icon/back Indietro Esplora per argomento

Rooibos: proprietà e modalità di utilizzo del tè rosso

Anna Nascimben | Editor

Ultimo aggiornamento – 02 Febbraio, 2024

Roiboos sfuso

Il rooibos, o tè rosso africano, è una miscela di foglie essiccate dal colore rosso ricca di proprietà interessanti per la salute del nostro organismo. Andiamo alla scoperta di come e perché consumarlo e delle sue eventuali controindicazioni.

Che cos'è il tè rosso rooibos

Rooibos è il termine con il quale si indica una bevanda ottenuta dall'infusione delle foglie di Aspalathus linearis. Questa pianta di origine sudafricana appartiene alla famiglia delle Fabaceae e il nome "roobois" significa, appunto, "cespuglio rosso". 

L'Aspalathus è un arbusto che cresce unicamente nella regione sudafricana del Cederberg e che si caratterizza per la presenza di piccoli fiori gialli e di foglie aghiformi, le quali, una volta che cominciano a diventare secche, assumono la tipica colorazione rossastra da cui deriva il nome "rooibos", che in lingua afrikans vuol dire, appunto, "rossastro".

Per ottenere la miscela che si utilizza come infuso, le foglie dell'arbusto di Aspalathus vengono prima fatte fermentare e poi sottoposte a un processo di essiccazione, sebbene in alcuni casi la fase di fermentazione venga saltata: in questo caso la bevanda ottenuta assume il nome di rooibos verde, per distinguerlo da quello rosso. 

È proprio la fermentazione preliminare delle foglie ad avviare un processo di ossidazione dei polifenoli che poi conferirà al tè il tipo colore rossastro; a differenza del tè tradizionale, tuttavia, il rooibos si caratterizza per una presenza di tannini e di caffeina molto più modesta, e per un sapore più dolciastro e meno amaro.

Al loro interno le foglie contengono un principio attivo chiamato aspalantina (che risulta più concentrato nelle foglie non fermentate), oltre che altre sostanze come la notofagina, l'aspalalina, un mix di altri flavonoidi (rutina, isoquercitina, vitexina, isovitexina) e di acidi fenolici

Il rooibos, anche noto come "tè rosso africano" o red bush, è praticamente privo di teina ma contiene numerosi sali minerali (fra cui magnesio, calcio, fosforo, ferro, etc.), vitamina C e alcuni antiossidanti.

Proprietà del tè rosso rooibos

Il rooibos è una bevanda tradizionale originaria del Sud Africa, dove le foglie essiccate della pianta di Aspalathus vengono lasciate in infusione per ottenere un liquido dissetante dal sapore dolce

Sebbene negli ultimi anni si sia venuto a creare un interesse sempre maggiore nei confronti dell'infuso di rooibos, in realtà i suoi (presunti) effetti salutari sull'organismo non sono ancora stati validati scientificamente. 

Sembra tuttavia che bere questo tè aiuti in caso di:

  • insonnia;
  • ipertensione;
  • asma;
  • stress, caratterizzato da ansia e agitazione;
  • mal di testa;
  • problemi cardiovascolari;
  • spasmi muscolari;

Effettivamente alcuni studi in vitro hanno confermato l'azione benefica di tale bevanda e sembrerebbe che la tisana di rooibos possa contribuire a ridurre il rischio cardiovascolare, a diminuire il valore del colesterolo e la glicemia (se bevuto senza zucchero), oltre che a contrastare l'insorgenza dell'arteriosclerosi.

Secondo la tradizione locale, il rooibos veniva utilizzato dalle donne per alleviare le coliche dei neonati, visto che questa bevanda essendo naturalmente priva di caffeina e dal gusto dolce, può essere consumata anche dai bambini. 

Essa sembra quindi avere proprietà antispasmodiche, analgesiche e antivirali, inoltre, grazie al buon concentrato di vitamina C e di flavonoidi, può contribuire a rallentare l'invecchiamento cellulare. 

