Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Malattie
  4. Malattia Di Hodgkin

Linfoma di Hodgkin

Linfoma di Hodgkin
Curatore scientifico
Dr. Mario Filippo Antonio Massa
Specialità del contenuto
Endocrinologia Oncologia

Che cos'è il linfoma Hodgkin

ll linfoma di Hodgkin è una delle due tipologie di tumori del sistema linfatico; l'altro tipo, linfoma non-Hodgkin, è molto più comune. Il linfoma Hodgkin è chiamato così in onore al medico che lo ha scoperto per primo, ossia Thomas Hodgkin.

Il linfoma di Hodgkin (noto anche come malattia di Hodgkin) è un tumore maligno del sistema linfatico, che fa parte del sistema immunitario. Come è noto, esso difende l'organismo da agenti patogeni e dalle malattie che possono subentrare dall'esterno.

Più nel dettaglio, il linfoma Hodgkin ha origine all'interno dei linfociti B, una tipologia di leucociti presenti un numerosi organi come midollo osseo, sangue, milza, ma anche fegato, polmoni e ossa, per esempio. Nel linfoma di Hodgkin, le cellule del sistema linfatico crescono in modo anomalo e possono diffondersi altrove. Dato però che il sistema linfatico risulta esteso in tutto l'organismo, il linfoma Hodgkin può formarsi in organi differenti, anche se spesso si origina nei linfonodi stessi.

I linfonodi colpiti più di frequente dal linfoma di Hodgkin sono quelli inguinali, addominali, ascellari e del collo. Il primo sintomo del linfoma di Hodgkin coincide con l'ingrossamento di un linfonodo del collo, dell'ascella o dell'inguine; ricordiamo però, onde evitare facili allarmismi, che non sempre i linfonodi ingrossati sono spia di qualche linfoma o tumore maligno. 

I progressi nella diagnosi e nel trattamento del linfoma di Hodgkin hanno contribuito a dare alle persone affette da questa malattia la possibilità di una completa guarigione. La prognosi, inoltre, continua a migliorare.

Stadi del linfoma di Hodgkin

Gli stadi del malattia di Hodgkin sono:

  • Fase I del linfoma di Hodgkin − Le cellule del linfoma sono situate in un gruppo di linfonodi (come nel collo o ascelle).
  • Fase II della malattia di Hodgkin − Le cellule del linfoma interessano almeno due stazioni linfonodali entrambe sopra- o sotto- diaframmatiche.
  • Fase III del linfoma di Hodgkin − Le cellule del linfoma si trovano nei linfonodi sopra e sotto il diaframma.
  • Fase IV della malattia di Hodkin − Le cellule del linfoma si trovano in varie parti di uno o più organi o tessuti.

Sintomi del linfoma di Hodgkin

Tra i sintomi della malattia di Hodkin spicca, come si diceva, l'ingrossamento dei linfonodi (che non fanno male) del collo, delle ascelle o dell'inguine. Risulta necessario ribadire, però, che nella maggior parte dei casi i linfonodi ingrossati non indicano la presenza di un linfoma, bensì un'infezione in corso.

Ulteriori segni e sintomi del linfoma di Hodgkin possono includere:

  • Gonfiore non doloroso dei linfonodi di collo, ascelle o inguine. Esso poi non è motivato da infezioni, né si sgonfia col tempo (solitamente dura più di un mese)
  • Stanchezza persistente
  • Febbre persistente, di origine sconosciuta e che insorge nelle ore serali
  • Sudorazione notturna
  • Perdita di peso e calo di appetito inspiegabili e non dipendenti da diete particolari
  • Forte prurito
  • Maggiore sensibilità agli effetti dell'alcol o dolore nei linfonodi dopo aver bevuto alcol.
Nel caso la malattia abbia colpito i linfonodi del torace, segni del linfoma di Hodgkin possono includere: 

Cause del linfoma Hodgkin

Le cause della malattia di Hodgkin sono legate all'indebolimento del sistema immunitario.  I medici non sono però sicuri della vera causa del linfoma di Hodgkin. Tale linfoma però inizia quando una cellula chiamata linfocita sviluppa una mutazione genetica. La mutazione fa poi sì che la cellula si moltiplichi rapidamente, dando adito a una moltiplicazione esponenziale delle altre cellule soggette a tale mutazione.

La mutazione provoca dunque un gran numero di linfociti sovradimensionati e anormali che si accumulano nel sistema linfatico, dove si affollano anche le cellule sane.

Esistono poi due tipi di linfoma di Hodgkin. La diagnosi si basa sui tipi di cellule coinvolte nella malattia e il loro comportamento. Il tipo di linfoma diagnosticato determina infine le opzioni di trattamento.

Tipi di linfoma Hodgkin

Ci sono due principali tipi di linfoma di Hodgkin e inlcudono:

  • Linfoma classico di Hodgkin − Il linfoma classico di Hodgkin è il tipo più comune di questa malattia. Le persone a cui è stata diagnosticata questa malattia presentano grandi cellule anormali nei loro linfonodi.
  • Linfocita nodulare di Hodgkin − Questo tipo molto più raro di linfoma di Hodgkin coinvolge grandi cellule anormali che a volte sono chiamate "cellule popcorn", a causa del loro aspetto. Il trattamento può essere diverso dal tipo classico. Le persone con questo tipo di linfoma di Hodgkin possono avere una migliore possibilità di una cura quando la malattia viene diagnosticata in una fase precoce.

