Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Terapie
  4. Cerotto Anticoncezionale

Cerotto anticoncezionale

Cerotto anticoncezionale
Curatore scientifico
Dr. Gianfranco Blaas
Specialità del contenuto
Ginecologia

Cerotto anticoncezionale: cos’è?

Il cerotto anticoncezionale non è un altro che un piccolo cerottino appiccicoso che rilascia ormoni nella pelle per prevenire qualsiasi tipo di gravidanza.

Si tratta di un metodo ormonale di tipo innovativo che ha una quasi totale certezza di riuscita (pari al 99%) e che, inoltre, permette il mantenimento di una vita sessuale regolare da parte delle donne che ne fanno uso. 

Come e quando si applica?

Va da sé che, essendo un trattamento ormonale, il cerotto anticoncezionale deve essere prescritto da un medico prima dell’utilizzo, previa un'accurata analisi della storia clinica della paziente.

Il cerotto è di forma quadrata ed è fatto in modo che internamente aderisca perfettamente. Questo viene applicato sulla pelle che deve essere pulita e asciutta, in modo da poter permettere la migliore aderenza al corpo. Si può applicare su varie parti del corpo, ma mai sul seno o sull’addome in corrispondenza del presunto sito delle ovaie, e occorre comunque cambiare sempre il luogo di applicazione dello stesso, per evitare eritemi o allergie locali.

Per quanto possa sembrare strano, si tratta, nel suo utilizzo, di un metodo contraccettivo più semplice della nota pillola. Va applicato per 3 settimane di fila con una pausa di una settimana e non necessariamente rispettando un preciso orario.

Come funziona?

Va indossato per circa 7 giorni, ovvero per una settimana. Dall’ottavo, va rinnovato e cambiato per passare ad un’altra applicazione. Questo percorso va ripetuto per 3 settimane, al termine delle quali vi sarà una settimana senza utilizzo del cerotto.

Durante quest'ultima, si potrebbe presentare un mini-ciclo nelle vesti di una piccola emorragia da sospensione (si tratta di una cosa, comunque, non certa).

Bisognerebbe essere abbastanza precise in questo tipo di applicazione: dimenticare eventuali cambi o anticipare la rimozione del cerotto rischia infatti di vanificare l'efficacia della contraccezione.

Nello specifico, si ha, in tali casi, la possibilità di dover ricominciare il ciclo utilizzando, nel frattempo, metodi contraccettivi tradizionali e alternativi, quali ad esempio i profilattici.

Il cerotto anticoncezionale fa ingrassare?

Molto spesso, si è pensato che il cerotto anticoncezionale potesse provocare un aumento della massa grassa, nonché della cellulite nelle donne che si sottoponevano a tale trattamento. In realtà, questo è un luogo comune: è possibile riscontrare un piccolo incremento del peso nelle prime 3 settimane di applicazione dello stesso, un aumento di circa 300/500 grammi in 3 settimane.

Successivamente, il corpo tende, nei 7 giorni senza cerotto, a smaltire automaticamente tali quantità di peso accumulate. Questo piccolo aumento sembra dipendere soprattutto dalla ritenzione idrica che, grazie al basso dosaggio ormonale, si risolve nei 7 giorni liberi dal cerotto.

Va specificato, comunque, che la presenza di ormoni, che simulano in un certo modo lo stato gravidico, alterando un po' il metabolismo, deve indurre a osservare una certa dieta, stando particolarmente attente a grassi e zuccheri. Il rischio di aumento di peso appare, comunque, di dimensioni abbastanza irrilevanti.

Qual è il prezzo del cerotto anticoncezionale?

Solitamente, il cerotto anticoncezionale ha un prezzo variabile a seconda della marca cui si fa affidamento.

In ogni confezione, è consueto trovare 3 cerotti che rappresentano quindi un ciclo totale di applicazione: tali pack hanno dei prezzi che oscillano nella fascia che va dai 12 ai 14 euro.

Pro e contro del cerotto anticoncezionale

Si tratta di una metodologia sempre più comune non solo in Italia, ma in tutto il mondo, per via della facilità di applicazione e per la sicurezza di evitare gravidanze indesiderate. Tra i vantaggi, ve ne sono alcuni considerevoli:

  • gli ormoni non sono completamente metabolizzati dal fegato e non lo danneggiano;
  • il ciclo mestruale tende ad essere più regolare ed è quindi utile in caso di problemi legati a scompensi ormonali;
  • contrasta fibromi e cisti ovariche;
  • si tratta di un prodotto senza lattosio e quindi utilizzabile anche da chi ha problemi di intolleranza ad esso.

Tuttavia, è bene tenere presente anche eventuali effetti collaterali tra i quali:

Quali sono le alternative?

Sebbene sia uno strumento particolarmente sicuro e affidabile, è bene tenere in considerazione alcune alternative al cerotto anticoncezionale. Tra queste, le più popolari sono:

  • spirale: evita l’assunzione di ormoni, ma può durare sino a 5 anni, essendo quindi un metodo sufficientemente longevo nel tempo, anche se non ha la sicurezza contraccettiva del cerotto o delle pillole assunte per via orale;
  • anello vaginale: si inserisce direttamente nel corpo, è morbido e trasparente e può funzionare anche contro la nausea;
  • pillola contraccettiva: è il farmaco anticoncezionale con la più alta percentuale di efficacia e può essere utilizzato anche per problematiche non contraccettive.
Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Pillola anticoncezionale
La pillola anticoncezionale è un metodo di contraccezione ormonale molto diffuso per la sua facilità di utilizzo, la sua efficacia e la p...
Lavande vaginali
Le lavande vaginali sono un metodo per pulire la vagina dall’interno e possono essere acquistate in farmacia o fatte in casa. Le lavande ...
Pessario
Il pessario è uno strumento da inserire all'interno della vagina per sostenere le sue pareti; viene usato nel caso di prolasso vaginale.