Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Valori Nutrizionali
  4. Lattoferrina

Lattoferrina

Lattoferrina
Curatore scientifico
Redazione Pazienti
Specialità del contenuto
Farmacia

Cos'è la lattoferrina

La lattoferrina è una proteina presente nel latte vaccino e nel latte umano. Il colostro, il primo latte prodotto dopo la nascita di un bambino, contiene lattoferrina in quantità sette volte superiori rispetto al latte prodotto successivamente.

In particolare, la lattoferrina è uno specifico tipo di glicoproteina, ossia è una siderofillina, e costituisce la più importante riserva di ferro nel latte.

La lattoferrina, conosciuta anche con il nome di lattoferrina umana o apolattoferrina, oltre che nel latte si trova anche nei fluidi degli occhi, nel naso, nelle vie respiratorie e nell'intestino.

Infine, ricordiamo che per il Ministero della Salute, la quantità massima di lattoferrina da assumere in un adulto corrisponde a 200 mg al giorno.

Lattoferrina: a cosa serve

Nell'agricoltura industriale, la lattoferrina serve per uccidere i batteri durante la lavorazione della carne. Nel campo della salute, le persone ricorrono a questa proteina sotto forma di integratore, con scopi farmaceutici. Essa, infatti, aiuta a regolare l'assorbimento del ferro nel corpo dall'intestino.

Sembra anche utile nel proteggere contro le infezioni da batteri, virus e funghi. La lattoferrina, infatti, rallenterebbe la proliferazione batterica, privando di nutrienti i batteri stessi e distruggendone le pareti circostanti.

Infine, la lattoferrina contenuta nel latte materno contribuisce a proteggere i bambini allattati al seno dalle infezioni, conferendo una immunità naturale e anticorpale.

Dal momento che la lattoferrina è risulta anche coinvolta nella produzione di cellule del sangue essa risulta particolarmente efficace per i bassi livelli di ferro nelle donne in gravidanza. Alcune ricerche dimostrano, infatti, che l'assunzione di lattoferrina come fonte di ferro durante la gravidanza potrebbe essere efficace come integratore di solfato ferroso.

Invece, non esistono sufficienti prove per dimostrare l'efficacia della lattoferrina per contrastare:

Benefici della lattoferrina

I benefici della lattoferrina sono numerosi e riguardano principalmente il rafforzamento delle difese immunitarie; essi sono:

  • Lattoferrina come prebiotico - La lattoferrina sostiene il sistema digestivo come prebiotico. Gran parte della nostra digestione avviene, infatti, grazie all'assistenza dei batteri intestinali. A seconda di ciò che si mangia e dei farmaci assunti, si può raggiungere l'equilibrio tra batteri dannosi e batteri benèfici. Alcuni antibiotici uccidono i batteri indiscriminatamente. Alcune dosi di lattoferrina possono però fare in modo che i batteri del microbiota intestinale si mantengano nelle giuste quantità, apportando a questi le giuste dosi di ferro.
  • Lattoferrina come antivirus - La lattoferirna sembra anche avere alcuni effetti antivirali. Anche in questo caso, il compito della lattoferrina è quello di agganciare il ferro libero nel nostro corpo e portarlo alle cellule dove può essere maggiormente utilizzato. Il virus, solitamente, si aggancia a una cellula, vi scarica il proprio DNA, quindi costringe la cellula a replicare massicciamente il DNA per far proliferare il virus che, alla fine, infetta il sistema immunitario. La lattoferrina inibisce l'aggancio del un virus a una cellula, dunque esso non può replicarsi. Esso circola liberamente e in questo modo è maggiore la possibilità che i globuli bianchi e altre difese lo catturino e distruggano.
  • Lattoferrina a beneficio delle ossa - La lattoferrina ha infine un effetto sulla regolazione della crescita ossea e il riassorbimento osseo. Il riassorbimento osseo è il processo attraverso il quale il corpo ricicla il materiale delle ossa per utilizzarlo per altri scopi. Ad esempio, il corpo può avere bisogno di liberare un po' di calcio per tamponare il sangue acido o per aiutare a regolare il battito cardiaco. Quando troppo materiale osseo viene riutilizzato, però, si finisce con ossa deboli o fragili e tutti i problemi che ne derivano. La lattoferrina può invece aiutare ad assicurarsi che il processo di riassorbimento rimanga in equilibrio.

Dove si trova la lattoferrina

I lati positivi di questa glicoproteina sono dunque molti, ma dove si trova la lattoferrina? La si può assumere in due modi: dagli alimenti o assumendo un integratore.

In che alimenti si trova la lattoferrina

La lattoferria, come dice anche il nome, si trova nel latte. Di solito, il latte umano non è in vendita e pertanto si può ricorrere al latte vaccino (contenente lattoferrina bovina).

Integratori di lattoferrina

In caso di intolleranza al lattosio è bene selezionare un buon integratore lattoferrina. La lattoferrina è una proteina del latte e non coinvolge né lo zucchero del latte (lattosio) né il grasso. Un buon integratore di lattoferrina dovrebbe pertanto essere perfettamente sicuro, indipendentemente dal grado di intolleranza verso i l latte.

Lattoferrina e coronavirus

Infine, una ricerca di qualche mese fa condotta dall'Università Sapienza e dall'università di Tor Vergata di Roma, avrebbe palesato la funzione immunitaria della latto-ferrina per contrastare il nuovo coronavirus.

Tale proteina viene, che viene trasmessa al bambino in fase di allattamento, gli conferisce una immunità naturale e anticorpale. Dunque le proprietà anticorpali di questa proteina, somministrate ai pazienti positivi al coronavirus, compresi quelli asintomatici, hanno avuto come conseguenza la scomparsa dei sintomi e la negativizzazione del tampone nel giro di due settimane.

L'impiego di lattoferrina per curare il coronavirus non è però una terapia accertata per contrastare SARS-CoV-2: si tratta, infatti, solo di uno studio preventivo condotto su un campione molto piccolo di persone.
Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati