice Igiene dentale Igiene e medicina preventiva Immunologia Implantologia Infermieristica Iridologia Laboratorio analisi Logopedia Lungodegenti Malattie infettive e tropicali Medicazioni Medicina complementare Medicina del dolore Medicina del lavoro Medicina dello sport Medicina di comunità Medicina estetica Medicina fisica e riabilitativa Medicina generale Medicina interna Medicina iperbarica Medicina legale Medicina metabolica Medicina molecolare Medicina nucleare Medicina psicosomatica Medicina subacquea Medicina tropicale Microbiologia e virologia Microchirurgia Musicoterapia Naturopatia Nefrologia Nefrologia (abilitaz. al trapianto) Nefrologia pediatrica Neonatologia Neuro-riabilitazione Neurochirurgia Neurochirurgia pediatrica Neurofisiopatologia Neurologia Neuropsichiatria Neuropsichiatria infantile Neuropsicologia Neuropsicomotricità Nido Nutrizione Nutrizione e dietistica Nutrizione Olistica Oculistica Odontoiatria conservativa Odontoiatria e stomatologia Odontostomatologia Omeopatia Omotossicologia Oncoematologia Oncoematologia pediatrica Oncologia Optometria Ortodonzia Ortopedia e traumatologia Ortopedia-chirurgia della colonna vertebrale Ortottica OSA - Operatore Socio Assistenziale OSS - Operatore Socio Sanitario Ossigenoterapia Osteopatia Ostetricia Otologia Otorinolaringoiatria Parodontologia Patologia Clinica Pedagogia Clinica Pediatria Pedodonzia - odontoiatria pediatrica Pensionanti Pneumologia Podologia Posturologia Proctologia Pronto Soccorso Protesi dentaria Psichiatria Psicologia Psicoterapia Radiologia Radioterapia Radioterapia oncologica Recupero e riabilitazione funzionale Recupero e riabilitazione posturale Reumatologia Riabilitazione Riabilitazione cardiologica Riabilitazione neuromotoria e ortopedica Riabilitazione ortopedica Riabilitazione psiconeurogeriatrica Rianimazione RSA - Case di Riposo Salute mentale Scienza dell'Alimentazione Senologia Sessuologia Shiatsu Stroke unit Tecniche di radiologia medica Tecnico Audioprotesista Tecnico Ortopedia Tecnico sanitario di neurofisiopatologia Terapia del dolore Terapia intensiva Terapia intensiva neonatale Tossicologia Unità coronarica Unità spinale Urologia Urologia pediatrica Vulnologia Week surgery

