Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Sintomi
  4. Renella

Renella

Renella
Curatore scientifico
Dr. Giancarlo Marinelli
Specialità del contenuto
Nefrologia

Cos'è la renella

La renella (dall'italiano aulico "rena" ossia "sabbia") o sabbia renale indica appunto un insieme di aggregazioni cristalline simili alla sabbia che si formano nei reni per poi trasferirsi nelle vie urinarie. Questi aggregati tendono poi a defluire insieme ai liquidi nelle vie urinarie ed escretrici, causando spesso coliche o disturbi della minzione.

La renella, inoltre, si distingue dai calcoli renali poiché gli aggregati sabbiosi di cui è composta risultano molto meno duri e compatti rispetto alla consistenza di un calcolo (che è molto simile a un sassolino). Pertanto, la renella è molto meno dolorosa da espellere attraverso le vie urinarie, al punto che solitamente è una condizione asintomatica, ossia che non presenta sintomi riconoscibili nei pazienti.

Sintomi della renella

Nonostante spesso sia asintomatica, il primo segno di sabbia renale sono proprio i sedimenti di renella, che possono essere notati perché risultano colorati di nuances che vanno dal rosso tenue al bianco. A livello organico, il principale sintomo della renella sono le coliche

Ulteriori sintomi di renella potrebbe inoltre includere:

Cause di renella

La principale causa della renella dipende generalmente da una cattiva alimentazione ma alla base vi è comunque una maggiore predisposizione di alcuni soggetti.

Diagnosi della renella

In genere, per una diagnosi di renella sono indispensabili degli esami delle urine, per individuare la presenza dei caratteristici granuli sabbiosi. I risultati, uniti alla presenza di sintomi caratteristici che vengono rilevati durante la visita medica, sono sufficienti per far diagnosticare la renella e prescrivere una cura appropriata, che consiste nell'assunzione di alcuni farmaci e nel seguire una apposita dieta.

Cura per la renella

Il trattamento per la renella consiste nell’utilizzo di farmaci appositi e soprattutto in un maggiore apporto di acqua. In altri casi si verifica un’espulsione asintomatica e spontanea della sabbia renale.

Le terapie farmacologiche in caso di renella prevedono antidolorifici e antispasmodici, gli stessi farmaci che si prescrivono anche per i calcoli renali, il cui utilizzo è necessario per contrastare subito i sintomi più debilitanti.

Dieta per la renella

Per gestire ma anche per prevenire la renella, è necessario porre particolare attenzione alla propria alimentazione. Essa deve infatti seguire alcune semplici regole e assicurare, ogni gionro, anche un regolare apporto di acqua. 

Renella ai reni: cosa non mangiare

Una corretta dieta contro la renella prevede la riduzione di cibi che contengono sodio e ossalati, che si trovano in:

  • Spinaci
  • Rabarbaro
  • Prezzemolo
  • Erba cipollina
  • Bietola
  • Barbabietola rossa
  • Verza
  • Pomodori verdi
  • Tè verde
  • Cacao in polvere e cioccolato.
Limitare, inoltre, anche il consumo di latticini e uova. Se proprio non si può farne a meno, si consiglia di assumere del calcio carbonato (in compresse) se si mangiano cibi contenenti ossalati: il calcio carbonato, infatti, ne limita l'assorbimento nell'intestino.

A volte è inoltre necessario ridurre i cibi ricchi di purine, come:

  • Frutti di mare
  • Acciughe
  • Sardine 
  • Caviale
  • Aringa
  • Frattaglie
  • Intingoli
  • Brodo di carne
  • Prodotti di cacciagione
  • Carni e pesci grassi (come il salmone o il maiale).
Cosa non bere per la renella

Anzitutto è bene escludere o limitare fortemente dalla propria dieta a base di caffeina, come la coca cola e il caffè. Importante anche non bere tè verde, che contiene sodio e ossalati e ridurre anche le bevande alcoliche.

Cosa bere con la renella

Il consiglio generale è quello di introdurre, ogni ora, almeno 300 ml di liquidi e di aumentare l'apporto idrico durante l'estate e in presenza di attività fisica intensa. In generale, comunque, è bene restare sul litro e mezzo di acqua al giorno.

Anche altre sostanze diuretiche possono rivelarsi molto utili per contrastare le sabbie renali: sì, quindi, a tisane, decotti o infusi in grado di stimolare le urine e favorire, così, l'espulsione dei sedimenti sabbiosi. 

Renella in gravidanza

La renella in gravidanza può far pensare a delle contrazioni o a problemi con il feto, e quindi spaventare la gestante. La sabbie renali durante la gravidanza non sono in realtà pericolose, perché spesso i rimasugli sabbiosi vengono eliminati a livello renale senza particolari complicazioni.

In genere non è necessario ricorrere a terapie farmacologiche, ma è bene comunque seguire la dieta indicata per la renella e aumentare l'apporto idrico quotidiano. In questo modo, spasmi e altri inconvenienti che fanno parte della sintomatologia verranno contenuti in breve tempo.

Rimedi naturali per la renella

I rimedi naturali per la renella prevedono il ricorso a pianta officinale o alimento che possa stimolare la diuresi, che elimina i grani sabbiosi da cui è composta la renella.

Le piante che stimolano la diuresi includono:

  • Betulla
  • Verga
  • Liquirizia
  • Tarassaco
  • Finocchio.
Si può quindi ricorrere alla loro versione essiccata per tisane, decotti e preparati contro la renella, oppure alla loro miscela, per variare un po'.
Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Schiuma nelle urine
Una anomala e persistente quantità di schiuma nelle urine può essere sintomo di patologie del rene.
Glicosuria
La glicosuria è il termine medico usato per indicare la presenza di zuccheri nelle urine. La glicosuria è causata dai glucidi non filtrat...
Creatinina alta
Un valore elevato di creatinina è sintomo di qualche problema a livello renale.