Chi è colpito dalla malattia di Hodgkin

La malattia di Hodgkin è molto rara nei casi infantili ed è invece più comune in due fasce d'età:

  • tra gli adolescenti e gli adulti tra i 15 ed i 35 anni, in particolare nelle giovani donne;
  • tra gli adulti dai 55 anni in su. 

Diagnosi di linfoma di Hodgkin

Per diagnosticare la malattia di Hodgkin il medico può richiedere una descrizione della storia medica personale e familiare; inoltre si può essere sottoposti ad alcuni dei seguenti esami e test, come:

  • Un esame fisico − Il medico controllerà i linfonodi gonfi nel collo, ascella e inguine, così come una milza o fegato caratterizzati da gonfiore.
  • Esami del sangue − Un campione di sangue viene esaminato in laboratorio per vedere se contiene tracce tumorali.
  • Test di imaging − Il medico può raccomandare test di imaging per cercare segni di linfoma di Hodgkin in altre aree del corpo. Le prove possono includere i raggi X, la TAC e la tomografia a emissione di positroni.
  • Rimozione di un linfonodo per i test − Il medico può raccomandare una procedura di biopsia linfonodale per rimuovere un linfonodo. Si arriva a diagnosticare il linfoma classico di Hodgkin se le cellule anormali si trovano all'interno del linfonodo.
  • Rimozione di un campione di midollo osseo per l'esame − Una biopsia del midollo osseo e la procedura di aspirazione comporta l'inserimento di un ago nel bacino per rimuovere un campione di midollo osseo. Il campione viene analizzato per cercare le cellule di linfoma di Hodgkin.

Fattori di rischio della malattia di Hodgkin

I fattori che possono aumentare il rischio di linfoma di Hodgkin sono:

  • Età − Il linfoma di Hodgkin è più spesso diagnosticato nelle persone tra i 15 e i 30 anni e quelli sopra i 55.
  • Storia familiare di linfoma − Avere un parente con linfoma di Hodgkin o un linfoma non di Hodgkin aumenta il rischio di sviluppare il linfoma di Hodgkin.
  • Essere maschio − I maschi sono leggermente più propensi a sviluppare linfoma di Hodgkin rispetto alle femmine.
  • Aver contratto l'infezione da Epstein-Barr − Le persone che hanno avuto malattie causate dal virus Epstein-Barr, come la mononucleosi infettiva, hanno maggiori probabilità di sviluppare il linfoma di Hodgkin rispetto alle persone che non hanno contratto il virus da Epstein-Barr.
  • Aver contratto l'HIV − Lo stesso si può dire in caso di infezione da HIV, che contribuisce al generale indebolimento del sistema immunitario.

Cura per il linfoma di Hodgkin

La terapia per il linfoma di Hodgkin consente oggi elevate possibilità di guarigione (pari all’85%), soprattutto in giovane età. La scelta del trattamento della malattia di Hodgkin dipende poi dalla sua tipologia (la maggior parte le persone hanno, infatti, il linfoma di Hodgkin classico) e dallo stadio in cui è giunta, dall'età del paziente e dalle sue generali condizioni di salute; le persone affette dalla malattia di Hodgkin possono poi essere trattate con la chemioterapia, la radioterapia, o con entrambe.

Chemioterapia come cura per la malattia di Hodgkin

La chemioterapia è una modalità di trattamento basata su cicli periodici che si susseguono nel tempo (a distanza di alcune settimane); il trattamento si basa nella messa in circolo di combinazioni di farmaci in grado di raggiungere tutte le cellule tumorali da contrastare.

La chemioterapia più impiegato è nota come ABVD, nome che deriva dalle iniziali dei farmaci che lo compongono. Esistono poi modalità terapiche più aggressive, che possono essere utilizzate soprattutto negli stadi più avanzati. Oggi, per diminuire la tossicità a distanza, si tende a limitare il più possibile il trattamento negli stadi iniziali e, nel contempo, ricorrere alla radioterapia, anche se in dosi sempre più ridotte.

Radioterapia per curare il linfoma Hodgkin

La radioterapia ha invece lo scopo di neutralizzare le cellule cancerose tramite le radiazioni. Le moderne tecniche radioterapiche consentono di concentrare le radiazioni nella sola zona tumorale, non colpendo le aree circostanti.

La radioterapia per il linfoma di Hodgkin è utilizzata già negli stadi iniziali, quando il tumore risulta ancora limitato e circoscritto ad alcuni linfonodi. La radioterapia è poi impiegata anche negli stadi più avanzati, soprattutto nelle aree in cui il cancro è molto esteso.
Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Tricodinia
La tricodinia è un fastidio che riguarda il cuoio capelluto e che si manifesta con prurito e dolore.
Teratoma
Il teratoma è un tumore embrionale diffuso, di solito, nelle ovaie e nei testicoli rispettivamente di donne e uomini.
Linfoma
Un linfoma è un cancro che ha inizio nei linfociti, deputate alla difesa del sistema immunitario.