Cerca

Chiudi
Specialità
Città
Medicina Termale Ortognatodonzia Agopuntura Allergologia Anatomia ed istologia patologica Andrologia Anestesia Angiologia Audiologia Auxologia Biochimica clinica Cardiochirurgia Cardiochirurgia pediatrica Cardiologia Check-up Chinesiologia Chiropratica Chirurgia ambulatoriale Chirurgia d'urgenza Chirurgia del piede Chirurgia dell'apparato digestivo Chirurgia dell'obesità Chirurgia della mano Chirurgia della spalla Chirurgia endoscopica Chirurgia epato biliare Chirurgia generale Chirurgia laparoscopica Chirurgia maxillo facciale Chirurgia mininvasiva Chirurgia oncologica Chirurgia orale Chirurgia pediatrica Chirurgia plastica Chirurgia refrattiva Chirurgia senologica Chirurgia toracica Chirurgia toracico-vascolare Chirurgia vascolare Consulente Olistico Consulente Professionale in Allattamento Materno Counseling Criminologia Cure termali Day hospital Day surgery Dermatologia Dermosifilopatia Detenuti Diabetologia Diagnostica per immagini Dietologia Educatore Professionale Ematologia Emodialisi Emodinamica e chirurgia endoluminale Endocrinologia Endodonzia Endoscopia Epatologia Farmacia Farmacologia clinica Fisiatria Fisiokinesiterapia Fisiopatologia della riproduzione Fisioterapia Flebologia Foniatria Gastroenterologia Genetica Geriatria Ginecologia Gnatologia Grafologia Grandi ustioni Grandi ustioni pediatriche Hospice Igiene dentale Igiene e medicina preventiva Immunologia Implantologia Infermieristica Iridologia Laboratorio analisi Logopedia Lungodegenti Malattie infettive e tropicali Medicazioni Medicina complementare Medicina del dolore Medicina del lavoro Medicina dello sport Medicina di comunità Medicina estetica Medicina fisica e riabilitativa Medicina generale Medicina interna Medicina iperbarica Medicina legale Medicina metabolica Medicina molecolare Medicina nucleare Medicina psicosomatica Medicina subacquea Medicina tropicale Microbiologia e virologia Microchirurgia Musicoterapia Naturopatia Nefrologia Nefrologia (abilitaz. al trapianto) Nefrologia pediatrica Neonatologia Neuro-riabilitazione Neurochirurgia Neurochirurgia pediatrica Neurofisiopatologia Neurologia Neuropsichiatria Neuropsichiatria infantile Neuropsicologia Neuropsicomotricità Nido Nutrizione Nutrizione e dietistica Nutrizione Olistica Oculistica Odontoiatria conservativa Odontoiatria e stomatologia Odontostomatologia Omeopatia Omotossicologia Oncoematologia Oncoematologia pediatrica Oncologia Optometria Ortodonzia Ortopedia e traumatologia Ortopedia-chirurgia della colonna vertebrale Ortottica OSA - Operatore Socio Assistenziale OSS - Operatore Socio Sanitario Ossigenoterapia Osteopatia Ostetricia Otologia Otorinolaringoiatria Parodontologia Patologia Clinica Pedagogia Clinica Pediatria Pedodonzia - odontoiatria pediatrica Pensionanti Pneumologia Podologia Posturologia Proctologia Pronto Soccorso Protesi dentaria Psichiatria Psicologia Psicoterapia Radiologia Radioterapia Radioterapia oncologica Recupero e riabilitazione funzionale Recupero e riabilitazione posturale Reumatologia Riabilitazione Riabilitazione cardiologica Riabilitazione neuromotoria e ortopedica Riabilitazione ortopedica Riabilitazione psiconeurogeriatrica Rianimazione RSA - Case di Riposo Salute mentale Scienza dell'Alimentazione Senologia Sessuologia Shiatsu Stroke unit Tecniche di radiologia medica Tecnico Audioprotesista Tecnico Ortopedia Tecnico sanitario di neurofisiopatologia Terapia del dolore Terapia intensiva Terapia intensiva neonatale Tossicologia Unità coronarica Unità spinale Urologia Urologia pediatrica Vulnologia Week surgery
Sei un professionista sanitario? Iscriviti

Cardiomegalia

Contenuto di:
Curatore scientifico: Dr. Antonio Magioncalda, Medico Chirurgo
Indice contenuto:
  1. Che cosa è la cardiomegalia?
  2. Quali sono i sintomi più comuni della cardiomegalia?
  3. Quando è il caso di farsi visitare da un medico?
  4. Quali sono le cause della cardiomegalia?
  5. Quali sono i fattori di rischio?
  6. Quali sono le possibili complicazioni?
  7. Come si diagnostica?
  8. Che trattamento seguire?
  9. Come si può cambiare lo stile di vita?

Che cosa è la cardiomegalia?

Un cuore allargato (cardiomegalia) non è una malattia, bensì un segno di un'altra condizione. Il termine cardiomegalia si riferisce ad un cuore allargato notato su una prova di imaging, tra cui raggi X del torace. Sono necessari altri test per diagnosticare la condizione che causa un ingrandimento del cuore.

È possibile sviluppare temporaneamente una cardiomegalia a causa di uno stress, come una gravidanza o una condizione medica, come l'indebolimento del muscolo cardiaco, una malattia coronarica, problemi cardiaci o ritmi cardiaci anormali.

Alcune circostanze possono causare un addensamento del muscolo cardiaco o la dilatazione di una delle camere del cuore, rendendo il cuore più grande. A seconda delle condizioni, un cuore allargato può essere temporaneo o permanente.

Una cardiomegalia può essere curata correggendo la causa. Il trattamento per un cuore allargato può includere farmaci, procedure mediche o chirurgia.

