Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Malattie
  4. Leiomioma

Leiomioma

Curatore scientifico
Dr. Mario Filippo Antonio Massa
Specialità del contenuto
Ginecologia Oncologia

Che cos’è il leiomioma?

I leiomiomi dell'utero sono una delle anomalie patologiche più comuni del tratto genitale femminile. La loro presenza aumenta con l'età, e si manifestano tra il 20% e il 50% delle donne di età superiore ai 30 anni. Sebbene possano svilupparsi anche altrove nel corpo, i leiomiomi più frequenti sono nel miometrio.

I leiomiomi dell'utero sono la causa più comune dell'isterectomia e provocano masse associate con una varietà di problemi ginecologici, il più importante dei quali sono la presenza di massa pelvica asintomatica o il sanguinamento vaginale anormale.

Come si manifestano i leiomiomi?

I leiomiomi uterini sono generalmente masse sferiche di tessuto, che possono variare da pochi millimetri a molti centimetri di diametro. Possono crescere molto fino a essere abbastanza grande per ostacolare l’uretra o comprimere grossi vasi o addirittura interferire con la ventilazione polmonare.

La posizione dei leiomiomi è variabile. Di solito, sono si trovano sulla parete dell’utero e sono identificati con un allargamento irregolare del corpo uterino.

Il leiomioma cresce in genere con il tempo fino alla menopausa. Il ritmo di crescita è variabile e imprevedibile. Una varietà di cambiamenti degenerativi posso presentarsi, ad esempio durante la gravidanza, e provocano dolore. 

Quali sono le cause della comparsa del leiomioma?

La causa della comparsa di leiomiomi uterini rimane sconosciuta. Un leiomioma nasce da una singola cellula neoplastica nella muscolatura liscia del miometrio. I fattori responsabili della trasformazione neoplastica iniziale del miometrio a mioma sono ancora da chiarire.

Gli steroidi sessuali, come estrogeni e progesterone, sono da ritenersi un fattore importante della crescita di un leiomioma. La possibilità di sviluppare un leiomioma uterino crescere durante gli anni riproduttivi e regredisce con la menopausa e questo suggerisce che gli ormoni steroidi sessuali siano implicati nella patofisiologia stella del leiomioma.

Quali sono i sintomi del leiomioma?

Anche se i miomi uterini sono comuni, la maggior parte di essi sono asintomatici e non richiedono alcun trattamento.

I sintomi più comuni associati con i leiomiomi sono: 

  • menorragia
  • pressione pelvica o dolore
  • problemi riproduttivi

I principali problemi clinici coinvolti con i leiomiomi dell'utero comprendono la diagnosi differenziale, la gestione della massa pelvica asintomatica e la valutazione del ruolo del fibroma nei vari problemi clinici come il sanguinamento anormale, il dolore, la sterilità e la gravidanza. 

Quali sono i fattori di rischio per lo sviluppo di leiomiomi?

I fattori di rischio più noti per i leiomiomi sono una storia familiare positiva, la nulliparità e l'obesità. I miomi uterini hanno un’ incidenza nelle donne di colore tre volte maggiore rispetto a quella delle donne bianche.

Esiste anche un'associazione tra nulliparità e l'incidenza di fibromi. Il rischio relativo di fibromi diminuisce con un numero crescente di gravidanze portate a termine. Una donna con cinque gravidanze termine ha una riduzione del 25% del rischio di sviluppo di leiomioma rispetto ad un donna nullipara.

Le donne di peso maggiore di 70 kg hanno un rischio quasi triplo di sviluppare fibromi rispetto alle donne di peso inferiore ai 50 kg. L'obesità aumenta il rischio di sviluppare fibromi del 21% per ogni 10 kg di peso.

Il fumo, l'uso di contraccezione orale e l'uso di medrossiprogesterone acetato, un derivato del progesterone, sono stati tutti causa di protezione contro la crescita del leiomioma.

Come viene effettuata la diagnosi?

Di solito i miomi uterini vengono scoperti e diagnosticati durante la visita ginecologica e addominale. L'aggiunta di un’ecografia e, soprattutto, di risonanza magnetica aumentano l’accuratezza nella diagnosi e nella valutazione della misura dei leiomiomi uterini. 

Come viene trattato il leiomioma?

I problemi connessi con il sanguinamento dei miomi sono legati principalmente all’anemia, ma i miomi possono anche creare difficoltà nel mantenere uno stile di vita accettabile a causa dei problemi di dolore pelvico. Il mioma di forma sottomucosa in particolare può essere la causa di emorragia e porta spesso a situazioni di emergenza.

Il trattamento chirurgico non sempre è la soluzione possibile e vanno sempre considerati alcuni fattori come l'età del paziente, lo stato di fertilità, l'impatto dei fibromi sugli organi circostanti e i rischi medici, chirurgici o anestetici che possono complicare il trattamento chirurgico. Ci sono altre due modalità disponibili per il trattamento dei fibromi sintomatici: miolisi e l’embolizzazione dell'arteria uterina. Miolisi viene eseguita penetrando il fibroma in più punti con un ago al neodimio che causa la necrosi termica e spesso atrofizza il mioma.

L’embolizzazione dell'arteria uterina invece viene utilizzato per effettuare una diminuzione del 39-70% in termini di dimensioni uterine e una diminuzione dell'85% dei sintomi della paziente Anche se i risultati delle arterie uterine embolizzate sono stati incoraggianti, si sono verificate spesso gravi complicazioni

Se la fertilità non è un fattore importante, l'isterectomia rimane la terapia tradizionale. 

Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Polipo Cervicale
I Polipi Cervicali (o Polipi della Cervice) sono neoformazioni tumorali benigne, che si originano dall'epitelio della cervice uterina. Si...
Incontinenza
L'incontinenza è una disfunzione dell'apparato urinario caratterizzata dalla perdita involontaria di urina. Conosciamo una incontinenza d...
Vaginismo
Si parla di vaginismo quando i muscoli della vagina si contraggono involontariamente ogni qualvolta vi è un tentativo di penetrazione, ch...