Antiossidanti

Contenuto di: ,
Curatore scientifico: Elisabetta Ciccolella, Farmacista
Indice contenuto:
  1. Cosa sono gli antiossidanti?
  2. Quali sono gli antiossidanti più comuni?
  3. Gli antiossidanti: fattore di benessere o di rischio?
  4. Come lavorano gli antiossidanti?
  5. Qual è il pericolo dei radicali liberi?
  6. Perché è importante assumere antiossidanti nella propria alimentazione?
  7. Come agiscono gli antiossidanti contro l’invecchiamento?
  8. Cosa sono i radicali liberi?
  9. Quanto è importante l'ossigeno?
  10. Cos'è lo stress ossidativo?
  11. Come si tengono sotto controllo i radicali liberi?
  12. Cosa fare in caso di carenza di antiossidanti?
  13. Gli antiossidanti sono presenti nel corpo umano?

Cosa sono gli antiossidanti?

Antiossidanti

Gli antiossidanti sono sostanze chimiche o naturali che possono impedire o ridurre al minimo alcuni danni cellulari. Gli antiossidanti sono presenti in molti alimenti, soprattutto frutta e verdura, ma possono trovarsi anche in altre sostanze come gli integratori alimentari.

Quali sono gli antiossidanti più comuni?

Gli antiossidanti più comuni presenti in natura sono:

  • Beta-carotene
  • Luteina
  • Licopene
  • Selenio
  • Vitamina A
  • Vitamina C
  • Vitamina E

Gli antiossidanti: fattore di benessere o di rischio?

Una dieta ricca di frutta e verdura (alimenti ad alta concentrazione di antiossidanti) riduce i rischi dell’insorgere di alcune malattie.
Un’assunzione eccessiva di antiossidanti, tuttavia, può comportare dei rischi per la salute dell’uomo:

  • alte dosi di beta-carotene possono aumentare il rischio di cancro ai polmoni nei fumatori;
  • alte dosi di vitamina E possono aumentare i rischi di cancro alla prostata e di ictus;
  • alcuni integratori antiossidanti possono interagire con diversi tipi di medicinali, alterandone gli effetti.

Per ridurre al minimo qualsiasi rischio è sempre consigliabile consultare il proprio medico curante in merito all’assunzione di antiossidanti.

Come lavorano gli antiossidanti?

L’ossidazione è un processo naturale che coinvolge tutti i tipi di cellule presenti in natura e avviene durante le normali funzioni cellulari. È causa diretta del deterioramento cellulare: le cellule umane si infiammano, quelle animali e vegetali marciscono.
Gli antiossidanti prevengono questo deterioramento cellulare.
Eppure durante questo processo, mentre il corpo metabolizza l'ossigeno alcune cellule si danneggiano e si trasformano nei cosiddetti “radicali liberi”, cioè molecole che sono libere dall’associazione con altre molecole.

Qual è il pericolo dei radicali liberi?

Nell’organismo umano i radicali liberi uccidono le cellule, danneggiano le molecole e quindi alterano anche il DNA. La funzione degli antiossidanti è di combattere questi radicali liberi.

Alcune tossine esterne facilitano la generazione di radicali liberi all’interno dell’organismo. Ecco le principali:

  • fumo
  • alcool
  • inquinamento atmosferico

Questi attacchi esterni, spesso, possono sopraffare il sistema naturale di difesa dai radicali liberi già predisposto dell’organismo umano. Il frequente susseguirsi nel tempo di attacchi dei radicali liberi può comportare per l’uomo l’insorgere di una serie di gravi malattie croniche:

Perché è importante assumere antiossidanti nella propria alimentazione?

Compensare il più possibile l’azione delle tossine esterne che generano radicali liberi è diventato, soprattutto ai giorni nostri, un bisogno non più trascurabile. Queste tossine, infatti, sono sempre più presenti nell'ambiente (inquinamento atmosferico, fumo passivo…) e il nostro organismo ormai non produce più abbastanza antiossidanti.
Ecco che allora diventa fondamentale porre attenzione anche a quel che si mangia.

