Emorragia

Contenuto di: ,

L'emorragia è una fuoriuscita di sangue dai vasi sanguigni e può essere arteriosa o venosa, a seconda dei vasi colpiti. Il soccorritore deve fermare subito l'emorragia, comprimendola direttamente o indirettamente.

Che cos'è un'emorragia?

Emorragia | Pazienti.it

L’emorragia è una fuoriuscita di sangue dal letto vascolare. Essa è dovuta alla lesione diretta o indiretta di un vaso sanguigno e la sua entità dipende dal tipo di vaso interessato, se cioè esso sia un’arteria o una vena, e dal suo calibro.

L’emorragia può essere dunque di 2 tipi: se venosa, il sangue di colorito rosso-violaceo fuoriesce lentamente in modo continuativo; sussiste inoltre la possibilità di un arresto spontaneo; se l’emorragia è arteriosa, il sangue fuoriesce a zampilli ritmici con colorito rosso rutilante e la possibilità di arresto spontaneo si ha solo nei vasi di calibro assai piccolo.

Che cosa causa l'emorragia?

Sanguinamento o emorragia, è il nome usato per descrivere la perdita di sangue. Può riferirsi alla perdita di sangue all'interno del corpo, in quel caso viene chiamata emorragia interna. Oppure può riferirsi alla perdita di sangue al di fuori del corpo, chiamata emorragia esterna.

La perdita di sangue può verificarsi da quasi tutte le zone del corpo. Il sanguinamento interno si verifica quando il sangue esce da un vaso sanguigno o da un organo danneggiato. Il sanguinamento esterno avviene quando il sangue esce attraverso una rottura della pelle oppure quando il sangue esce da un'apertura naturale nel corpo, come ad esempio:

Il sanguinamento è un sintomo comune. Una serie di incidenti o condizioni può causare un’emorragia. Le cause possibili includono:

Le persone che hanno disturbi emorragici o prendono diluenti del sangue devono cercare aiuto in caso di sanguinamento.

Chiedere aiuto medico se:

  • la persona ha la febbre
  • il sanguinamento non può essere controllato con una pressione
  • il sanguinamento è stato causato da una grave lesione
  • la ferita può avere bisogno di punti per fermare l'emorragia
  • oggetti estranei sono bloccati all'interno della ferita
  • la ferita sembra essere infettata, con gonfiore o la perdita di un fluido giallo o marrone o presenta arrossamento
  • la lesione si è verificata a causa di un morso di un animale o di un essere umano

Nella maggior parte dei casi, i servizi di emergenza consiglieranno di continuare ad esercitare pressione sulla ferita.

Come possono essere classificate le emorragie?

L'emorragia può essere:

  • esterna: il sangue fuoriesce all'esterno
  • interna: il sangue si raccoglie all'interno del corpo
  • interna esteriorizzata: il sangue si raccoglie all'interno del corpo e fuoriesce all'esterno

L'emorragia interna è riconoscibile attraverso alcuni sintomi, come:

  • polso rapido
  • cianosi
  • sudorazione

In questi casi, è opportuno recarsi subito al pronto soccorso.

Cosa fare in caso di emorragia?

Una persona può sanguinare e morire in cinque minuti. La persona che sta sanguinando dovrebbe provare a rimanere calma per mantenere la propria frequenza cardiaca e la pressione sotto controllo. La frequenza cardiaca o la pressione sanguigna troppo alte aumentano la velocità di sanguinamento.

Ecco alcuni suggerimenti in caso di emorragia grave:

  • far stendere la persona al più presto per ridurre il rischio di svenimento
  • cercare di elevare l'area che sta sanguinando
  • rimuovere le particelle estranee dalla ferita
  • lasciare grandi oggetti come coltelli, frecce o armi dove sono
  • la rimozione di questi oggetti potrebbe causare ulteriori danni e probabilmente aumenterebbe il sanguinamento. In questo caso, utilizzare bende per mantenere l'oggetto in posizione e assorbire il sangue

Per fare pressione sulla ferita, utilizzare quanto segue:

  • panno pulito
  • benda
  • capi di abbigliamento
  • le mani

Mantenere una pressione media finché il sanguinamento non si rallenta e si ferma. Non rimuovere il panno finchè il sanguinamento non si arresta. Utilizzare un nastro adesivo o un capo di abbigliamento per avvolgere la medicazione e tenerla in posizione. Poi, posizionare un pacchetto freddo sulla ferita.

Non togliere il panno dalla ferita, anche se il sangue penetra attraverso il materiale. Aggiungere più materiale in alto e continuare la pressione.

Non spostare nessuno con un infortunio al:

  • capo
  • collo
  • schiena
  • gamba

Non applicare pressione a lesioni oculari.

In rari casi, può essere richiesto un intervento chirurgico per bloccare l'emorragia.

Quali sono le conseguenze di un'emorragia?

Le conseguenze cliniche di un'emorragia sono legate alla sede e all'entità dell'emorragia stessa: così, se una piccola emorragia cutanea può non avere conseguenze cliniche di rilievo, una piccola perdita di sangue nel cervello può avere conseguenze mortali.

Inoltre, se l'emorragia è stata di notevoli proporzioni, tutto l'organismo ne risente, presentando la sindrome da shock emorragico. 

Argomenti: emorragia perdita di sangue emorragia arteriosa emorragia venosa