Mononucleosi

Contenuto di:

La mononucleosi è un tipo di infezione virale che colpisce soprattutto gli adolescenti. La mononucleosi non è una patologia da considerarsi grave, benché il suo protarsi durevole per settimane possa essere considerato spiacevole per i soggetti che la contraggono.

Cos'è la mononucleosi?

Mononucleosi | Pazienti.it

La mononucleosi è un tipo di infezione virale che colpisce soprattutto gli adolescenti. I sintomi più comuni di mononucleosi sono:

  • febbre pari o superiore a 38°C
  • mal di gola
  • linfonodi gonfi
  • spossatezza

La mononucleosi non è una patologia da considerarsi grave di per sé, ma può avere esiti importanti con complicanze; inoltre il suo protarsi durevole per settimane possa essere considerato spiacevole per i soggetti che la contraggono.

Quali sono le cause della malattia?

La maggior parte dei casi di mononucleosi sono causati dal virus Epstein-Barr.

Mononucleosi: sintomi.

I sintomi più comuni di mononucleosi sono:

  • febbre pari o superiore a 38°C
  • mal di gola molto doloroso
  • ingrossamento delle ghiandole linfatiche (linfonodi) del collo e ascelle
  • tonsille gonfie
  • gola arrossata
  • gonfiore delle adenoidi
  • piccole macchie viola sul palato
  • affaticamento (stanchezza estrema)
  • senso generale di malessere
  • mal di testa
  • brividi
  • sudorazione
  • perdita di appetito
  • dolore agli occhi
  • gonfiore delle milza
  • gonfiore intorno agli occhi
  • gonfiore del fegato
  • ittero

Come si trasmette?

La mononucleosi può trasmettersi in diversi modi, ad esempio:

  • bacio (non a caso la mononucleosi è definita la malattia del bacio)
  • esposizione a tosse e starnuti
  • condivisione di utensili da cucina

In qualche casistica la mononucleosi risulta essere infettiva anche 2 mesi dopo la contrazione iniziale, in altri casi anche 18 mesi dopo l’infezione iniziale e altri soggetti possono continuare ad essere portatori del virus di mononucleosi a partire dalla contrazione iniziale anche per molti anni. Tuttavia, avendola contratta una prima volta, la mononucleosi, è difficile che si ripresenti.

Ci sono complicazioni?

Le complicazioni che possono insorgere con la mononucleosi sono:

  • complicanze neurologiche
  • meningite virale: un'infezione delle membrane protettive che circondano il cervello e il midollo spinale
  • encefalite: un'infezione del cervello
  • rottura della milza
  • polmonite: infezione del polmone
  • pericardite: infezione del sacco che circonda il cuore

La ricerca ha scoperto che le persone che hanno contratto la mononucleosi hanno il doppio delle probabilità di sviluppare sclerosi multipla in età avanzata rispetto alla popolazione in generale.

Come si diagnostica la mononucleosi?

Nella diagnosi di mononucleosi si cercherà di individuare i sintomi caratteristici della malattia, come il gonfiore dei linfonodi, delle tonsille, del fegato e della milza mediante:

  • esami del sangue
  • test degli anticorpi
  • test di globuli bianchi

Quali sono i trattamenti terapeutici?

Non esiste attualmente alcuna cura terapeutica per la mononucleosi, ma è possibile comunque utilizzare una serie di tecniche curative per alleviare i sintomi, per esempio:

  • riposare
  • bere molta acqua
  • assumere antidolorifici

Argomenti: rosolia mononucleosi citomegalovirus virus Epstein-Barr malattia del bacio