Quali sono i sintomi più comuni della cardiomegalia?

In alcune persone, la cardiomegalia non provoca sintomi. Altri possono avere questi segni e sintomi:

La cardiomegalia in alcuni casi può accompagnare le seguenti condizioni:

  • anemia di lunga data (raro)
  • malattie della tiroide

Anche malattie infiltrative del cuore possono causare un ingrandimento del cuore.

Quando è il caso di farsi visitare da un medico?

La cardiomegalia è più facile da trattare quando viene rilevata in anticipo, quindi, parlare con il medico se si è manifestato un sintomo.

Chiedere assistenza medica di emergenza se si avverte uno qualsiasi di questi segni e sintomi, che può significare che si sta avendo un attacco di cuore:

  • dolore al petto
  • dolori in altre aree del corpo superiore, compresa una o entrambe le braccia, il dorso, il collo, la mascella o lo stomaco
  • severo respiro corto
  • svenimenti

Quali sono le cause della cardiomegalia?

La cardiomegalia può essere causata da condizioni che fanno sì che il cuore pompi più del solito o che danneggiano il muscolo cardiaco. A volte, il cuore si allarga e diventa debole per ragioni sconosciute (idiopatiche).

Una condizione cardiaca con cui si è nati (cardiopatia congenita), un danno dovuto ad un attacco di cuore o un battito cardiaco anormale (aritmia) possono causare l’ingrandimento del cuore. Altre condizioni associate a un cuore allargato includono:

  • alta pressione sanguigna. Il cuore potrebbe dover pompare di più per consegnare sangue al resto del corpo, allargando e addensando il muscolo. L'alta pressione sanguigna può causare l'ingrandimento del ventricolo sinistro, causando l’indebolimento del muscolo cardiaco. L’ipertensione può anche allargare le camere superiori del cuore;
  • malattia della valvola cardiaca. Quattro valvole nel cuore mantengono la circolazione del sangue nella giusta direzione. Se le valvole sono danneggiate da condizioni quali febbre reumatica, un difetto cardiaco, infezioni (endocardite infettiva), disturbi del tessuto connettivo, alcuni farmaci o trattamenti radioterapici per il cancro, il cuore si può ingrandire;
  • malattia del muscolo cardiaco (cardiomiopatia). Poiché questo ispessimento e irrigidimento del muscolo cardiaco avanza, il cuore si può ingrandire per cercare di pompare più sangue al corpo;
  • ipertensione nell'arteria che collega il cuore ai polmoni (ipertensione polmonare). Il cuore potrebbe avere bisogno di pompare più sangue per spostarlo tra i polmoni e il cuore. Di conseguenza, il lato destro del cuore si può ingrandire;
  • fluido intorno al cuore (effusione pericardica). L'accumulo di fluido nel pericardio che contiene il cuore può causare la cardiomegalia visibile sui raggi X del torace;
  • basso numero di globuli rossi (anemia). L'anemia è una condizione in cui non esistono abbastanza globuli rossi sani per trasportare l’adeguata quantità di ossigeno nei tessuti. L'anemia cronica non trattata può portare ad un battito cardiaco rapido o irregolare. Il cuore deve pompare più sangue per compensare la mancanza di ossigeno;
  • disturbi della tiroide. Sia l’ipotiroidismo che l’ipertiroidismo possono portare a problemi cardiaci, tra cui un cuore allargato;
  • eccessiva quantità di ferro nel corpo (emocromatosi). L’emocromatosi è un disturbo per il quale il corpo non metabolizza correttamente il ferro. Ciò può causare un ventricolo sinistro allargato e un indebolimento del muscolo cardiaco;
  • malattie rare che possono influenzare il cuore, come l'amiloidosi. L'amiloidosi è una condizione per la quale le proteine anormali circolano nel sangue e possono depositarsi nel cuore, interferendo con la sua funzione e facendolo aumentare di dimensioni.

Quali sono i fattori di rischio?