Proprio l'alta concentrazione di flavonoidi e di vitamina C rende il rooibos particolarmente utile nella lotta contro i radicali liberi: esso contiene, infatti, la quercetina, che ha proprietà antinfiammatorie e aiuta a ridurre la pressione sanguigna, e l'aspalatina, che contribuisce a bilanciare il livello di zuccheri nel sangue e di conseguenza a migliorare la resistenza dell’insulina, rappresentando un valido aiuto nella lotta contro il diabete di tipo II.

undefined

Il rooibos è anche una bevanda energizzante che aiuta a ridurre la fatica muscolare, inoltre ha un effetto stimolante sulla muscolatura e sulla circolazione

Alcuni consigliano di bere il tè rosso rooibos per dimagrire, visto che esso svolge un'azione drenante e depurativa che aiuta a eliminare i liquidi in eccesso, oltre al fatto che esso favorirebbe la digestione contribuendo a sgonfiare l'addome.

Come usare il rooibos

In Sud Africa la tisana di rooibos viene utilizzata principalmente come bevanda dissetante e si prepara allo stesso modo del tè, ovvero mettendo in infusione le foglie secche in acqua bollente. 

Può eventualmente essere dolcificata con zucchero o miele e si può altresì aggiungere del latte (il cosiddetto "rooibos chai"), sebbene il suo gusto sia già di per sé abbastanza dolce.

In commercio è inoltre possibile trovare l'infuso di rooibos sotto forma di pratiche bustine da immergere in acqua bollente


Potrebbe interessarti anche:


Le modalità di preparazione della bevanda sono, infatti, simili a quelle del tè tradizionale e sebbene non esista una dose giornaliera standard raccomandata, si consiglia di porre in infusione circa 750-3000 mg di foglie essiccate e poi di assumere il liquido ottenuto durante l'arco della giornata. 

Il tè rooibos si può trovare in erboristeria, online o presso negozi specializzati.

La miscela di foglie secche si lascia in infusione per circa dieci minuti a 95° e, proprio come il tè, esso può anche essere consumato freddo.

Controindicazioni del tè rosso

La tisana di rooibos non presenta particolari controindicazioni o effetti collaterali, tuttavia è da ricordare che la sua assunzione potrebbe diminuire l'assimilazione del ferro, a causa della concentrazione di tannini presente al suo interno (la quale è, comunque, minore che in altri tipi di tè). 

Il rooibos inoltre può ridurre l'azione di alcuni farmaci, come ad esempio il midazolam.

Grazie all'assenza di caffeina, al basso contenuto di tannini, al suo sapore dolce e alla concentrazione di utili sostanze antiossidanti, il tè rosso africano può essere consumato anche dai bambini e dagli anziani, inoltre esso può essere bevuto anche prima di andare a letto perché non ha una funzione eccitante sul sistema nervoso e non disturba il riposo notturno

Per quanto riguarda l'utilizzo di rooibos in gravidanza, esso non è sconsigliato, tuttavia si consiglia di chiedere indicazioni al proprio medico prima di assumerlo.

Condividi
Anna Nascimben | Editor
Scritto da Anna Nascimben | Editor

Con una formazione in Storia dell'Arte e un successivo approfondimento nello studio del Digital Marketing, mi occupo da anni di creare contenuti web. In passato ho collaborato con diversi magazine online scrivendo soprattutto di sport, vita outdoor e alimentazione, tuttavia nel corso del tempo ho sviluppato sempre più attenzione nei confronti di temi come il benessere mentale e la crescita interiore.

a cura di Dr. Maurizio Romano
Le informazioni proposte in questo sito non sono un consulto medico. In nessun caso, queste informazioni sostituiscono un consulto, una visita o una diagnosi formulata dal medico. Non si devono considerare le informazioni disponibili come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento o l’assunzione o sospensione di un farmaco senza prima consultare un medico di medicina generale o uno specialista.
Anna Nascimben | Editor
Anna Nascimben | Editor
in Ricette

839 articoli pubblicati

a cura di Dr. Maurizio Romano
Contenuti correlati
cascara
Cascara: proprietà e modalità di utilizzo

La cascara, anche chiamata cascara sagrada, è una pianta che viene utilizzata come lassativo. Scopriamone insieme proprietà e modalità di utilizzo.

Mani raccolgono erbe spontanee in un campo per metterle in un cestino
Erbe spontanee commestibili: quali sono e come utilizzarle

Erbe spontanee commestibili e piante adatte al consumo umano crescono abbondanti anche in Italia. Scopriamo quali sono le specie più famose e diffuse.

icon/chat