Diversi sono gli antiossidanti che concorrono nel difendere il nostro organismo:

  • vitamina C (aiuta catturare il radicale libero e neutralizzarlo)
  • vitamina E (è in grado di rompere la reazione a catena provocata dai radicali liberi sulle cellule)
  • flavonoidi (sono la classe più grande di antiossidanti)
  • polifenoli (sono la classe più piccola di antiossidanti)

Il corpo ha bisogno di un mix di vitamine e minerali (come le vitamine A, C, E, e beta-carotene) per neutralizzare al meglio l’assalto dei radicali liberi.

Multivitaminici e integratori vitaminici possono fornire al corpo il giusto livello di antiossidanti.
Frutta, verdura, cereali integrali, legumi e noci contengono miscele complesse di antiossidanti: ecco il grande vantaggio di mangiare una varietà di cibi sani.

Come agiscono gli antiossidanti contro l’invecchiamento?

I radicali liberi, responsabili di danni irreversibili alla cute, favoriscono l’invecchiamento della pelle.
Anche la frequente esposizione ai raggi solari danneggia fortemente le cellule cutanee.
L’utilizzo di vitamine in ambito cosmetico può favorire l’azione antiossidante contro l’invecchiamento della pelle.

In particolare, le vitamine più utilizzate sono:

  • vitamina A
  • vitamina E
  • vitamina C
  • vitamina B3

Gli effetti prodotti da queste vitamine possono essere molteplici:

  • migliorare lo spessore cutaneo (diminuendo così la profondità delle rughe)
  • migliorare l’idratazione cutanea
  • migliorare l’elasticità della pelle
  • neutralizzare l’azione dei radicali liberi
  • favorire un migliore assorbimento dei raggi solari

Cosa sono i radicali liberi?

I radicali liberi possono intaccare le cellule sane del corpo e causare danni, patologie e gravi disordini. Le cellule danneggiate dai radicali liberi favoriscono l'invecchiamento e malattie come:

  • cancro,
  • malattie cardiovascolari,
  • inefficienza delle funzioni cerebrali,
  • inefficienza del sistema immunitario. 

Quanto è importante l'ossigeno?

Tutti gli organismi viventi utilizzano l'ossigeno per metabolizzare e utilizzare le sostanze nutritive, per produrre energia. Infatti, proprio grazie all'ossigeno è possibile produrre quelle reazioni chimiche che metabolizzano grassi, proteine e carboidrati. Tuttavia, l'ossigeno è un atomo altamente reattivo in grado di essere parte integrante di potenziali danni molecolari, chiamati "radicali liberi". 

Cos'è lo stress ossidativo?

Lo stress ossidativo consiste in uno squilibrio tra i meccanismi pro-ossidanti e antiossidanti, dovuto ad un eccessivo metabolismo ossidativo. Questo tipo di stress può causare una vasta gamma di malattie, fra cui cancro e malattie cardiovascolari e può essere causato da diversi fattori ambientali come:

  • esposizione all'inquinamento,
  • alcol,
  • farmaci,
  • infezioni,
  • dieta povera,
  • tossine,
  • radiazioni. 

Come si tengono sotto controllo i radicali liberi?

La normale formazione dei radicali liberi è controllata naturalmente da vari composti benefici, noti come antiossidanti, che sono in grado di stabilizzare e disattivare i radicali liberi prima che intacchino le cellule.

Esistono svariate sostanze nutritive che contengono antiossidanti, come:

  • vitamina C,
  • vitamina E,
  • betacarotene.

Cosa fare in caso di carenza di antiossidanti?

Una dieta povera di grassi può compromettere l'assorbimento di betacarotene, vitamina E e di altre sostanze nutritive liposolubili. Nel caso di carenza di antiossidanti è necessario assumere frutta, verdura, cereali e oli di alta qualità, perché contengono vitamina C, carotenoidi e vitamina E. Anche alcune sostanze di origine vegetale, note come fitonutrienti o fitochimici, hanno proprietà antiossidanti, così come i composti fenolici, presenti in frutta, verdura e tè verde. 

Gli antiossidanti sono presenti nel corpo umano?

Anche il corpo umano ha dei meccanismi antiossidanti, per esempio, alcuni enzimi, che richiedono determinate sostanze per la loro attività, quali:

  • selenio,
  • ferro,
  • rame,
  • zinco,
  • manganese.