Si potrebbe correre un maggior rischio di sviluppare una cardiomegalia, se si ha uno dei seguenti fattori:

  • ipertensione. Avere una pressione sanguigna superiore a 140/90 potrebbe aumentare il rischio di sviluppare una cardiomegalia;
  • una storia familiare di cardiomegalia o di cardiomiopatia. Se un familiare, come un genitore o un fratello, ha avuto una cardiomegalia, si potrebbe essere più suscettibile di sviluppare la stessa condizione;
  • arterie bloccate nel cuore (malattia dell'arteria coronarica). Con questa condizione, le placche grasse nelle arterie del cuore ostacolano il flusso sanguigno attraverso i vasi cardiaci, il che può portare ad un attacco cardiaco. Quando una sezione del muscolo cardiaco muore, il cuore deve pompare di più per ottenere il sangue sufficiente per il resto del corpo, facendolo ingrandire;
  • cardiopatia congenita. Se si è nati con una condizione che colpisce la struttura del cuore, si potrebbe essere a rischio di sviluppare una cardiomegalia;
  • malattia della valvola cardiaca. Il cuore ha quattro valvole, aortica, mitralica, polmonare e tricuspide, che si aprono e si avvicinano al flusso sanguigno diretto attraverso il cuore. Le condizioni che danneggiano le valvole possono causare il dilatamento del cuore.

Quali sono le possibili complicazioni?

Il rischio di complicazioni da cardiomegalia dipende dalla parte del cuore che si allarga e la causa.

Le complicanze di una cardiomegalia possono includere:

  • insufficienza cardiaca. In uno dei tipi più gravi di cardiomegalia, il ventricolo sinistro allargato aumenta il rischio di insufficienza cardiaca. Nell'insufficienza cardiaca, il muscolo cardiaco si indebolisce e i ventricoli si dilatano fino al punto in cui il cuore non può pompare efficacemente il sangue in tutto il corpo;
  • coaguli di sangue. Avere un cuore allargato può rendere più suscettibili alla formazione di coaguli di sangue nella membrana del cuore. Se i coaguli entrano nel flusso sanguigno, possono bloccare il flusso di sangue agli organi vitali, causando un attacco di cuore o un ictus. I coaguli che si sviluppano sul lato destro del cuore possono viaggiare nei polmoni, una pericolosa condizione chiamata embolia polmonare;
  • soffio al cuore. Per le persone che hanno una cardiomegalia, due delle quattro valvole del cuore, le valvole mitraliche e la tricuspide, potrebbero non chiudersi correttamente perché si dilatano, portando ad un ritorno del sangue. Questo flusso crea suoni chiamati mormorii del cuore. Sebbene non siano necessariamente dannosi, i mormorii cardiaci devono essere monitorati dal medico;
  • arresto cardiaco e morte improvvisa. Alcune forme di cardiomegalia possono portare a disturbi al ritmo cardiaco. I ritmi cardiaci troppo lenti o troppo veloci possono causare svenimenti o, in alcuni casi, arresto cardiaco o morte improvvisa.

Come si diagnostica?

Se si avvertono i sintomi di un problema cardiaco, il medico eseguirà un esame fisico per determinare se il cuore è ingrandito e troverà la causa della condizione. Questi test possono includere:

  • radiografia del torace. Le immagini a raggi X aiutano il medico a vedere la condizione dei polmoni e del cuore. Se il cuore esce ingrandito dai raggi X, serviranno altri test per trovare la causa;
  • elettrocardiogramma. Questo test registra l'attività elettrica del cuore attraverso elettrodi collegati alla pelle. Gli impulsi vengono registrati come onde e visualizzati su un monitor o stampati su carta. Aiuta il medico a diagnosticare i problemi del ritmo cardiaco;
  • ecocardiogramma. Questo test per la diagnosi e il monitoraggio di un cuore ingrandito utilizza le onde sonore per produrre un'immagine video del cuore. Le quattro camere del cuore possono essere valutate.

Il medico può utilizzare i risultati per vedere quanto efficacemente stia pompando il cuore, determinare quali camere siano ingrandite, cercare prove di attacchi cardiaci precedenti e determinare se si dispone di patologie cardiache congenite. 

Altri test disponibili sono:

  • Stress test. Un test di stress fornisce informazioni su come funziona il cuore durante l'attività fisica. Implica il camminare su un tapis roulant o pedalare su una bici ferma mentre il ritmo cardiaco, la pressione sanguigna e la respirazione vengono monitorati.
  • Tomografia computerizzata cardiaca o risonanza magnetica. Un tubo a raggi X all'interno della macchina ruota intorno al corpo e raccoglie le immagini del cuore e della cassa toracica. Attraverso una risonanza cardiaca, si utilizza un campo magnetico e onde radio per produrre segnali che creano immagini del cuore.
  • Analisi del sangue. Il medico può ordinare i test del sangue per controllare i livelli di alcune sostanze che possono indicare un problema cardiaco. Possono anche aiutare il medico ad escludere altre condizioni che possono causare i sintomi.
  • Catetere cardiaco e biopsia. Con questa procedura, viene inserito un tubo sottile (catetere) nell’inguine e passato attraverso i vasi sanguigni al cuore, dove un piccolo campione (biopsia) del cuore, se indicato, può essere estratto per analisi di laboratorio.

Che trattamento seguire?

I trattamenti per la cardiomegalia si concentrano sulla correzione della causa.

Se la cardiomiopatia o un altro tipo di condizione cardiaca è la colpa della cardiomegalia, il medico potrà raccomandare l’assunzione di farmaci. Questi possono includere:

  • diuretici per abbassare la quantità di sodio e acqua nel corpo, possono aiutare a ridurre la pressione nelle arterie e nel cuore;
  • inibitori dell'enzima di conversione dell'angiotensina (ACE) per abbassare la pressione sanguigna e migliorare la capacità di pompaggio del cuore;
  • bloccanti del recettore dell'angiotensina (ARBs) per fornire i vantaggi degli ACE inibitori per coloro che non possono assumere ACE inibitori;
  • bloccanti beta per abbassare la pressione sanguigna e migliorare la funzione cardiaca;
  • anticoagulanti per ridurre il rischio di coaguli di sangue che potrebbero causare un infarto o ictus;
  • anti-aritmici per mantenere il battito del cuore a un ritmo normale.

Se i farmaci non sono sufficienti per curare la cardiomegalia, potrebbero essere necessarie procedure mediche o interventi chirurgici come dispositivi medici per regolare il battito cardiaco. Per un certo tipo di cardiomegalia (cardiomiopatia dilatata), può essere necessario un pacemaker che coordini le contrazioni tra il ventricolo sinistro e destro. Nelle persone che potrebbero essere a rischio di aritmie gravi, la terapia farmacologica o un defibrillatore cardiaco impiantabile possono essere un'opzione. Sono piccoli dispositivi, la dimensione di un cercapersone, impiantati nel petto per monitorare continuamente il ritmo cardiaco e fornire scosse elettriche quando necessario per controllare i battiti cardiaci anormali e rapidi. I dispositivi possono anche funzionare come pacemaker.

Se la causa principale della cardiomegalia è la fibrillazione atriale, allora potrebbero essere necessarie procedure per riportare il cuore al ritmo regolare:

  • chirurgia valvolare cardiaca. Se il cuore aumentato è causato da un problema con una delle valvole cardiache, è possibile che venga eseguita una chirurgia per riparare o sostituire la valvola interessata;
  • bypass coronarico. Se la cardiomegalia è correlata alla malattia dell'arteria coronarica, il medico può raccomandare la chirurgia dell'arteria coronarica;
  • dispositivo di assistenza ventricolare sinistra. Se si soffre di un’insufficienza cardiaca, potrebbe essere necessaria questa pompa meccanica impiantabile per aiutare la pompa cardiaca indebolita;
  • trapianto di cuore. Se i farmaci non possono controllare i sintomi, un trapianto di cuore può essere l'opzione finale.

Come si può cambiare lo stile di vita?

Esistono dei modi per migliorare la propria condizione, anche se non è possibile curarla. Il medico può raccomandare i seguenti cambiamenti nello stile di vita:

  • smettere di fumare
  • perdere il peso in eccesso
  • limitare il sale nella dieta
  • controllare il diabete
  • monitorare la pressione sanguigna
  • svolgere un modesto esercizio fisico
  • evitare o eliminare l'alcool e la caffeina
  • cercare di dormire otto ore per notte